Advertisement

Responsive Advertisement

Recensione: "Cena per uno" (Serie The Carlisles #1) di Meg Harding

Titolo: Cena per uno
Titolo originale: Dinner for one 
Serie: The Carlisles #1
Autrice: Meg Harding
Trad.: Chiara Casaburi
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Genere: Contemporaneo
Pagg.: 200 
Prezzo ebook: € 4,99 
Prezzo cartaceo: € 12,00
Data di uscita: 23 settembre 2021 
Link per l'acquisto: Triskell - Amazon - Kobo

Sinossi 
Bastien non è abituato alle recensioni negative. Il suo ristorante francese è il gioiellino della città, e quando un critico rinomato lo denigra, ne rimane sconvolto. Ma per fortuna trova il modo per distrarsi. Durante il mercatino di dolci alla scuola della nipote, conosce un affascinante scrittore. È appassionato di cibo, di Bastien e di quel sesso un po’ perverso che fanno insieme: la chimica tra loro è una ricetta perfetta.
James non si aspettava di imbattersi in uno chef attraente al mercatino di dolci, e non vuole di certo lasciarsi sfuggire quell’occasione. Quando scopre, con gran sorpresa, che è il proprietario di un locale che conosce – e che ha recensito – si ritrova in una situazione scomoda: potrebbe essere necessario omettere un’informazione vitale perché le cose tra loro due funzionino... almeno per il momento. 

Recensione 
Inizio questa recensione con un sorriso sulle labbra per due ottime ragioni: in primo luogo, "Cena per uno", tradotto da Chiara Casaburi per Triskell Edizioni, conferma ancora una volta il talento di Meg Harding, la sua capacità di creare storie coinvolgenti, romantiche e perfette nel loro svolgimento; in secondo luogo, questo romanzo è stato in grado di farmi innamorare dell'intera famiglia Carlisle, per cui spero di rivederla presto in Italia.

Bastien è un cuoco di origine francese che stravede per la propria famiglia e ama cucinare. La sua passione nel creare piatti a regola d'arte, che siano semplici, elaborati o innovativi, puntando sempre alla perfezione, lo ha condotto a essere lo chef e il comproprietario di un rinomato ristorante francese, L′Amour Dans La Ville, diventato in poco tempo una delle mete preferite dei newyorkesi che sono alla ricerca di eleganza, cortesia e cibi prelibati — requisiti imprescindibili per vagheggiare il vecchio continente con le sue atmosfere raffinate — e di un francese fluente e "gourmet" che delizi le orecchie e non solo il palato.
Non è della stessa opinione Harper Carlisle, critico gastronomico del New York Times. Ogni sua impressione, non proprio positiva, è riportata dettagliatamente nella recensione che costituisce la prima stroncatura per Bastien, il quale si sente ferito non tanto nell′orgoglio quanto nel grande amore che nutre per la propria arte. Un amore che lui riversa in tutto ciò che cucina, che si tratti di un piatto per il suo locale raffinato, o del mercatino dei dolci organizzato dalla scuola frequentata dalla nipote. E sono proprio quei dolci che lui crea per l′occasione, con tutta la bravura e la passione di cui è capace, ad arrivare diritti al palato e al cuore di James, che ha accompagnato il fratello con la sua famiglia all′evento. 

L′attrazione tra i due è reciproca e istantanea, ed è più che sufficiente un secondo incontro perché Bastien prenda nuovamente James per la gola, e per accendere e alimentare una passione che continuerà nelle settimane seguenti. 
Ben presto, però, quella che era semplice attrazione sessuale diventa qualcosa di più profondo, un legame in cui i gesti, seppur nuovi, sembrano collaudati, come se Bastien e James si conoscessero da sempre. Tra loro, le risate si accompagnano alle coccole, e i momenti di romanticismo sono di quelli che trasformano gli occhi a cuoricino durante la lettura. 

James, tuttavia, ha un segreto che non ha mai confessato a Bastien, e più passa il tempo, più diventa difficile confessare la propria colpa. 
Può, forse, l′amore riuscire a far superare un’omissione tanto dolorosa? E nel momento in cui l′amore non sembrerà bastare, quale potrà essere la mossa giusta per riconquistare il cuore di un uomo che ama cucinare e mangiare?
Proprio nei momenti più difficili, ecco venire in aiuto i fratelli Carlisle. 
Sono sincera, è impossibile non innamorarsi di tutti loro. Se avviene qualcosa nella vostra vita, sappiate che i Carlisle ne verranno a conoscenza in un battibaleno — un tam tam che si diffonde tra tutti i fratelli, ovunque si trovino, fino ad arrivare ai loro genitori. Per dirla in parole povere, sono dei pettegoli di prima categoria. Ma, allo stesso modo, accorrono sempre da ogni luogo si trovino e invadono casa tua per consolare il tuo cuore ferito e trovare la soluzione perfetta per guarirti e aiutarti a riconquistare l′uomo che ormai ami con tutto te stesso. E quando i Carlisle si mettono in testa qualcosa, niente e nessuno può fermarli. 

Meg Harding torna in Italia con un nuovo libro e una nuova serie, e questo mi ha reso enormemente felice. Ho letto tutti i suoi romanzi tradotti e pubblicati in Italia, conquistandomi ogni volta con la sua bravura, e la serie The Carlisles, come ho già sottolineato, ne è un’ulteriore conferma. 
Ho amato la storia di James e Bastien: la loro attrazione è sì fulminea, ma il sentimento cresce pagina dopo pagina, e il fatto che la Harding non si soffermi troppo sulle scene di sesso — grazie dal profondo del mio cuore – descrivendo solo il minimo indispensabile, non mi ha fatto storcere il naso o saltare pagine intere, come accade quando il troppo stroppia e annoia. Il sesso tra James e Bastien è bello da leggere, e tutto quello che accade tra loro, e che li porta a essere una coppia affiatata, lo è ancora e molto di più. 

In "Cena per un uno" c′è una storia ricca e ben costruita, ci sono personaggi che fanno parte della vita dei due uomini accuratamente caratterizzati; c′è un’atmosfera ricca di affetti e di amore, di risate e di dolore che si cerca in tutti i modi di alleviare. Ci sono amici, famiglia e tanto, tanto cibo preparato con amore, per passione e per conquistare, e che alla fine conquista anche chi legge questo primo volume e aspetta con trepidazione la prossima portata.
Consigliatissimo, et donc, oui, très bien


Ti è piaciuto questo articolo? Per non perdere i post futuri, seguici cliccando sul pulsante

Posta un commento

0 Commenti