Advertisement

Responsive Advertisement

Recensione: "Danger Zone - Edizione italiana" (Serie Elite #1) di Brooke Blaine & Ella Frank

Titolo: Danger Zone - Edizione italiana
Titolo originale: Danger Zone
Serie: Elite #1
Autrici: Brooke Blaine & Ella Frank
Trad.: Cristina Tormen
Editore: Triskell Edizioni 
Collana: Rainbow
Genere: Contemporaneo 
Pagg.: 173
Prezzo ebook: € 2,99 
Data di uscita: 1 dicembre 2021
Link per l'acquisto: Triskell - Amazon 

Sinossi 
Quando due dei migliori piloti della Marina si sfidano in cielo, tanto quanto a letto, i fuochi d’artificio sono assicurati. 

Mateo Morgan, nome in codice: Solo
Spericolato, arrogante e coraggioso, la fama di Solo nella marina militare degli Stati Uniti è dovuta tanto alla sua reputazione di ragazzaccio quanto alle sue doti di pilota da combattimento. È dunque una sorpresa per i suoi colleghi che abbia scelto di allenarsi e competere nella più prestigiosa accademia di aviazione navale al mondo. 

Grant Hughes, nome in codice: Pantera. 
Disciplinato, sveglio e sicuro di sé, Pantera non ce la fa a non seguire le regole. È il figlio di un comandante in capo della Marina, perciò tutti gli occhi sono puntati su di lui e non essere il numero uno sarebbe inaccettabile. 

Due uomini opposti e complementari, Pantera e Solo, rivali nel lavoro e attratti l’uno dall’altro nella vita privata, tentano di resistere ai loro desideri in una lotta estenuantemente sexy che tiene incollati alle pagine del libro fino alla fine. 

Recensione 
Veloci, sempre più veloci, con il ruggito dei motori nelle orecchie, levandosi in volo sempre più in alto sotto il sole cocente della California — l’adrenalina che riversa eccitazione nelle vene, il corpo vibrante e in sintonia con il jet come se fossero un tutt’uno. 

I tenenti Grant “Pantera” Hughes e Mateo “Solo” Morgan partecipano entrambi al programma di addestramento dell’Accademia di Aviazione Navale da Combattimento degli Stati Uniti. Entrambi sanno di essere tra i migliori piloti del Paese e nessuno dei due è disposto a rinunciare al titolo di vincitore. Tanto riservato e orgoglioso si rivela Pantera quanto sfacciato e temerario è Solo. 

Sono compagni di corso ma la rivalità fra loro è aspra ed estrema. Devono dimostrare di saper fare squadra ma nel contempo solo uno potrà raggiungere il punteggio più alto: il migliore tra tutti!  

Fin dal primo incontro, quando il loro sguardo è entrato in collisione, Pantera e Solo si sono sentiti fortemente attratti l’uno dall’altro. Assecondare il desiderio però non è nei piani di Pantera, semplicemente non se lo può permettere, perché c’è troppo in gioco: la sua carriera, il rapporto con un padre il cui nome è talmente ingombrante, che non può essere accantonato. Il duro lavoro di una vita, insomma, il luogo in cui Pantera è abituato a dare sempre il massimo e a nascondere la propria omosessualità. Cedere al prepotente desiderio, alla feroce eccitazione che Solo gli ispira non è un’opzione. Sarebbe un errore, di certo bellissimo ma pur sempre un errore. Non se ne parla, no! 

Grant però non ha fatto i conti con Mateo — il giovane pilota non accetta un no come risposta. Sfrontato, insistente e con la battuta sempre pronta, Solo è — diciamo — tenace nell'istigare continuamente Pantera. 
Tanto perché tu lo sappia, ho la sensazione che diventerai il mio errore preferito, in assoluto. 
Pantera non riesce, nonostante i propri considerevoli sforzi, a celare il desiderio che gli scurisce lo sguardo, o l’evidente reazione del corpo alle provocazioni del compagno, e questo non fa altro che versare benzina sul fuoco di Solo. Più Pantera si incazza, più lui lo provoca, ancora e ancora... sino all’inevitabile, bollente esplosione della loro eccitazione repressa. 

Grazie alla traduzione fresca e piacevole di Cristina Tormen, Brooke Blaine e Ella Frank accendono la nostra fantasia con questo primo volume della serie Elite, edito da Triskell Edizioni. Tra jet che sfrecciano a velocità supersonica, lanciandosi in avvitamenti mozzafiato, e gli strenui tentativi di Solo di far capitolare Pantera, leggiamo queste pagine senza pause, godendoci un paio di ore spensierate e piuttosto calde. 

La scelta delle autrici di lasciare il lettore a bocca aperta sul finale è l’unica cosa che non ci ha entusiasmato — in effetti siamo piuttosto allergiche ai cliffhanger — ma siamo anche piuttosto fiduciose di non dover attendere molto prima di poter leggere il seguito, e scoprire cosa non solo Mateo e Grant hanno in serbo per noi, ma anche i loro compagni di squadra, i quali più di una volta ci hanno fatto sorridere e lasciato intravedere lo spirito di unione che lega i commilitoni... oltre a una rivalità degna di gorilla pronti a battersi il petto. Uomini! 



Ti è piaciuto questo articolo? Per non perdere i post futuri, seguici cliccando sul pulsante

Posta un commento

0 Commenti