Let's talk about books

Scaffale Rainbow

Buon pomeriggio a tutt* :) 
Il nuovo anno è iniziato con la pubblicazione di un romanzo particolarmente interessante che, insieme a una delle ultime uscite del 2017, ha destato la mia curiosità: i due libri, se da una parte toccano alcune tematiche appartenenti all'universo Lgbt, sebbene concettualizzate e affrontate in modo diverso, dall'altra raccontano una storia che dà voce a motivi differenti e contrastanti e in grado, comunque, di risvegliare l'amore per la realtà, quel genere di racconto che rende l'altro, o tutto ciò che reputiamo diverso e lontano dai noi, intimamente familiare e a volte persino identico, anche quando dobbiamo misurarci con la paura e l'oscurità.

Vi proponiamo pertanto le due letture del mese, augurandovi di cuore un buon viaggio tra parole e immaginazione, dandovi appuntamento al prossimo Scaffale Rainbow. 

Titolo: Orient 
Titolo originale: Orient 
Autore: Christopher Bollen 
Trad.: Daniela Guglielmino 
Editore: Bollati Boringhieri - qui 
Genere: Thriller 
Pagg.: 688 
Prezzo cartaceo: € 17,00 
Prezzo ebook: € 9,99
Data di uscita: 11 gennaio 2018 
Link per l'acquistoIbs - Amazon

Sinossi 
Orient, sulla punta del North Fork di Long Island, affacciata sul braccio di mare che separa l’isola dal Connecticut. Meno famosa del South Fork, quella degli Hamptons, con relativi magnati dello show business newyorchese, attori e scrittori famosi. In questo paradiso marittimo dei falchi di mare, dei pescatori e delle fioriture selvagge, abitato dalle stesse famiglie da molte generazioni, arriva un giorno da New York Mills, un «drifter», un vagabondo, ex tossicodipendente, ex bambino abbandonato, passato da un affido all’altro. Ospite, in cambio di lavoro, di un signore che possiede una bella casa di famiglia da sgombrare e ristrutturare dopo la morte della madre, Mills viene accolto da subito con molta diffidenza nella comunità locale, tanto più che, dopo il suo arrivo, uno per volta, si cominciano a rinvenire numerosi corpi senza vita. Episodi di violenza mai visti prima nella tranquilla cittadina. Mills, con l’aiuto di Beth, ex artista e moglie in crisi di artista famoso, tornata a Orient dopo anni trascorsi a New York, decide di indagare su una pista parallela a quella della polizia, determinato a capire chi e che cosa c’è dietro il mistero, in una corsa contro il tempo prima che la piccola cittadina finisca per distruggerlo. Christopher Bollen costruisce una storia che, pagina dopo pagina, cattura il lettore e non lo lascia andare, descrivendo con estrema accuratezza paesaggio, personaggi e contesto, e dando spazio ai temi rilevanti della società americana oggi: ricchezza, gentrification, arte, omosessualità, matrimonio, divorzio, tutela ambientale, avidità. E giocando sulle numerose implicazioni della parola «Orient»: l’est americano, l’esotico, ma anche l’orientamento nello spazio e nel tempo, l’orientamento sessuale, il disorientamento delle percezioni mentali. Soffuso di tensione, Orient è insieme uno straordinario page turner, un thriller letterario e un ritratto provocatorio del lato oscuro del sogno americano: una comunità idilliaca dove nessuno è al sicuro. 

CHRISTOPHER BOLLEN è collaboratore della rivista «Interview». Autore di Lightning People (2012) e The Destroyers (2017), i suoi testi sono apparsi su «GQ», «The New York Times», «Believer» e «Artforum». Vive a New York. 

Titolo: Grandangolo 
Autore: Simone Somekh 
Editore: Giuntina - qui
Genere: Fiction 
Pagg.: 192 
Prezzo cartaceo: € 15,00 
Prezzo ebook: € 8,99 
Data di uscita: 19 ottobre 2017 
Link per l'acquistoAmazon

Sinossi 
Per crescere bisogna cambiare, ma per cambiare ci vuole coraggio, soprattutto se sei nato in una comunità ultraortodossa come Ezra Kramer, il protagonista di questo romanzo, un ragazzo con un’innata passione per la fotografia che sente potente il richiamo del mondo – che è là fuori e chiede solo di essere vissuto. La sua storia è un percorso di scoperta ed emancipazione – religiosa e sessuale – attraverso mondi diversi e lontani, dalla comunità ultraortodossa di Brighton alla New York dell’alta moda, dalla primavera araba in Bahrein alla trasgressiva e libera Tel Aviv. E lungo la via Ezra incontrerà altri giovani, ognuno con la sua storia e le sue lotte alla ricerca della propria realizzazione. Alcuni lasceranno in lui una labile traccia, altri invece li sentirà fratelli perché come lui hanno dovuto affrontare la prova più dura, abbandonare la famiglia per guadagnare la propria libertà. 

SIMONE SOMEKH è nato a Torino nel 1994. Ha vissuto in Italia, in Israele e negli Stati Uniti. Oggi vive a New York, dove lavora come giornalista e frequenta la scuola di giornalismo della New York University. Ha collaborato con Wired Italia, The Forward, The Jerusalem Post, The Times of Israel, New York Transatlantic. Grandangolo, scritto all’età di ventun anni, è il suo primo romanzo.

Nessun commento:

Posta un commento

My Instagram