Let's talk about books

6/04/2020

Recensione: "Consegna notturna" (Serie Pinx Video Mystery #1) di Marshall Thornton

by , in
Titolo: Consegna notturna
Titolo originale: Night Drop
Serie: Pinx Video Mystery #1
Autore: Marshall Thornton
Trad.: Lucia Bandini
Editore: Triskell Edizioni 
Genere: Mystery 
Pagg.: 207
Prezzo ebook: € 3,99 
Prezzo cartaceo: € 12,00
Data di uscita: 4 giugno 2020
Link per l'acquisto: Triskell - Amazon

Sinossi 
È il 1992 e Los Angeles brucia. Noah Valentine, il proprietario del videonoleggio Pinx Video a Silver Lake, nota che gli incendi hanno danneggiato in modo grave il negozio di apparecchi fotografici del suo vicino, Guy Peterson.
Dopo la fine della rivolta di Los Angeles, Noah decide di fermarsi a casa di Guy per ritirare delle videocassette che l’altro non ha ancora restituito, ma trova la famiglia dell’uomo che si sta spartendo i suoi averi. Guy è davvero morto nell’incendio del negozio? Noah e i suoi vicini del piano di sotto sospettano che a Guy Peterson possa essere successo qualcos’altro. Qualcosa di veramente sinistro. 

Nel 2018 il romanzo ha vinto il Lambda Award nella categoria Gay Mystery

Recensione 
Il primo volume della serie Pinx Video Mystery di Marshall Thornton è un libro bellissimo. Di una bellezza intensa e sorprendente. E lo dico con un certo stupore, sì, perché mi sarei aspettata di tutto ma non un romanzo capace di scavarmi un buco nel cuore — un solco profondo che l'autore ha tracciato con uno stile asciutto e compassionevole e un personaggio principale indimenticabile. 

Ora, non sapevo nulla di Thornton. Ignoravo che avesse vinto due edizioni dei Lambda Literary Awards nella categoria Gay Mystery e che fosse arrivato finalista nella categoria Best Gay Romance con la commedia romantica "Femme". Il nostro è stato quindi un appuntamento al buio; e benché fosse stato grossomodo combinato — ero infatti curiosa di scoprire se sarebbe stato un successo o, ahimè, se si sarebbe concluso male — ha mantenuto sino alla fine il fascino dell'ignoto, alimentando il mio interesse e la mia immaginazione. Insomma, l'attesa, divenuta nel frattempo aspettativa e poi speranza di incontrare un nuovo grande amore letterario, è stata ampiamente ripagata. Il perché è presto detto.
Se sulle prime "Consegna notturna" appare come un romanzo leggero e veloce — e lo è, senza ombra di dubbio —, a uno sguardo più attento rivela una profondità d'intenti e una ricchezza di contenuti e di spunti di riflessione davvero toccante. 

Noah Valentine è il perfetto protagonista di un romanzo cozy mystery — che si sposa con alcuni elementi del genere hard-boiled — ambientato in una Los Angeles sotto assedio. L'anno è il 1992, il mese è quello di aprile, i giorni sono quelli — reali — delle sommosse scoppiate dopo l'assoluzione di quattro ufficiali di polizia, accusati di aver aggredito selvaggiamente un uomo afroamericano di nome Rodney King. Insomma, sono giorni di violenza diffusa, di saccheggi e di incendi dolosi. 
In mezzo a questo caos di devastazione e di rabbia sociale, Noah, proprietario di un videonoleggio a Silver Lake, sembra essere turbato soltanto perché il suo vicino Guy Peterson — proprietario di un negozio di apparecchi fotografici, che ha riportato gravi danni in seguito alla rivolta — è dichiarato morto. Spinto dalla curiosità, e con la scusa di ritirare delle videocassette che Guy ha noleggiato ma non restituito, decide di andare a casa sua dove, per puro caso, rimane coinvolto in un mistero che lo spinge, da quel momento in poi, a improvvisarsi detective mettendo anche a rischio la propria incolumità. 

È questa la bellezza del lavoro di Thornton: fila la matassa del mistero e, allo stesso tempo, trascina il lettore attraverso un intreccio di vite, di inganni, di segreti e di dialoghi serrati. 
L'ambientazione è perfetta: Los Angeles con il suo glamour, che funziona come una fabbrica di sogni e di facili illusioni, diventa teatro di relazioni minate dalla gelosia, dall'invidia e dalla rivalità. 
Durante la sua indagine dilettantesca Noah incontra individui capaci di tentare ogni espediente per ottenere quello che desiderano e riesce ad aprire il vaso di Pandora, portando alla luce la tensione nei rapporti tra il Los Angeles Police Department e la comunità Lgbt losangelina. Del resto, si sa, una lunga esperienza in fatto di comportamenti ostili, spietati e sistematici nei confronti delle minoranze può essere solo la punta dell'iceberg di una realà molto più vasta, complessa e importante.
Intorno a Noah ruota poi un gruppo di personaggi — alcuni ben costruiti e incisivi, altri soltanto abbozzati — di cui spero di leggere di più nei prossimi volumi. Si tratta di amici, dipendenti, parenti persino, ricchi di empatia, di umanità e di umorismo che, quando non lo aiutano nelle indagini, cercano in tutti i modi di prendersi cura di lui, infondendo gioia e calore anche nei momenti più bui. 

Per quanto le descrizioni siano ridotte ai minimi termini e i dialoghi e le azioni dei personaggi rappresentino l'ossatura della storia, il ritmo narrativo non cede mai alla debolezza e il racconto si srotola con un'ironia, un cinismo e un sarcasmo affilatissimi, dando alla prosa di Thornton un'impronta vibrante e dotata di vita propria che mi ha commosso in più punti e mi ha impressionato sin dalla prima pagina, attirandomi con un'intensità tale da non lasciarmi più andare.
Alla fine, ho avuto come la sensazione di guardare un bel film: mentre mi assaliva la voglia di assecondare l'entusiasmo e l'impulso irrefrenabile di fare domande, che anticipassero la trama oppure evidenziassero e svelassero dei punti oscuri, finivo con il mordermi la lingua per non spezzare il legame, la profonda connessione instaurata con i personaggi.  

Ora, ai margini della questione principale, e cioè del mistero da risolvere, c'è appunto Noah. È suo il pov in prima persona ed è suo il tono sottostante di malinconia che pervade l'intero romanzo. 
Noah è un ragazzo perseguitato dal passato, ha ferite profonde, un nervo esposto percorso da un fremito di rabbia, paura e dolore, che esige, in qualche modo, il prezzo delle cose che ha vissuto e amato. A volte non parla, non si confida, e non per vincere, come un vecchio lottatore, bensì per sopravvivere. Eppure combatte, Noah, sino a indossare il volto sincero dell'onestà, soprattutto quando, a tu per tu con se stesso, sfugge alla trama crudele della recitazione.

Apro e chiudo una parentesi. Se amate prevalentemente il genere romance, può darsi che "Consegna notturna" non faccia al caso vostro. Ma se siete tentati di leggere qualcosa di nuovo, e cioè un romanzo scritto davvero bene, la cui storyline romantica vada un po' fuori dai soliti schemi e in cui il personaggio principale sia diverso da ogni cliché, allora ve lo consiglio caldamente. E lo consiglio in ogni caso perché Noah, con la sua personalità forte, curiosa e intraprendente, è capace di spostare i confini del possibile e dell'accettabile. Thornton ha costruito una storia d'amore che, per ragioni di trama, di ambientazione, di contesto storico e di caratterizzazione psicologica dei personaggi, ha bisogno di tempo per svilupparsi e, presumibilmente, per maturare. Ma ha fatto molto di più. È vero, questo primo volume della serie Pinx Video Mystery è leggero e divertentissimo; ed è un tributo sia alla comunità gay di Los Angeles — di cui descrive con cura l'identità e la geografia di ogni quartiere —, sia agli ormai lontani anni '90 — il libro è un tuffo nella cultura pop di quel periodo ed è densissimo di riferimenti musicali e cinematografici, che mi hanno obbligato ad ammettere, controvoglia, di avere decisamente superato gli anta. Però è anche un libro che ama ricordare. 
Nel 1992 ero nel pieno dell'adolescenza e, tra una canzone emo e l'altra, sapevo di trovarmi in quella stagione irripetibile in cui senti di avere il vento in poppa e davanti a te tutta una vita da vivere. Era da poco caduto il Muro di Berlino e a motivarci c'era la prospettiva di un tempo di pace. Credevamo che non ci sarebbero più stati né conflitti, né scontri idelogici, né povertà o disuguaglianze sociali. Invece, soffiavano già nuovi venti di guerra e le immagini della rivolta di Los Angeles smentivano la promessa di una tendenza a tutelare le persone da un clima di discriminazione ostile, umiliante, violento e intimidatorio. Oggi, voltandomi indietro, mi rendo conto che il 29 aprile 1992 è, in realtà, il 25 maggio 2020, quando, poco dopo le ore 20, George Floyd, afroamericano, muore a Minneapolis, in Minnesota, sotto il ginocchio di un poliziotto, scatenando negli Stati Uniti una rivolta senza precedenti e mobilitando cortei di protesta in tutto il mondo. Non solo. Gli anni '90 di cui racconta Thornton sono anche figli di quel decennio nero che furono gli anni '80 per la comunità Lgbt statunitense. Sono, per intenderci, gli anni del "don't ask, don't tell", degli stereotipi, dei pregiudizi e dei preconcetti capaci di influenzare negativamente intere esistenze. In "Consegna notturna" Marshall Thornton ricorda la difficoltà del coming out, il peso della vergogna, ma anche la lotta quotidiana contro il disgusto tipico dell'omofobia. 
E allora per apprezzare lo spessore di questo libro, fortunatamente privo di retorica e di un inutile tono melodrammatico, bisogna leggere tra le righe: lì sono condensati il passato, il carattere e il modo di vivere di Noah Valentine. La sua è una storia di finzione unica, sì, ma è anche una storia universale. Perché sono tanti i ragazzi, non solo statunitensi, che hanno vissuto come lui, costretti all'immutabile scelta di non scegliere, o di cadere, consolidandosi, nell'oblio. Thornton, con una tenerezza davvero inaspettata, ne preserva la memoria. Come Noah non è rimasto indifferente. Ha scelto di dare voce al loro coraggio, agli eventi che ne hanno travolto speranze e aspettative, e ha messo nero su bianco i loro bisogni, la loro forza e determinazione, cristallizzandone il ricordo. 
A questo mi ha condotto "Consegna notturna", a questo e a molto altro. Soprattutto, però, mi ha riportato alla mente i bellissimi versi di Langston Hughes, che sono unici e universali al tempo stesso. Le poesie, come i sogni, sono desideri, ma di certo aiutano a vivere: "Lascia che l'America sia di nuovo l'America. / Lascia che sia il grande sogno che era. / Quella grande, forte terra d’amore / Dove nessuno è oppresso."
6/03/2020

Libri in uscita: "Fatto apposta per te" (Serie Amore e famiglia #2) di Anyta Sunday

by , in
Titolo: Fatto apposta per te
Titolo originale: Made For You
Serie: Amore e famiglia #2
Autrice: Anyta Sunday 
Trad.: Eloriee per Triskell Translation Service
Casa Editrice: Self-Published 
Genere: Contemporaneo 
Pagg.: 272
Data di uscita: 16 giugno 2020
Link per l'acquistoAmazon 

Sinossi 
Ben:
È sexy da morire, ha la testa a posto ed è off-limits

Mi prendo cura di mio fratello Milo e, dopo ormai un anno, ho tutto sotto controllo. Più o meno. O per niente?
Merda. Devo rimettere ordine nella mia vita. Devo diventare un fratello migliore. Devo vendere la casa dei nostri genitori.
Prima, però, devo darle una risistemata. Non sono il massimo con i lavori manuali, ma l’insegnante di Milo lo è eccome.
Jack è bellissimo, vigoroso, competente. L’opposto di me. Il mio esempio di vita. Il mio sogno proibito.
E ha bisogno di un posto in cui stare.
Be’, può vivere a casa nostra per sei mesi, no? Sono capacissimo di non saltargli addosso. Giusto? 

Jack:
Dio, è bello da impazzire.
Ma è un genitore e ha sedici anni meno di me.
Non oltrepasserei mai il limite...
Che il cielo mi aiuti. 

“Fatto apposta per te” è un accattivante romanzo MM a “cottura lenta” dolce e intimo, con differenza d’età e un lieto fine. È il secondo libro nella serie “Amore e Famiglia”, ambientata a Wellington in Nuova Zelanda.
I libri della serie “Amore e Famiglia” sono stand-alone e possono essere letti in qualsiasi ordine

Serie Amore e Famiglia 
Il mio tabù (Amore e Famiglia #1): clicca qui 

Anyta Sunday biografia 
Sono una grande, GRANDISSIMA fan dei romance a “cottura lenta”. Amo leggere storie dove i personaggi si innamorano pian piano.
Alcune delle situazioni di cui preferisco leggere e scrivere sono: da nemici ad amanti, da amici ad amanti, ragazzi che proprio non vogliono saperne di cogliere i segnali, bisessuali, pansessuali, demisessuali, tutti (gli altri) se ne sono accorti, l’amore non ha confini.
Scrivo storie di vario genere: romance contemporanei con una buona cucchiaiata di angst, romance contemporanei spensierati e, a volte, persino storie con una spruzzata di fantasy.


Se volete saperne di più sui miei libri, visitate il mio sito: www.anytasunday.it.
Connect: Website | Facebook | Twitter | Instagram
5/30/2020

Recensione: "Shinigami, Il dio della morte" (Serie Cronache del Takamagahara #2) di Xia Xia Lake

by , in
Titolo: Shinigami, Il dio della morte
Titolo originale: Shinigami 
Serie: Cronache del Takamagahara #2
Autrice: Xia Xia Lake
Trad.: Cristina Massaccesi
Casa Editrice: Self-published 
Genere: Fantasy/Storico/Lgbt
Data di uscita: 1 giugno 2020 
Acquistabile su Amazon 

Sinossi 
Una storia d'amore e formazione fra un orfano e l'erede della più ricca famiglia della Terra di Yamato. Il mondo degli uomini incontra quello degli yōkai in una lotta di potere per il destino di Fujiwara no Hirotsugu.
Mentre si batte per trovare la propria strada, Hirotsugu trova conforto in un ragazzo che diventerà il suo amico segreto, poi la sua salvezza e, mentre diventano adulti insieme, l'amore della sua vita. 

"Shinigami, Il dio della morte" ha vinto l'edizione Rainbow Awards 2018/19 nelle categorie Best Gay Fantasy e Best Gay Debut.

Recensione
"Shinigami, Il dio della morte", secondo volume della serie Cronache del Takamagahara di Xia Xia Lake, tradotto da Cristina Massaccesi, ci trasporta nel lontano e affascinante periodo storico del Giappone feudale, con miti e leggende che rendono questo Paese così misterioso. Temporalmente antecedente a "Kogistune, La piccola volpe" (ne abbiamo parlato qui), ci racconta la storia di Fujiwara no Hirotsugu, erede della potente dinastia Fujiwara nel regno di Yamato. Hiro appartiene a una famiglia importante e vicina all'imperatore; sin dalla prima infanzia, gli è stata inculcata l'idea che la sua vita ha un valore incondizionato per l'onore con cui potrà nobilitare la sua dinastia, come, prima di lui, hanno fatto il padre e tutti i suoi avi. Ma Hiro, sebbene ancora piccolo, capisce di essere diverso da tutti gli altri: riesce infatti a vedere oltre il velo della realtà, a conoscere i piccoli e fatati abitanti delle foreste e a incontrare anche Inari, il Dio Volpe, che lo accompagnerà per tutta la vita. Hiro cerca in tutti i modi di seguire le lezioni del padre e dell'amore filiale, di onorare e rispettare la famiglia ma, crescendo, si rende conto che la grandezza della sua casata è tale perché sfrutta il dolore di altre persone. Quando poi incontra Ryū, tutto il suo mondo cambia. In un primo momento, non sa cosa lo attragga di quel contadino povero ma, superato lo stupore iniziale, molto lentamente capisce che il sentimento che li lega non è altro che amore. Xia Xia Lake però non racconta soltanto di un amore ambientato nell'epoca Nara, ci fa anche vivere una storia epica in cui le gesta umane si intrecciano saldamente con quelle degli Dei. Veniamo a conoscenza infatti — e a narrarlo è lo stesso Hiro — di quale mito si nasconde dietro la nascita del Giappone, di come gli Dei abbiano giocato con gli umani fino a legarsi indissolubilmente con loro e con la famiglia Fujiara. Hiro e Ryū sono due giovani uniti dal fato e si amano con quella forza che solamente il primo amore può donare. L'autrice riesce a descrivere con grande intensità la crescita di Hiro, di come da giovane principe si trasformi in un uomo disposto a lottare per amore e per portare a compimento il proprio destino. Xia Xia Lake pone il protagonista davanti a un dilemma che sembra essere eterno: è giusto sacrificarsi per amore? Cosa si è pronti a lasciare per seguire il proprio sogno? A fargli compagnia ci saranno dei e yōkay, gli spiriti che rinascono a nuova vita, i quali lo aiuteranno a superare i momenti più difficili. "Shinigami, Il dio della morte" è un libro ricco e corposo che si svela lentamente. Xia Xia Lake centellina le informazioni, le consegna passo dopo passo al lettore, e non tutto potrà esserci chiaro all'inzio ma, come Hiro, scopriremo cosa ha in serbo il destino per lui, come il suo futuro sarà una conseguenza di quello che, prima di lui, hanno fatto i suoi avi. "Shinigami, Il dio della morte" è un libro che mi ha colpito molto: oltre ad avere amato la storia in sé — davvero splendida — e pur non avendo una grande conoscenza della cultura giapponese, ho creato una bellissima connessione con il suo affascinante popolo. Ho apprezzato il valore incondizionato e l'importanza dell'onore, della famiglia e degli avi; mi sono lasciata avvincere e coinvolgere dal racconto dei loro miti e leggende, il cui senso riecheggia nella vita delle persone. Ho amato molto il personaggio di Hiro, la sua eterna lotta tra amore e onore, il suo essere innamoratissimo di Ryū fino a rinnegare se stesso per lui. Infine, credo sia perfetto il modo in cui l'autrice abbia unito passato e presente, rendendo il finale del libro sorprendente. A tal proposito, consiglio di iniziare la serie Cronache del Takamagahara dal primo volume "Kogitsune, La piccola volpe", per godersi appieno la magia e la lettura delle ultime pagine del bellissimo "Shinigami, Il dio della morte".
5/29/2020

Libri in uscita: "Il matrimonio del Texas" (Serie Texas #7) di R.J. Scott

by , in
Titolo: Il matrimonio del Texas
Titolo originale: Texas Wedding
Serie: Texas #7
Autrice: R.J. Scott 
Traduzione: Micol Mian
Editore: Triskell Edizioni
Genere: Contemporaneo
Pagg.: 234
Prezzo ebook: € 3,99 
Prezzo cartaceo: € 12,00
Data di uscita: 10 giugno 2020 
Link per l'acquisto: Triskell - Amazon - Kobo 

Sinossi 
Ci sono situazioni in cui spetta a Riley e Jack combattere le battaglie degli altri e pretendere ciò che è giusto.
Davanti alla prospettiva rivoluzionaria di una sentenza positiva della Corte Suprema sul matrimonio egualitario, Riley e Jack capiscono di dover prendere delle decisioni. Aggiungiamo qualche novità familiare preoccupante e la possibilità concreta che alcuni vecchi segreti tornino a galla, e questo libro della serie del Texas intreccia tutti i fili che i ragazzi possono riuscire a gestire.
Ma tra alti e bassi, bambini, feste in famiglia, risate e lacrime, non c’è nulla di più speciale dell’amore eterno che unisce questi due uomini. 

Volumi della serie Texas attualmente pubblicati in Italia
Il cuore del Texas (Texas #1): clicca qui 
L'inverno del Texas (Texas #2): clicca qui
La vampa del Texas (Texas #3): clicca qui
La famiglia del Texas (Texas #4): clicca qui 
Il Natale del Texas (Texas #5): clicca qui 
L'autunno del Texas (Texas #6): clicca qui 

R.J. Scott biografia 
L'obiettivo di RJ è scrivere storie con un nucleo romantico, una strada accidentata che porta alla felicità e, cosa più importante, una spruzzata di 'per sempre felici e contenti'.
RJ Scott è un'autrice di best seller che ha creato più di novanta libri di genere gay romance. Narra storie piene d'emozione su personaggi complessi, cowboy, milionari, principi e sugli uomini che rimangono invischiati nelle loro vite. RJ è famosa per i suoi libri caratterizzati sempre da un lieto fine. Abita poco fuori Londra e spende ogni secondo che non passa con la sua famiglia a leggere o a scrivere. Scrive anche romance MF sotto lo pseudonimo di Rozenn Scott.
L'ultima volta che si è presa una settimana di ferie dalla scrittura non le è piaciuto per niente, e non ha ancora incontrato una bottiglia di vino che riesca a resisterle.

È possibile seguire R.J. Scott su:
Email rj@rjscott.co.uk
Webpage clicca qui
Facebook clicca qui
Twitter clicca qui
Yahoo clicca qui

Per una lista aggiornata di tutti gli eBook disponibili di RJ Scott e su dove acquistarli, si prega di visitare www.rjscott.co.uk 

Triskell Edizioni contatti
Facebook CLICCA QUI
Twitter CLICCA QUI
Instagram CLICCA QUI
Sito CLICCA QUI
5/28/2020

Libri in uscita: "Dopo il fuoco" (Serie Inferno e ritorno #2) di Felice Stevens

by , in
Titolo: Dopo il fuoco
Titolo originale: After the Fire
Serie:  Inferno e ritorno #2
Autrice: Felice Stevens 
Trad.: Ilaria D'Alimonte
Editore: Triskell Edizioni
Genere: Contemporaneo
Pagg.: 313
Data di uscita: 6 giugno 2020
Prezzo ebook: € 4,99 
Prezzo cartaceo: € 12,00
Link per l'acquisto: Triskell - Amazon - Kobo 

Sinossi 
È bastato un solo proiettile per distruggere i sogni del dottor Jordan Peterson. Quando il suo compagno muore, Jordan precipita in una spirale infinita di autodistruzione che quasi gli costa gli amici, la carriera e la vita. Quando si ritrova a lavorare a stretto contatto con il distaccato Lucas Conover, il passato misterioso e l’inaspettata gentilezza del consulente finanziario lo sconvolgono, suscitandogli sensazioni che credeva perdute per sempre.
Il tradimento subito dal fratello acquisito, che adorava, ha insegnato a Lucas a non fidarsi e a non credere più in nessuno. La vita solitaria che conduce non lo libera dagli incubi della sua giovinezza, invece rafforza la sua convinzione che non si innamorerà mai. Quando la morte di uno dei suoi clienti lo costringe a lavorare accanto al dottor Jordan Peterson, Lucas incontra una persona le cui sofferenze eclissano le sue. Anche se Jordan rifiuta i suoi tentativi di aiutarlo, qualcosa spinge Lucas a scoprire di più sul primo uomo che gli sia mai entrato nella pelle.
Mentre Luke abbassa la guardia e Jordan lascia andare il dolore, il desiderio prende il controllo. Ciascuno dei due deve scendere a patti con il proprio passato, se vogliono costruirsi un futuro insieme. E imparare a fidarsi l’uno dell’altro e dell’amore, dopo una tragedia e una vita di sofferenze, potrebbe essere l’unica cosa che alla fine li salverà. 

Serie Inferno e ritorno 
Attraverso il fuoco (Inferno e ritorno #1): clicca qui 

Romanzi di Felice Stevensclicca qui

Felice Stevens biografia 
Felice Stevens è sempre stata una romanticona, convinta che – per quanto dura sia la vita – ci sia sempre un lieto fine dietro l’angolo. Quando era adolescente era appassionata di storie d’amore d’ambientazione storica; poi però si misero di mezzo la vita e la scuola di legge. Fu solo quando prese in mano un libro di Bertrice Small, che la trasportò alla corte della regina Elisabetta, che tornò a interessarsi ai romanzi d’amore.
A un certo punto, però, i suoi gusti cambiarono. Pur continuando ad apprezzare le ambientazioni storiche e le storie d’amore passionali, Felice iniziò a sperimentare generi più all’avanguardia, e scoprì il mondo dei romanzi M/M. E, una volta preso in mano il primo, fu talmente conquistata dagli autori, da quelle storie con personaggi originali e dalle intense emozioni che le trasmettevano, che capì di volerne scrivere anche lei.
Felice vive a New York City col marito e due bambini e presto – si spera – un gatto. Le sue giornate iniziano con tanta caffeina e finiscono con uno o due bicchieri di vino rosso. Lavora in campo legale ma sogna il momento in cui potrà sedere su una spiaggia e scrivere splendide storie di uomini che si innamorano. E, anche se un po’ di sofferenza è inevitabile, il lieto fine è sempre garantito.

Felice Stevens contatti
Sito web clicca qui
Facebook clicca qui
Twitter clicca qui
Goodreads clicca qui 

Triskell Edizioni contatti
Facebook CLICCA QUI
Twitter CLICCA QUI
Instagram CLICCA QUI
Sito CLICCA QUI
5/27/2020

Libri in uscita: "Svegliarsi sposati: Will e Patrick combattono i loro sentimenti - Will e Patrick incontrano la mafia" (Serie Wake Up Married 4&5) di Leta Blake

by , in
Titolo: Svegliarsi sposati 
Will e Patrick combattono i loro sentimenti
Will e Patrick incontrano la mafia
Titolo originaleWake Up Married
Will & Patrick Fight Their Feelings
Will & Patrick Meet the Mob
Serie: Wake Up Married 4&5 
Autrice: Leta Blake 
Trad.: Cinzia T.
Casa editrice: Triskell Edizioni 
Genere: Contemporaneo 
Pagg.: 304
Data di uscita: 29 maggio 2020 
Prezzo ebook: € 4,99
Prezzo cartaceo: € 12,00
Link per l'acquistoTriskell - Amazon - Kobo 

Sinossi 
Will e Patrick combattono i loro sentimenti
Will e Patrick hanno accettato l’idea di aggiungere del sesso bollente al loro finto matrimonio, ma quando i loro sentimenti si fanno più intensi, devono scegliere se diventare più che semplici amici di letto. Uscito da poco da una relazione soffocante, Will non è pronto per qualcosa di più di un po’ di divertimento esplorativo. E nonostante ciò che Patrick prova per Will, il suo difficile passato lo ha reso diffidente nei confronti dell’amore.
La situazione si fa bollente (e di tanto in tanto un po’ perversa) in questo episodio della serie Svegliarsi sposati, ma Will e Patrick faticano ad accettare i loro sentimenti reciproci, figuriamoci confessarli. Per quanto ancora continueranno a combattere ciò che provano?

Will e Patrick incontrano la mafia
Patrick ha finalmente ammesso di essere innamorato di Will, ma la sua determinazione a fare qualcosa al riguardo si infrange contro i piani mafiosi del suocero. Sebbene resti ancora da vedere quali siano questi piani. Da quanto ne sanno Will e Patrick, consistono nell’impazzare in città, creare un po’ di scompiglio e sconvolgere le vite della famiglia Patterson.
Will dovrà affrontare la verità sulla sua famiglia, prima di scendere finalmente a patti con i suoi sentimenti per il compagno. E Patrick dovrà decidere se il folle mondo del marito è qualcosa di cui voglia davvero far parte per sempre. 

Serie Wake Up Married
Svegliarsi sposati (Wake Up Married #1): clicca qui 
Svegliarsi sposati - Will e Patrick incontrano la famiglia (Serie Wake Up Married #2&3): clicca qui

Leta Blake biografia 
Leta Blake vorrebbe potervi dire che la scrittura la trasporta in mondi magici e meravigliosi, dai quali riesce sempre a tornare sana e salva in una casa pulita e brillante in cui il bucato è già piegato con cura, ma la realtà è un po’ diversa. Da che Leta ne ha memoria, le storie hanno sempre preso possesso della sua mente, trasportandola in terre lontane e costringendola a piegarsi alla volontà di personaggi immaginari. Ogni volta che torna alla realtà, trova pile di panni da lavare e appuntamenti dimenticati. Ma con i suoi fedeli amici e familiari al suo fianco, le conseguenze in genere non sono troppo dure; inoltre, la gioia della scrittura e l’eccitazione di finire un libro sono sempre una grande ricompensa. Leta vive nel Sud degli Stati Uniti, dove si impegna per riuscire a bilanciare lavoro, scrittura e famiglia. Se volete saperne di più su di lei, seguitela sul suo sito internet, su Facebook o su Twitter

Triskell Edizioni contatti 
Facebook CLICCA QUI
Twitter CLICCA QUI
Instagram CLICCA QUI
Sito CLICCA QUI
5/25/2020

Recensione: "Gli omicidi dei Monuments Men" (Serie L'arte del delitto #4) di Josh Lanyon

by , in
Titolo: Gli omicidi dei Monuments Men
Titolo originale: The Monuments Men Murders
Serie: L'arte del delitto #4
Autore: Josh Lanyon 
Trad.:Raffaella Arnaldi
Editore: Triskell Edizioni 
Genere: Mystery 
Pagg.: 196
Prezzo ebook: € 3,99 
Prezzo cartaceo: € 12,00
Data di uscita: 26 maggio 2020
Link per l'acquisto: Triskell - Amazon

Sinossi 
Pur avendo puntata addosso l’attenzione di un pericoloso stalker, l’agente speciale Jason West sta facendo del suo meglio per concentrarsi sul lavoro e ignorare i problemi personali.
Il suo caso più recente implica però il coinvolgimento di un membro dei Monuments Men nel furto e, forse, nella distruzione di un dipinto perduto di Vermeer che fa parte del patrimonio culturale mondiale. Il capitano di corvetta della Naval Reserve Emerson Harley, oltre a essere stato un eroe della Seconda guerra mondiale, era il nonno di Jason, il suo idolo d’infanzia. Anzi, ha giocato un ruolo importante ispirandolo a entrare nella squadra Crimini artistici dell’FBI.
Per Jason, venire a sapere che il leggendario nonno potrebbe aver chiuso un occhio sul fatto che i soldati americani, alla fine della guerra, abbiano “affrancato” opere d’arte inestimabili non è solo spiacevole. È devastante.
Jason è deciso a riscattare il nome del nonno, anche se questo significa infrangere lui stesso un po’ di regole e disposizioni, mettendosi in rotta di collisione con il suo partner nella vita, il capo dell’Unità analisi comportamentale Sam Kennedy.
Nel frattempo, qualcuno nell’ombra temporeggia... 

Recensione 
Al termine de “Gli omicidi del mago” (ne abbiamo parlato qui) eravamo davvero impazienti di proseguire la lettura delle vicende di Jason e Sam. Josh Lanyon ci aveva lasciate appese a un filo, con Jason nuovamente tormentato dal suo stalker e Sam a migliaia di chilometri di distanza. Con grande gioia, grazie a Triskell Edizioni, l’attesa per l’uscita de “Gli omicidi dei Monuments Men” è stata breve e, come sempre, ben ripagata. 

Ci siamo prese del tempo prima di scrivere questa recensione e, dopo un’attenta riflessione, abbiamo deciso di non entrare nel merito della sinossi e nemmeno delle indagini, che coinvolgono soprattutto il nostro Jason, per non togliervi la voglia e il piacere della lettura. Vogliamo che a parlare del libro siano le nostre emozioni, desideriamo lasciarle affiorare e concedere loro libero sfogo! E lo faremo con una punta di ironia — con la speranza di strapparvi un sorriso, naturalmente — esprimendo però, allo stesso tempo, il nostro amore per questa autrice più che talentuosa. 

Ora, se noi affermassimo che la signora Lanyon provi piacere nel torturare i suoi lettori con storie che artigliano il cuore, lo privano di ogni sicurezza e protezione rendendolo nudo, esposto e fragile, ci considerereste eccessivamente drammatiche? Va bene, forse lo saremmo. Giusto un po’. Ma quando abbiamo iniziato a leggere questo quarto volume, eravamo davvero convinte — almeno questa volta — che avremmo potuto tirare un piccolo sospiro di sollievo. Per amor di chiarezza, non ci saremmo mai azzardate a respirare a pieni polmoni — con la signora Lanyon sarebbe alquanto pericoloso farlo — per cui ci siamo limitate a un respiro lento, lieve, guardingo. Certo, non eravamo neanche pronte alla nuova, potente ondata di rabbia e sofferenza che avremmo provato nel corso della lettura! 

Oh, l’inizio è davvero promettente! Sembra che Sam e Jason non riescano più a soffocare i loro sentimenti e una passione sempre più dirompente, avviati verso il tramonto sul loro immaginario cavallo bianco. E invece... non potrebbero essere più vicini eppure, al contempo, più distanti. 
Come in un contorto quadro astratto, tutto prende una piega imprevista e a tratti incomprensibile, in un lento, fatidico progredire verso la catastrofe. Ma, nonostante il nostro crescente senso di orrore per l’inevitabile, non abbiamo potuto fare a meno di ammirare ancora una volta la maestria dell’autrice nel non snaturare i suoi personaggi, anche se, per il lettore, le loro azioni potrebbero risultare scomode e difficili da digerire.
Ed è con spirito coerente con il proprio sentire che una di noi avrebbe voluto scuotere e urlare contro Sam — sino a mettere un freno al suo cervello iperattivo e concentrato — e avrebbe voluto prendere tra le braccia Jason per consolarlo come solo un’anima a lui affine saprebbe fare. Non che volesse scagionarlo dalle sue scelte, ci mancherebbe, ma è lecito aspettarsi dal proprio partner — dall’amore della tua vita — un po' di sostegno, no? Argh! 
L’altra avrebbe appoggiato una mano consolatoria sulla spalla possente dell’ombroso capo dell’Unità di analisi comportamentale, in quella notte di battaglia tra la ragione e il cuore. Avrebbe voluto saltare su quel letto e scuotere Jason fino a svegliarlo per urlargli contro! Tenere Sam all’oscuro di tutto e poi… cosa? Sperare che non prendesse in considerazione le disastrose conseguenze di scelte e azioni altrui? Argh! 

Come se non bastasse, a questo calderone emotivo si aggiunge un’indagine potenzialmente distruttiva per la carriera di Jason. Tuttavia, per l’agente, sarebbe impossibile rinunciare. 
E allora Jason sarà davvero pronto a dire addio all’amore di quell’uomo tutto d’un pezzo e in grado di fargli desiderare l’impossibile? Riuscirà a proseguire nell’inchiesta anche se le conseguenze dovessero portare al suo licenziamento? 

Ancora una volta, iniziata la lettura, non è possibile fermarsi e tornare indietro. Possiamo solo leggere avidamente, augurandoci di non uscirne troppo malconce e appellandoci alla pietà di un’autrice che non fa sconti a nessuno. Un‘autrice che amiamo profondamente perché in grado, grazie alla sua vasta cultura e a una caratterizzazione quasi chirurgica dei suoi personaggi, di catturare e mantenere viva l’attenzione del lettore fino all’ultima pagina, costringendolo a desiderare di più: più pagine, più amore, più emozioni... ancora e ancora. 
Josh Lanyon non è un’autrice adatta a coloro che ricercano un amore dolce e romantico, un amore senza complicazioni, ma è perfetta per chi non teme di rimanere in bilico sul filo di una lama potenzialmente letale. L’amore, a volte, è un sentimento forgiato nel dolore, e ogni piccolo, faticoso passo nella sua direzione è una dura conquista. Forse è proprio questo il motivo per cui non possiamo fare a meno di leggere i suoi romanzi: per provare emozioni così contrastanti ma vive, per aumentare le pulsazioni del cuore e nutrire il desiderio di voler entrare dentro le pagine e fondersi con la storia. 
Anche questa volta, dunque, ci ritroviamo a sperare di non dover attendere molto prima di avere il prossimo volume perché, se da una parte Josh Lanyon non è così sadica da lasciarci con un finale aperto o dal sapore amaro, dall’altra però ci ha dato troppe poche righe di speranza che non sono assolutamente sufficienti a consolare un cuore maltrattato, il nostro.

My Instagram