Let's talk about books

Recensione: "Aggiungere l'amore e mescolare" di Sean Michael

Titolo: Aggiungere l'amore e mescolare 
Titolo originale: Add love and mix
Autore: Sean Michael 
Trad.: N.A.M. 
Editore: Dreamspinner Press 
Cover Artist: L.C. Chase 
Genere: Contemporaneo 
Pagg.: 199 
Data di uscita: 30 gennaio 2018 
Link per l'acquisto: Dreamspinner Press 

Sinossi 
Il vigile del fuoco Jason “Jase” Weller e il paramedico Scott Bronson hanno una vita perfetta. Fanno il lavoro che amano insieme, vivono insieme e nel tempo libero non riescono ancora ad averne abbastanza l’uno dell’altro. La loro relazione dura da sei incredibili anni. Poi, alla vigilia di Natale, si presenta l’ex fidanzata di Jase, Elsa, accompagnata da una bambina di sei anni. Prima di sparire di nuovo, l’irrequieta tossicodipendente sostiene che Kerry sia la figlia di Jase e che è giunto il momento che lui se ne occupi.

Scioccato di scoprire dei problemi di droga di Elsa e di avere una figlia di cui non aveva mai saputo l’esistenza, Jase non si tira indietro e assume il ruolo di padre, con Scott che gli offre il suo completo appoggio. Diventare genitori comporta non poche sfide e i due uomini affrontano gli improvvisi cambiamenti nelle loro vite per migliorare quella di Kerry.

Non sarà facile e le nuove circostanze metteranno loro e la loro relazione alla prova come mai prima d’ora. Avranno bisogno di tutto l’amore che provano l’uno per l’altro e dell’affetto per la bambina perché la loro relazione non si sgretoli. 

Recensione 
Quella di Jase Weller e Scott Bronson è una vita perfetta. Follemente innamorati da sei anni, trascorrono ogni giorno sempre insieme, nella stessa stazione — dove lavorano come vigile del fuoco e paramedico —, e nella loro casa. Hanno anche trovato il modo perfetto per fare gli stessi turni, che possono durare fino a 72 ore consecutive. I genitori di entrambi adorano vederli insieme, e anche i loro colleghi non hanno mai avuto nulla da ridire sul fatto che siano una coppia che, spesso, si lascia prendere dal desiderio di scambiarsi baci ed effusioni di affetto. La vita perfetta, appunto, fino a quando, la sera della vigilia di Natale, e prima dell’arrivo di Scott, si presenta alla stazione Elsa, l’ex fidanzata di Jase. Elsa, ormai tossicodipendente allo sbando, ha un dono per Jase, cioè una bambina di quasi sei anni, della cui esistenza lui non ha mai saputo nulla. Elsa non vuole più occuparsi della piccola: è solo un peso e nessuno ha voluto comprarla, quindi non è utile nemmeno per ricavarci dei soldi.
Jase non può negare che Kerry sia sua figlia: ha i suoi stessi occhi e assomiglia, come una goccia d’acqua, a sua sorella gemella Karissa, morta tragicamente a sei anni e di cui porta lo stesso nome.
Jase sente subito nascere dentro di sé l’amore per la sua piccola, sporca e denutrita, così come Scott non può fare a meno di affezionarsi immediatamente alla bambina, che viene accudita e coccolata anche dai colleghi dei due uomini che le regalano la prima vera vigilia di Natale della sua vita, con tanto di doni e cibo in abbondanza. Per non parlare dei quattro nonni che, alla notizia di una nipotina, iniziano a comportarsi come i nonni sono soliti fare, poiché Kerry è una benedizione inaspettata anche per loro.
E insieme alla gioia per l’arrivo di Kerry, si mettono in moto dinamiche alle quali Jase e Scott non erano preparati. La loro vita perfetta viene completamente stravolta da quelle che sono le nuove responsabilità: arredare una delle camere per la piccola, contattare gli avvocati, pensare all'iscrizione scolastica, cambiare i turni perché uno di loro possa rimanere con lei mentre l’altro lavora. Una corsa frenetica per sistemare ogni cosa, anche dal punto di vista legale, affinché Elsa non possa fare ritorno e pretendere che Kerry torni a vivere con lei. Jase, con il suo solito entusiasmo e il grande cuore che lo contraddistingue, si butta a capofitto nella nuova situazione; Scott non è da meno, perché ama il suo uomo e farebbe di tutto per lui. Ma adattarsi alla nuova vita non è semplice: Scott inizia a rimpiangere quella vita perfetta, il tempo che poteva trascorrere con Jase, l’intimità ormai perduta, perché nell'unico giorno da trascorrere insieme, entrambi sono troppo stanchi e indaffarati per dedicarsi a loro stessi. Scott Ama Kerry come se fosse sua, gli viene naturale, ma col tempo il suo entusiasmo, sempre così evidente sul suo volto, viene sostituito da un sorriso artificioso. Un atteggiamento che lo porta ad allontanarsi e di cui Jase, sempre attento a ogni cosa, si rende conto. E per quanto sia felice di essere diventato padre, Jase sa di dover fare di tutto per riuscire a far tornare il sorriso sul volto del suo compagno, perché la sua vita con Kerry non potrà mai essere felice senza avere anche Scott al suo fianco. 
Avere un bambino è sempre una gioia per due persone che si amano ma, come afferma il padre di Jace, ogni coppia ha nove mesi di tempo per rendersi conto di quello che accadrà e quanti cambiamenti questo evento comporti, al contrario di Jase e Scott, che si ritrovano a dover vivere simili stravolgimenti nel giro di pochi giorni. Così, Sean Michael, partendo da una vita perfetta, ci racconta di due giovani uomini innamorati e di una bambina, che non ha mai avuto una famiglia che si prendesse cura di lei: questa è una storia fatta di amore, di rimpianti ma anche di tanta voglia di stare insieme; una storia che sa di dolcezza familiare, la stessa dolcezza già apprezzata nel precedente libro di Sean, condita con un romanticismo capace di farti battere il cuore e di strapparti un sorriso davanti a due meravigliosi papà alle prese con una piccola creatura che fiorisce sotto i loro occhi e che li mette quotidianamente alla prova con i suoi perché. Due uomini che già si amavano alla follia e che ora, con l’aggiunta di un nuovo amore nella loro vita, ci fanno immaginare che tutto ritornerà perfetto, ma con un nuovo e dolce sapore in più.

Nessun commento:

Posta un commento

My Instagram