Let's talk about books

Recensione: "Il principe dei soldati" (Serie Il Cuore dei Soldati #1) di Charlie Cochet

Titolo: Il principe dei Soldati 
Titolo originale: The Soldati Prince
Serie: Il cuore dei Soldati 
Autrice: Charlie Cochet 
Trad.: Emanuela Graziani 
Editore: Dreamspinner Press 
Genere: Fantasy/Werewolves/Shapeshifters 
Cover Artist: L.C. Chase 
Pagg.: 101 
Data di uscita: 19 dicembre 2017 
Link per l'acquisto: Dreamspinner Press 

Sinossi 
Riley Murrough è un barista che conduce una vita del tutto normale, ma nel giro di una notte si ritrova in fuga da creature mostruose e scopre di portare il marchio del sovrano mutaforma di un regno magico. La cosa peggiore di tutte, però, è che è destinato a diventare il principe consorte dell’arrogante tigre mutante che preferirebbe strozzare.

Anche Khalon, il re mutaforma dei Soldati, è sconvolto all’idea di essere legato a un principe umano e, assieme ai suoi guerrieri, intraprende un viaggio per riportare Riley al mondo a cui appartiene. Sarà l’occasione per scoprire perché la sacerdotessa li vuole unire, ma dovranno scappare da orde di demoni per arrivare vivi da lei. 

Recensione 
Con Il principe dei Soldati, primo volume della serie Il Cuore dei Soldati, Charlie Cochet ci porta  in un mondo fantastico di cavalieri mutaforma, che combattono in segreto contro dei demoni succhia anime per proteggere tutta l'umanità. 

Khalon è il Principe dei Soldati, combattente duro e spietato ma sovrano molto amato che, seguendo l'oracolo del suo fido luogotenente e amico, salva un umano dall'attacco selvaggio di un'orda di demoni.
Riley Murrough è un semplice barista che, dopo essersi laureato in arte, sta cercando di trovare la propria strada nella vita. Una sera, però, alla fine del suo turno di lavoro, viene attaccato da alcuni esseri spaventosi e salvato da un branco di tigri che si trasformano, sotto i suoi occhi, in uomini. Come se non bastasse, l'arrogante capo di questo piccolo esercito comincia a chiamarlo principe compagno. Riley viene dunque portato nel castello del Principe Khalon e qui viene a conoscenza di un mondo parallelo abitato da mutaforma.
I primi approcci tra i due uomini non sono tra i migliori: l'ironia e l'irriverenza di Riley si scontrano con la superbia e l'arroganza di Khalon, che non accetta che la loro sacerdotessa abbia scelto per lui, forte e potente Principe, un debole e mortale umano. 
Ma il destino ha in serbo per loro dei progetti molto diversi da ciò che i due si aspettano: i protagonisti, nel viaggio che li condurrà dalla sacerdotessa, impareranno a ricredersi sulle prime impressioni e sentiranno che tra di loro sta nascendo qualcosa che va oltre l'attrazione fisica. 

Riley nasconde dietro a una lingua velenosa, battute al vetriolo e un'insana dipendenza dal caffè, un ragazzo un po' solo e con una scarsa stima di se stesso; non si sente sufficientemente interessante e intelligente per un uomo come Khalon, che non perde occasione per ribadirgli la sua posizione di inferiorità. Il Principe dei Soldati, infatti, aspetta da centinaia di anni il suo consorte, e si sente quindi tradito nel momento in cui il destino gli offre un umano che non lo rispetta. Ma anche Khalon dovrà andare oltre le proprie aspettative e vedere Riley per ciò che realmente è. 

In questo primo libro della serie Il Cuore dei Soldati, Charlie Cochet ha creato un interessante intreccio fantasy; ho trovato molto belle le descrizioni del castello, della vita nei villaggi e della gerarchia sociale presente nel mondo dei Soldati. Anche i personaggi secondari sono ben caratterizzati: gli amici e consiglieri del principe Khalon, e primo fra tutti l'affascinante Rayner, e il dolce Toka, un foxling mutaforma volpe. Non tutto è stato chiarito ma essendo questo il primo volume di una serie, penso che l'autrice voglia svelare le cose lentamente. 
Forse, ho trovato alcune caratteristiche dei personaggi un po' troppo simili a quelle dei protagonisti dei Thirds, l'altra nota serie di Charlie Cochet, ma Il principe dei Soldati rimane un libro interessante e ben scritto che le amanti del fantasy e delle belle storie d'amore non possono lasciarsi sfuggire.

Nessun commento:

Posta un commento

My Instagram