Let's talk about books

Intervista a Victoria Sue, autrice di "Per cinque minuti in più" (Serie Enhanced World #1) - Recensione

In occasione dell'uscita del suo "Per cinque minuti in più", primo volume della serie Enhanced World, edito da Dreamspinner Press, abbiamo il grande piacere di dare sul nostro blog un caloroso benvenuto alla gentilissima Victoria Sue, che non ha esitato a raccontarci un po' di sé e a svelarci qualche piccolo segreto sulla storia coinvolgente e adrenalinica di Finn e Talon.

Raccontaci un po' di te e della tua esperienza come autrice. 
Tell us a little bit about yourself, your background and experience as authors. 

Ciao! Scrivo storie da quando ero bambina, ma mi ci sono voluti molti altri anni per pensare effettivamente che alle persone avrebbe fatto piacere leggerle. Vivo in Florida ma sono nata in Inghilterra e mi sono trasferita in America con la mia famiglia otto anni fa. Ho lavorato come infermiera, insegnante di sostegno e preparatrice di gelati! 

Hi – I’ve been writing stories since i was a child but it took me many more years to actually think other people might like to read them. I live in Florida, but was born in England and moved to America eight years ago with my family. I’ve worked as a nurse, a teaching assistant and an ice cream maker! 

Com'è nato il tuo interesse per il genere M/M? A quali autori ti ispiri? 
What got you interested in writing M/M romance? Who are the authors who inspire you? 

Ho letto la serie Scanguards di Tina Folsom sui vampiri, e nel settimo volume fa la sua apparizione una coppia gay. Mi sono subito appassionata. Amo Mary Calmes, Damon Suede e K.C. Wells. 

I read Tina Folsom’s Scanguards series. Its about vampires and the seventh book featured a gay male couple. I was immediately hooked. I love Mary Calmes, Damon Suede, and K.C. Wells.

Qual è stata la fonte di ispirazione per la serie Enhanced World?
Can you tell us a bit about your initial inspiration for the Enhanced World series? 

Quando stavo facendo il tirocinio come infermiera, un medico mi raccontò che un tempo aveva avuto in cura un ragazzino per un dolore addominale: tutti avevano pensato a un caso di appendicite fino al momento in cui un'ecografia non aveva evidenziato che non ne aveva una. Molte persone credono che questo sia opera dell'evoluzione, perché non abbiamo più bisogno di avere l'appendice. Link per i riferimenti scientifici sul mio blog: http://www.victoriasue.com/the-science-behind-five-minutes-longer/ 
Questo argomento mi ha sempre affascinato e volevo inserirlo in una storia. 

When I was training to be a nurse, a doctor told me about a little boy he had once treated with abdominal pain and everyone thought at first he may have appendicitus until a scan showed he didn’t have one. A lot of people think this is evolution at work as we dont need the appendix anymore. Link to the science on my blog - http://www.victoriasue.com/the-science-behind-five-minutes-longer/  This always fascinated me and i wanted to someday incorporate it into a story. 

Il processo del worldbuilding può rivelarsi incredibilmente impegnativo. Come ci hai lavorato su?
World building is an incredibly difficult undertaking. How did you work on it? 

Ho fatto molte ricerche. La parte scientifica è stata faticosa, perché ho sempre voluto che questo libro trattasse di alcune cose che potrebbero accadere in un futuro non lontano. Mi sono concentrata sul tema dell'evoluzione umana, niente di magico, niente vampiri né lupi mannari (non che i lupi mannari non mi piacciano, li trovo molto sexy.) 

Lots of research. The science was hard because I always wanted this book to be about things that are likely to happen not too far in the future. Human evolution, not magic, vampires or werewolves. (Not that I dont like werewolves – very sexy.) 

Quali sono gli elementi di "Per cinque minuti in più" di cui sei più orgogliosa? 
What element of Five Minutes Longer are you proudest of? 

Due cose: la scena in cui Finn impara a usare una pistola. Quel momento è stato davvero importante per me ed è ciò che ho fatto io stessa, letteralmente. I poliziotti non portano armi in Inghilterra. Non ne avevo mai visto uno tranne che in TV, quindi per capirlo meglio ho dovuto imparare a farlo io. Ho fatto tre lezioni e ho preso nota di tutto ciò che l'istruttore ha detto. Pensava che fosse divertente che sarebbe finito tutto in un libro!
La seconda cosa è che Finn è stato l'eroe più grande mentre in realtà è solo un ragazzo normale. Perché, alla fine, il super potere più potente del mondo è l'amore. 

Two things – The scene where Finn learns to fire a gun. That was actually important to me and its word for word what i did myself. Ordinary cops don’t carry guns in England. I’d never even seen one except on TV so to get this right i had to go learn to do it myself. I had three lessons and wrote down everything the instructor said. He seemed to think it was funny it was all going in a book! 
The second thing is that Finn was the biggest hero but the only ordinary guy there. That in the end the most powerful superpower in the world is love. 

Qual è stata la sfida più grande quando hai scritto Talon Valdez e Finn Mayer? Cosa ammiri di più di loro?
What was the greatest challenge in writing Talon Valdez and Finn Mayer? What do you admire most about them? 

Che hanno lottato per superare gli ostacoli con cui hanno iniziato. Finn ha la dislessia e avrebbe tranquillamente potuto permettere che questo gli impedisse di realizzare i suoi sogni. 

That they struggled to overcome the obstacles they started out with. Finn has dyslexia and could easily have let that stop him pursuing his dreams. 

Se potessi avere un potere soprannaturale, quale sarebbe? 
If you could have one supernatural power, what would it be? 

Scrivere 3000 parole al minuto ovviamente. 
To write at 3000 words a minute obviously. 

Qual è la tua battuta di dialogo preferita?
What's your favorite line of dialogue from the book?

Oh... ne ho così tante! Ci sono molte scene toccanti e divertenti tra Talon e Finn, ma penso che l'ultima sia la migliore. Devi leggere il libro per capire perché è così tipicamente da Finn, ma alla fine egli guarda l'enorme monster truck di Talon e gli chiede: "Posso guidare?" 

Oh i have so many. There are a lot of poignant and some funny scenes between Talon and Finn, but i think i like the last line the best. You have to read the book to see why its so typically Finn, but at the end he looks at the huge monster truck Talon has and says, “Can i drive?” 

Cosa speri che i tuoi lettori ricordino di "Per cinque minuti in più"?
What do you hope your readers will take away from Five Minutes Longer? 

Che le differenze sono sempre una buona cosa. Le persone dovrebbero celebrare l'unicità. 
That being different is always a good thing. People should celebrate individuality. 

Colore preferito? Verde per gli occhi, blue per i vestiti 
Cibo preferito? L'arrosto
Parola preferita?
Periodo storico preferito? Il momento attuale 
Canzone preferita? Stay with me di Sam Smith 
Libro preferito? Joust di Mercedes Lackey 
Film preferito? Il miracolo della 34ª strada 

Favorite color?  Green (in eyes) Blue (in clothes)
Favorite food?  Roast dinner
Favorite word? Yes
Favorite time period in history? Now
Favorite song? Stay With Me – Sam Smith
Favorite book? Joust – Mercedes Lackey 
Favorite film? Miracle on 34th Street 

A cosa stai lavorando attualmente?
What are you working on now? 

Sulla storia di Vance e Angel, quarto volume della serie Enhanced World.
Vance and Angel’s story which is book four in the enhanced series.

Victoria, grazie di cuore per averci concesso questa intervista. Buona fortuna per tutto, e spero di parlare ancora con te dei tuoi libri sul nostro blog!
Victoria, thank you so much for this interview. Good luck and I hope to talk with you about your books again on our blog!

Grazie per avermi ospitato! Se siete interessati a estratti in esclusiva, giveaway o aggiornamenti, potete iscrivervi nel mio gruppo Facebook clicca qui

Thank you for having me! If anyone is interested in exclusive excerpts, competitions, or updates please join me in my facebook group: https://www.facebook.com/groups/1182647028418709/ 

È possibile seguire Victoria Sue su: 
Facebook clicca qui
Goodreads clicca qui
Web site clicca qui

Victoria Sue biografia 
Ha scritto il suo primo romanzo per una scommessa fatta col marito, che se ne pente da allora. Adora scrivere storie che hanno come protagonisti bellissimi ragazzi che si amano, soprattutto con risvolti paranormali e storici. Ha cercato di scrivere qualcosa di contemporaneo ma ha fallito clamorosamente quando all’improvviso a qualcuno sono spuntate quattro zampe e una coda. Adora i suoi lupi! È una ragazza del nord dell’Inghilterra, ma sta attualmente ‘scontando’ da vent’anni all’ergastolo in Florida. Sfortunatamente passa più tempo incatenata al computer che in spiaggia. Adora sentire le opinioni dei lettori e la troverete spesso a sbirciare su Facebook. 


*********** 

Titolo: Per cinque minuti in più 
Titolo originale: Five Minutes Longer
Serie: Enhanced World #1
Autrice: Victoria Sue
Trad.: Natascia Gandini 
Editore: Dreamspinner Press 
Genere: Mystery/Suspense, Science Fiction
Cover Artist: AngstyG
Pagg.: 221 
Data di uscita: 15 maggio 2018 
Link per l'acquisto: Dreamspinner Press 

Sinossi 

Fin dal momento della sua trasformazione in un umano potenziato, Talon Valdez sapeva che avrebbe dovuto dire addio alla sua vita e ai suoi sogni. Trattati con diffidenza, insultati, spesso rinchiusi, i potenziati sono visti come mostri, disprezzati dalla società e considerati inadatti a prestare servizio nell’esercito o nelle forze dell’ordine.

Anni più tardi, ha la possibilità di creare una task force di potenziati all’interno dell’FBI, ma a una condizione: ogni potenziato deve fare coppia con un essere umano normale.

Finn Mayer sogna di entrare nell’FBI da quando aveva quattordici anni e ha fatto qualsiasi sacrificio perché ciò avvenisse: ha sopportato di vivere con una madre egoista, con un fratello omofobo e bullo e di non avere un compagno. Soffre però di dislessia non diagnosticata e basta questo a frustrare le sue aspirazioni sul nascere. La sua ultima occasione è fare coppia con Talon, un potenziato con abilità letali, che però non vuole affidare i suoi segreti ai normali e che pertanto vuole vederlo fallire.

Quattro sono le settimane a disposizione di Finn per provare alla squadra quanto vale. Quattro le settimane perché la squadra dimostri al resto del mondo che può funzionare. E quando un altro gruppo minaccia il loro successo – mettendo a rischio le loro vite – sarà per quattro settimane che dovranno sopravvivere. 

Recensione 
"Per cinque minuti in più", primo volume della serie urban sci-fi fantasy "Enhanced World" di Victoria Sue, tradotto da Natascia Gandini ed edito da Dreamspinner Press, ruota intorno agli umani potenziati, persone in cui, durante l'adolescenza e per motivi ancora sconosciuti e da scoprire, si attiva un gene che dona loro un potere diverso e non sempre controllabile.
Victoria Sue descrive un mondo in cui gli umani potenziati sono considerati un pericolo per la società, sono emarginati e ghettizzati, abbandonati dai propri genitori nel momento in cui subiscono il cambiamento. I potenziati non possono ricoprire cariche pubbliche e nemmeno fare parte delle forze dell'ordine o dell'esercito. 
La situazione però sta lentamente cambiando: l'FBI sta provando a creare una squadra speciale in cui gli umani potenziati abbiano come partner lavorativo un agente normale, senza alcun potere speciale, per sensibilizzare l'opinione pubblica e dimostrare a tutti che questi individui non sono un pericolo ma una opportunità per l'umanità.
Non è però semplice trovare il candidato adatto per ricoprire un ruolo simile, e gli aspiranti agenti vengono tutti bocciati finché l'agente speciale Gregory, responsabile della squadra, non sceglie Finlay Mayer.
Il sogno di Finn è di essere un agente dell'FBI, ma sa benissimo di non avere le capacità per diventare un agente operativo. Per fortuna ha una forte predisposizione per i calcoli e quindi, dopo essere riuscito con enormi sacrifici a laurearsi in contabilità, fa domanda per entrare nel Bureau. Anche se in un primo momento la sua candidatura è bocciata, viene contattato dall'agente Gregory, che gli chiede di entrare a far pare di un progetto top secret.
Finn, dal canto suo, tutto si aspetta tranne di essere scelto come possibile partner di Talon Valdez, spaventoso ma anche affascinante potenziato che mette subito in chiaro di non volerlo al suo fianco. Finn però non demorde, perché nessuno può togliergli la possibilità di realizzare il suo sogno.

Finlay Mayer è il personaggio che ho trovato più interessante; descritto con cura e attenzione, si discosta dal classico cliché dell'eroe invincibile. Non è forte come un potenziato, non ha attitudini specifiche e non si sente particolarmente intelligente poiché affetto da una forma di dislessia che gli ha reso difficile studiare. Ha una famiglia che non lo sostiene, e il padre, l'unico a cui aveva confessato il suo sogno, è morto suicida a causa di una grave depressione. Ma Finn continua determinato per la sua strada e rinuncia a tutto pur di riuscire a diventare un agente. Non si perde d'animo nemmeno quando capisce di essere stato scelto in quanto sacrificabile.
I suoi primi approcci con Talon sono un po' difficili: il ragazzo capisce subito di non essere ben accetto, ma con la sua genuinità e spontaneità riesce a conquistare tutta la squadra dei temibili potenziati.
Tra tradimenti, rapimenti e amici ritrovati, la narrazione non concede pause, oltre a regalarci la nascita di un forte sentimento tra Finn e Talon, che è attratto sempre più da quel ragazzino che nasconde, dietro la facciata di umano normalissimo, una forza di spirito immensa. 
Anche Talon ha i suoi fantasmi da sconfiggere e fa fatica a dare fiducia a un'altra persona, ma ben presto capirà che donare il proprio cuore a Finn è la cosa più giusta da fare.  

Considerato che "Per cinque minuti in più" è il primo libro di una serie, molte situazioni rimangono in sospeso, altre sono appena accennate, e il lettore rimane con la curiosità di scoprire cosa si prospetta nel futuro della squadra speciale.
Anche se segue uno schema forse già visto in altri libri, "Per cinque minuti in più" è riuscito a catturare la mia attenzione: la narrazione ha un buon ritmo, le scene d'azione sono ben descritte e non banali, i personaggi secondari, protagonisti dei prossimi libri, sono veramente interessanti. 
Chi ama l'urban sci-fi fantasy ricco di misteri e suspense, non può perdersi questa nuova uscita targata Dreamspinner Press, perchè sicuramente Finn e Talon vi ammalieranno come hanno fatto con me!

Nessun commento:

Posta un commento

My Instagram