Let's talk about books

Recensione "Punto di non ritorno" (Serie Turning Point #1) di N.R. Walker

Titolo: Punto di non ritorno
Titolo originale: Point of No Return 
Serie: Turning Point #1
Autrice: N.R. Walker
Trad.: Grazia Di Salvo
Editore: Triskell Edizioni
Genere: Contemporaneo
Pagg.: 204
Data di uscita: 11 marzo 2019
Prezzo: € 4,99 
Link per l'acquisto: Triskell - Amazon

Sinossi 
Matthew Elliot è uno dei più brillanti detective di Los Angeles: forte, intelligente e segretamente gay. Quando si innamora del suo istruttore in palestra, non dovrà preoccuparsi che lo scoprano i suoi colleghi... ma che lo facciano i veri cattivi.

Matthew Elliot è uno dei migliori detective di LA. È stato etichettato come il golden boy dei Fab Four, una squadra di detective che ha messo fine a traffici di droga in tutta la città. È forte, intelligente ed è bravissimo nel suo lavoro.
Ma è anche un gay non dichiarato.

Quando incontra Kira Takeo Franco, il nuovo istruttore di boxe della palestra, Matthew non riesce a negare l’incredibile attrazione che prova per lui, che i suoi colleghi agenti conoscono come Frankie. Ma nel permettersi di innamorarsi di un uomo noto nella sua cerchia, Matthew rischia di rivelare l’omosessualità di entrambi.

Matt e Kira fanno di tutto per mantenere la loro relazione e la loro vita privata lontane da quella molto pubblica di Matt, per paura che possano essere dannose per le loro carriere.

Ma Matthew non dovrebbe preoccuparsi che gli altri agenti scoprano il suo più grande e oscuro segreto… ma che lo facciano i cattivi. 

Recensione 
Sdraiate su una coperta nel bel mezzo di un prato, sotto un pallido ma tiepido sole di marzo, Manu e Fede stanno leggendo con entusiasmo "Punto di non ritorno", l’ultimo lavoro tradotto di N.R. Walker.
A onor del vero, Manu ha terminato la lettura del romanzo la sera precedente, mentre Fede, circondata da un inizio di primavera, sta cercando di recuperare l’amica, che, però, inizia a stuzzicarla sadicamente: A che punto sei? Devi muoverti a leggere! Tu non puoi capire… Devo assolutamente vedere la tua espressione man mano che vai avanti nella storia!
Fede è tutta sorridente perché, davvero, leggere di questo affascinante detective, Matt Elliott, uno dei “Fantastici Quattro” — la migliore squadra della Divisione Narcotici di Los Angeles — che rimane di sasso — anzi, letteralmente imbambolato — alla vista del nuovo istruttore di boxe, ha un che di tenero e molto dolce. 
E il sorriso di Fede non fa che allargarsi dopo aver conosciuto Kira Takeo Franco, il nuovo personal trainer della palestra frequentata dagli sbirri, e dopo aver letto, con gli occhi a forma di cuore, del suo primo incontro con Matt. 
Kira è un uomo la cui personalità risulta rigenerante per coloro che orbitano intorno a lui – e anche il lettore non rimane immune, cadendo preda del suo fascino —, grazie ai suoi luminosi occhi dal taglio orientale sempre volti al sorriso, eredità di Yumi, la sua caparbia e affettuosa mamma giapponese. La pacatezza di Kira, così rilassante, è sicuramente un retaggio ricevuto dal solido e gentile papà spagnolo, Sal. E non guasta che da lui abbia ereditato una bellissima pelle olivastra e un corpo alto e massiccio. 
Se questo è dunque l’effetto che ha su di noi, quale potere potrà mai esercitare quel devastante sorriso sul brillante detective?
Tra i due uomini scatta un colpo di fulmine in piena regola. Una scintilla che avvamperà in un fuoco alto e potente in brevissimo tempo. 

Ciò che ci ha conquistato fin dalle loro prime, divertenti e intense interazioni non è dato solo dalla passione che brucia — anche se l'attrazione reciproca li spinge l'uno verso l’altro nello stesso modo in cui la gravità tiene ancorata la Luna alla Terra. È dato dal modo in cui si cercano con uno sguardo, dal corteggiamento un po' impacciato ma dolce da morire, dal combattere una violenta battaglia interiore, perché entrambi sono uomini che amano il proprio lavoro, sebbene il lavoro sia proprio il motivo per cui non possono dichiararsi. Certo, tecnicamente sarebbero liberi di vivere le loro vite, ma come reagirebbero i colleghi di Matt sapendo di lavorare con un uomo gay? Lui non vuole essere definito sulla base del suo orientamento sessuale ma solo grazie alle sue capacità lavorative, perché è maledettamente bravo in quello che fa! 
Kira, dal canto suo, insegna a boxare e pratica la kick boxing. Ma, avrebbe ancora un lavoro presso la palestra della polizia, se si venisse a sapere della sua preferenza verso gli uomini?
Fino a poco tempo prima che le loro strade si incrociassero non avevano avuto bisogno né di affermare né di nascondere alcunché… ma ora che l’amore bussa con prepotenza alla loro porta, come risponderanno? 

"Punto di non ritorno" è un libro che unisce momenti di estrema dolcezza e passione a momenti di pura tensione. 

Manu ormai incalza Fede incessantemente, cercando di provocare in lei reazioni esagitate:  Allora, a che punto sei arrivata? – sbircia da sopra la sua spalla — Oh, cosa succede adesso! Tra un po' vedrò scorrere delle lacrime. Non lacrimoni… piccole lacrime. Però, più avanti, arriverai al punto in cui scenderanno lacrimoni grossi grossi. Io, ieri sera, ho innaffiato il kindle. Sarà che in questo periodo sono particolarmente emotiva…” E giù a ghignare. 
Fede, dal canto suo, non vuole abboccare alle sue provocazioni e la zittisce: “Manu, stiamo parlando della Walker. Lei non crea storie dove il cuore galoppa al limite dell’angoscia; smettila di tormentarmi!” 

Solo che… in effetti, a un certo punto… Fede ha chiuso di scatto il kindle per arpionare strettamente le spalle di Manu e iniziare a scuoterla, tipo fusto al vento, perché la signora Walker ha decisamente cambiato le carte in tavola generando attimi di suspense piuttosto elevati!
Naturalmente, il lieto fine è assicurato, così come Manu ha ancora le spalle attaccate al resto del corpo. 
Alla fine del libro ci siamo lanciate in scambi di opinioni — con toni entusiastici che variavano dal più acceso al decisamente acceso — su questi nuovi personaggi che già desideriamo rincontrare quanto prima. Fare la conoscenza dell’affettuosa famiglia di Kira ci ha avvolto in un piacevole senso di calore e anche i compagni di squadra di Matt, insieme alle loro mogli e compagne, hanno dato il loro importante contributo nel rendere questa storia una bellissima lettura. 
Scegliere tra Kira e Matt è praticamente impossibile: così diversi ma così complementari. Entrambi due meravigliosi personaggi che, ne siamo certe, vi entreranno nel cuore e metteranno radici per non andarsene più. 

Nessun commento:

Posta un commento

My Instagram