Let's talk about books

Recensione: "Profonde differenze" (Serie Harrisburg Railers #3) di RJ Scott & V.L. Locey

Titolo: Profonde differenze
Titolo originale: Deep Edge
Serie: Harrisburg Railers #3
Autori: RJ Scott & V.L. Locey
Trad.: Midnight Books
Editore: Triskell Edizioni 
Genere: Contemporaneo
Pagg.: 200 
Prezzo: € 3,99 
Data di uscita: 28 gennaio 2020
Link per l'acquisto: Triskell - Amazon

Sinossi 
Quello che per un uomo è passione, per un altro è una bugia. Riuscirà l’amore ad aggiustare il più buio dei cuori?
Trent Hanson è un fenomeno del pattinaggio artistico adorato da milioni di fan in tutto il mondo. Ha dedicato tutta la vita allo sport che ama, anche quando lo sport – e la sua stessa famiglia – gli hanno voltato le spalle. Dal cortile della scuola alle Olimpiadi, fino al salotto dei suoi genitori, Trent ha combattuto contro i bulli e gli omofobi per essere un uomo gay dichiarato e orgoglioso di sé. Le continue lotte lo hanno lasciato stanco, solo e ombroso; deve però mettere da parte tutte le sue paure quando viene assunto per lavorare l’intera estate con la squadra di hockey degli Harrisburg Railers. Chi avrebbe mai immaginato che il destino avesse deciso di metterlo in coppia con Dieter Lehmann, dio del sesso sotto ogni aspetto e uomo che sembra avere tutto da dimostrare e a cui non importa chi ferirà pur di ottenere quello che vuole?
Dieter ha passato fin troppo tempo a languire nelle serie minori, e la dipendenza segreta dagli antidolorifici con obbligo di prescrizione significa che la sua carriera sta precipitando verso il baratro. La sua ex lo sta ricattando, ed è molto vicino a mollare tutto. Ma quando viene convocato come riserva per la corsa alla Stanley Cup, ha un assaggio di cosa significhi giocare nella NHL e capisce che un posto nei convocati dei Railers è quello che vuole più di qualsiasi altra cosa. Lo desidera più che ascoltare il suo cuore, e ancor più che prendersi cura di quel pattinatore esasperante che gli è entrato sottopelle. Quando, per ottenere ciò che vuole, supera il limite, capisce di aver smarrito la strada. Deve cambiare, ma sarà ancora in tempo per salvare la sua carriera e per imparare ad amare di nuovo? 

Recensione 
Di norma, quando leggo una serie, che sia fm o mm, mi affeziono maggiormente al primo volume, i cui personaggi principali sono tra quelli che amo di più e che finisco con il rileggere sempre più volentieri. Con la serie Harrisburg Railers, Rj Scott e V.L. Locey mi hanno spinto a infrangere questa mia consuetudine: i loro libri sono uno più interessante dell'altro e le coppie protagoniste si contendono il primato senza che ci sia un vero vincitore. 
Ero convinta infatti che nessuno avrebbe potuto spodestare l'irriverente Adler dal mio podio personale dei Railers, e invece ecco che Trent Hanson, grazie alla sua personalità da diva sui pattini, è arrivato come una bomba di paillettes aggiudicandosi un posto speciale nella mia classifica del cuore. 

"Profonde Differenze", terzo volume della serie Harrisburg Railers, appunto, edito da Triskell Edizioni e tradotto da Midnight Books, ci riporta in Canada, nei palazzetti dell'hockey e nell'inferno privato di Dieter Lehmann, di cui abbiamo fatto la conoscenza nel libro precedente, "Prima stagione" (ne ho parlato qui), mentre è alle prese con una ex ricattatrice, la quale vorrebbe divulgare un loro filmino hard. 
A Dieter è stata finalmente offerta l'occasione della vita: è stato acquistato dai Railers e può dunque giocare nella Nhl per cercare di vincere la Stanley Cup, sogno di ogni giocatore di hockey che si rispetti. Dieter però nasconde un grosso segreto che non ha rivelato a nessuno, nemmeno agli amati genitori: un forte dolore al ginocchio lo ha fatto ricadere nella dipendenza da farmaci. 
Trent Hanson è un famoso pattinatore artistico arrivato a un passo dall'oro olimpico; adesso però deve affrontare un ostacolo di tutt'altro genere: poiché il patrigno ha dilapidato con le donne e al gioco tutto il suo patrimonio, è costretto a trovare una grossa somma di denaro sia per non perdere la casa dove vivono la madre e la nonna, sia per conservare la proprietà del suo palazzetto di pattinaggio dove ha creato un posto sicuro per un gruppo di bambini e adolescenti lgbt.
I due si incontrano perché Trent accetta di partecipare a un reality show con la squadra di hockey dei Railers: dovrà insegnare ai giocatori i segreti del pattinaggio artistico al fine di migliorare la loro velocità e destrezza durante le partite. 
La scintilla tra Trent e Dieter scocca subito, ma entrambi hanno un grosso bagaglio di esperienze negative da considerare prima di  iniziare una relazione. 

Rj Scott e V.L. Locey cambiano nuovamente registro e ci trasportano nel mondo delle dipendenze e dell'omofobia presenti nello sport, creando due personaggi che mi sono entrati nel cuore. 
Trent non ha mai nascosto la propria personalità ed è sempre stato fiero di essere omosessuale, sebbene sia stato vittima di bullismo sia durante il periodo della scuola, sia durante la sua carriera artisica; odiato dal patrigno, che non ha mai perso l'occasione di denigrarlo, ha sempre combattuto, e anche di fronte a difficoltà insormantabili ha trovato dentro di sé la forza per andare avanti. Adesso il suo unico scopo è di riuscire a salvare il programma di pattinaggio per i ragazzi lgtb, perchè sa benissimo che durante il periodo dell'adolescenza è importantissimo avere un luogo in cui sentirsi del tutto accettati e compresi.
Anche Dieter ha sempre lavorato duramente per cercare di coronare il proprio sogno e questo ha comportato grossi sacrifici; ora però, a causa di un infortunio mal curato, si ritrova a essere dipendente dai farmaci e a rischiare il posto in una squadra in cui ha trovato anche dei veri amici.
Trent e Dieter si studiano da lontano, ma capiscono ben presto che tra loro potrebbe nascere un amore vero e assoluto. Prima però devono affrontare e curare individualmente le proprie ferite interiori, cercando di risolvere i problemi con cui convivono ormai da molto tempo. 

Le autrici hanno gestito molto bene il tempo della narrazione: gli eventi non vanno ad alta velocità e non assistiamo quindi a nessun colpo di fulmine o alla nascita del grande amore che risolve e cambia la vita, ma sperimentiamo con partecipazione il dolore, il sacrificio e la pazienza. 
Sono presenti anche i protagonisti dei volumi precedenti che accompagnano la rinascita dei due protagonisti; tra tutti emerge Stan che, con il suo inglese zoppicante e un fisico imponente, elargisce ottimi consigli sempre al momento opportuno. 

In definitiva, "Profonde Differenze" è un romance bello e delicato che arriva dritto al cuore del lettore: parla di questioni serie e spinose, come l'omofobia, le dipendenze, il senso di colpa e i sogni infranti, con una certa leggerezza senza mai cadere nella superficialità; strappa anche qualche risata — la nonna di Trent è veramente unica nel suo genere — ed è una lettura sincera e commovente grazie alla dolcezza di due uomini a cui la vita ha dato un grande dono e la possibilità di riconoscerlo. Solo dopo aver superato molti ostacoli, infatti, Dieter e Trent potranno conquistare la meritata felicità.

Nessun commento:

Posta un commento