Let's talk about books

Recensione: "Pessimo fidanzato cercasi" di TA Moore

Titolo: Pessimo fidanzato cercasi
Titolo originale: Wanted - Bad Boyfriend
Autrice: TA Moore
Trad.: Emanuela Cardarelli
Casa Editrice: Dreamspinner Press 
Genere: contemporaneo
Cover Artist: Reece Notley
Pagg.: 206
Data di uscita: 21 agosto 2018 
Link per l'acquisto: Dreamspinner Press - Amazon

Sinossi 
Sua madre.  Il suo migliore amico. La barista del pub. Tutti sono decisi a trovare a Nathan Moffatt un compagno. Peccato che sia l’ultima cosa che vuole lui! Ogni giorno, al lavoro, il wedding planner del Granshire Hotel fa in modo che i suoi clienti vivano il loro sogno romantico, ma quando torna a casa, vuole solo stare in pigiama sul divano a guardare serie poliziesche in televisione e mangiare pizza.

Purtroppo non gli crede nessuno, e tutti gli ricordano di continuo che, se andrà avanti così, morirà da solo. Un giorno, però, gli viene un’idea: per essere lasciato in pace ha bisogno che anche i suoi amici e conoscenti comincino a desiderare che resti single. Per convincerli ha bisogno di un pessimo fidanzato, e c’è un solo uomo adatto a quel compito.

A Flynn Delaney non importa che gli abitanti di Ceremony pensino il peggio di lui, ma non sa se vuole anche fregiarsi del discutibile titolo di peggior fidanzato dell’isola. D’altro canto, però, se starà al gioco potrà uscire con il bel Nathan e far arrabbiare i proprietari del Granshire Hotel. È una situazione che gioverebbe a entrambi.

C’è solo un problema. Flynn si rivela un bravo fidanzato, e ora Nathan comincia a chiedersi se abbandonare il divano ogni tanto sia davvero la cosa più brutta del mondo.

Recensione 
Ultimamente, la Dreamspinner Press mi sta viziando con la pubblicazione di libri molto belli. Anche "Pessimo Fidanzato Cercasi" di TA Moore non è da meno e, al pari degli altri, si è rivelato una lettura brillante e spiritosa, un romance perfetto con due protagonisti validi, dialoghi frizzanti, comprimari ben caratterizzati e una trama solida con un colpo di scena finale.

Nathan Moffat è un trentasettenne affascinante e realizzato il cui lavoro, quello del wedding planner, gli procura grandi soddisfazioni. Ma, si sa, spesso e volentieri l'apparenza inganna. Infatti, oltre a essere preoccupato per la salute della madre, che ha da poco sconfitto una brutta malattia, deve anche contrastare i tentativi messi in atto da parte di familiari e amici, soprattutto da parte del suo migliore amico Max, di trovargli un fidanzato.
Nathan in realtà vive una sorta di equilibrio perfetto, sta bene con se stesso e l'unica cosa a cui aspira è sdraiarsi la sera sul divano per seguire le sue serie tv preferite. Quindi, nella speranza di scrollarsi di dosso le altrui richieste insistenti e invadenti, decide di affittare il peggior fidanzato possibile di sempre per fare rimpiangere a tutti i suoi placidi giorni da single. La scelta ricade su Flynn Delaney, la pecora nera di Ceremony, meccanico ed esperto soccorritore rientrato in città dopo una lunga assenza per via della morte del padre.
Come in ogni romance che si rispetti ben presto il piano di Nathan gli si ritorce contro e tra i due uomini scocca la scintilla dell'attrazione. E quello che era nato come un accordo lavorativo si trasforma in qualcosa di più intenso e sicuramente diverso.

T.A. Moore crea un delizioso intreccio basato sui cliché tipici dei romanzi rosa — il tema "da nemici ad amanti", il patto segreto, il cattivo della situazione che cerca di ostacolare la coppia protagonista — e impreziosito da scambi di battute esilaranti, situazioni rocambolesche, matrimoni da organizzare e suocere da accontentare.
Attraente e intelligente, Nathan non sa che nella sua vita manca solo l'amore. Conoscere più profondamente Flynn, per cui aveva una cotta quando era adolescente, lo aiuta a prendere consapevolezza del fatto che le sue giornate non sono poi così perfette come ha sempre creduto. Irriverente e ironico, si scontra con il carattere ruvido e ombroso di Flynn il quale, da parte sua, comincia a lasciarsi andare e a mostrare il suo vero volto all'esuberante wedding planner lasciando cadere le difese costruite a causa di una vita non propriamente felice.
T.A. Moore ci fa conoscere infatti il passato di Flynn poco alla volta, e se nel libro leggiamo anche il suo punto di vista, solo nelle ultime pagine abbiamo una visione completa del suo passato grazie alla quale comprendiamo appieno il personaggio.
Flynn è forse più complesso rispetto a Nathan, ma personalmente mi è piaciuto di più quest'ultimo. Allegro, irriverente, ironico, Nathan è il perfetto protagonista della commedia romantica. Alle prese con spose un po' preoccupate e location allagate, riesce a sistemare tutto e a capire, alla fine, che avere una persona su cui poter contare rende la vita più bella ed entusiasmante.
Ottima, a mio parere, la scelta dell'autrice di mantenere alta la tensione sessuale senza eccedere nelle scene hot, che sono, sì, presenti ma non in maniera preponderante. Sono anche e soprattutto ben scritte e hanno un significato preciso e ragionato all'interno della storia.

Con "Pessimo fidanzato cercasi" TA Moore debutta in modo perfetto nel mercato italiano, e spero che Dreamspinner Press ci conceda presto l'opportunità di leggere altri lavori di questa brava autrice.

Nessun commento:

Posta un commento

My Instagram