Advertisement

Responsive Advertisement

Recensione: "Contro natura" (Serie Enlightenment #4) di Joanna Chambers

Titolo: Contro natura
Titolo originale: Unnatural
Serie: Enlightenment #4
Autrice: Joanna Chambers
Trad.: Claudia Milani
Casa Editrice: Triskell Edizioni 
Genere: Storico
Pagg.: 245 
Prezzo:  4,99
Data di uscita: 15 giugno 2021
Link per l'acquisto: Triskell - Amazon - Kobo 

Sinossi 
Il capitano Iain Sinclair ha tutto: la bellezza, il fascino, gli onori militari e persino il favore del re in persona. Tutto, tranne l’amicizia dell’unico uomo la cui opinione ha sempre contato: il naturalista James Hart.
James ama Iain da tutta la vita, ma dopo il loro ultimo, disastroso incontro si è ripromesso di non accontentarsi più delle briciole che l’altro è disposto a dargli: se l’amico non può essere il compagno che lui desidera, allora meglio tagliare i ponti una volta per tutte.
Deluso dalla sua carriera e infelice senza James, Iain decide di lasciare l’esercito e cominciare da capo in India. Prima di dire addio all’Inghilterra, tuttavia, è determinato a cercare per l’ultima volta la riconciliazione con il suo più caro amico.
L’invito a un ricevimento in campagna da parte della sorella di James gli fornisce l’occasione perfetta per mettere il giovane con le spalle al muro e costringerlo ad ascoltare le sue scuse. Ma quando scopre che l’amico non ha cambiato idea e non è disposto a scendere a compromessi, Iain si trova costretto a riconsiderare ogni cosa, dalla sua vita, alla sua carriera, ai suoi sentimenti. 

Recensione 
Dopo aver letto l’appassionata storia d’amore tra il bel tenebroso Lord Murdo Balfour e il dolce e risoluto avvocato David Lauriston, protagonisti dei primi tre volumi della serie Enlightenment, Joanna Chambers ci riporta nelle campagne inglesi del 1824. 
Ah, l'epoca Regency! Tutto di questa periodizzazione storica affascina gli animi romantici come i nostri: le opulente dimore degli aristocratici, gli abiti sfarzosi, i balli sontuosi e, ovviamente, gli amori contrastati... Eppure, per tanti inglesi — e non solo — quello fu un periodo piuttosto buio. L’amore tra due uomini era considerato contro natura e giudicato un crimine punibile con la forca. Amarsi nel 1800 era quanto di più lontano potesse esserci dall’idea romantica che molto spesso abbiamo idealizzato. Ma nonostante il terrore viscerale di perdere ogni cosa, non ultima la vita stessa, nonostante fosse stato insegnato loro di essere nati profondamente sbagliati, alcuni di quegli uomini ce l’hanno fatta — perché, a dispetto di tutto, il cuore sempre reclama per sé ciò che sente essere giusto. Possibile che l’attrazione e l’amore tra persone dello stesso sesso fossero qualcosa di tanto abominevole, quando ogni parte del loro Io, del loro corpo, gridava con forza il contrario? 
Contro Natura” è la storia di Iain e James, due uomini che dopo anni di dubbi, di timori, di speranze più o meno infrante, di forte attrazione e dolore cocente, hanno ottenuto il loro lieto fine. Non per un caso fortuito ma grazie alla tenacia e alla perseveranza, grazie a un coraggio immenso che ha permesso loro di far emergere con prepotenza i sentimenti che hanno sempre provato l’uno per l’altro. 

Questo racconto presenta caratteristiche un po' differenti rispetto alla storia di Murdo e David; l’autrice si è soffermata prevalentemente sugli stati d’animo dell’ex capitano Sinclair e del suo amico d’infanzia, il naturalista James Hart. Nonostante Joanna Chambers mostri una volta di più, e con chiarezza, la sua profonda conoscenza storica e l’accuratezza dei dettagli descritti, il periodo in cui è ambientata la vicenda si percepisce più come una pennellata sullo sfondo che come parte integrante del romanzo. Qui la protagonista indiscussa è la relazione che coinvolge i due protagonisti. 

Il romanzo è scritto in terza persona e le vicende seguono il punto di vista di entrambi i personaggi, per cui siamo testimoni della forte amicizia che sboccia tra due ragazzini imberbi, i quali non potrebbero essere più diversi: sfacciato e affascinante Iain, caparbiamente tenace James. 
Mentre si alternano passato e presente, ripercorriamo i passi più importanti che hanno caratterizzato l’evolversi della loro amicizia. Durante la lettura abbiamo la possibilità di conoscere i loro pensieri più profondi e privati, i dubbi che costellano un rapporto che, anno dopo anno, diventa sempre più importante e pericoloso. Scopriamo la determinazione che si cela dietro il carattere apparentemente remissivo di James e il terrore che fin dall’adolescenza annoda le viscere di Iain, il quale è molto abile nel dissimulare, o fingere, qualsiasi emozione con arte, con la sua presenza affascinante e con i suoi modi seducenti, al punto da renderlo uno dei favoriti nella corte di Re Giorgio. 

Sarà proprio l’ex capitano a dover compiere una scelta che avrà ripercussioni incalcolabili sulla sua vita. È pensabile che un uomo con i suoi desideri possa vivere accanto all’uomo che ama ed essere felice? Se persino l’amico Murdo è riuscito a coronare il suo sogno, forse potrebbe esserci speranza anche per lui e Jamie, no? Jamie, che è la luce nel buio che minaccia di inghiottirlo per sempre. Perderlo vorrebbe dire perdere una parte di sé — una parte della propria anima — ma la paura di una società che non comprende, di un padre che non lo ha mai stimato, rischia di vincere sull’amore. 
Vivere senza James però non è un’opzione, non lo è mai stata veramente, quindi...
...quindi dovete leggerlo, se volete sapere come se la caveranno i nostri eroi! 

Rispetto alla storia di Murdo e David “Contro Natura” è più introspettivo, a tratti più intimo, ma per certi versi è anche privo di mordente, di quell’incisività cioè che caratterizza gli altri libri della serie. 
Nonostante sia il quarto volume di Enlightenment, può tranquillamente essere letto come romanzo stand-alone, poiché non incide sull’intreccio narrativo di “Provocazione” (qui), “Incanto” (qui) e “Conquista” (qui). Coloro che invece hanno già letto i libri precedenti si imbatteranno in una piacevole sorpresa.

E ora? Beh, ora attendiamo l’uscita del libro su Kit, è ovvio. La nostra curiosità è già stata sufficientemente stimolata...

Posta un commento

0 Commenti