Let's talk about books

5/31/2017

Recensione: "Forgiveness" (Serie Red Shadows #5) di Gaby Crumb

by , in
Titolo:Forgiveness
Serie: Red Shadows Vol.5
Autrice: Gaby Crumb 
Editore: Self-Publishing 
Genere: Contemporaneo/Suspense
Pagg. 138
Link d'acquisto: Amazon - Kobo 

Sinossi
È tempo di vendetta!
La resa dei conti è finalmente arrivata.
Ash vuole ritrovare suo fratello, Sean vuole tenere il suo compagno al sicuro.
Le ombre si ritroveranno finalmente davanti a Lucas ma nuove rivelazioni attendono i Red Shadows e la vendetta tanto agognata, potrebbe avere dei risvolti inaspettati... 


               Recensione 
Eccoci al quinto e ultimo libro della bella saga di Gaby Crumb, dove tutto avrà finalmente una spiegazione e noi lettori scopriremo cosa succederà alle nostre, ormai care, Ombre. 

Il volume inizia dal punto in cui era finito il precedente, con Cam, cioè, in fuga e introvabile e con gli amici che sono sempre più preoccupati per la situazione che si sta delineando: non si possono più fidare di niente e di nessuno, sono un'altra volta da soli contro tutti e tutto.
"Forgiveness" è pieno di rivelazioni e sconvolgimenti, e racconta di cambiamenti di squadra e di situazioni pericolose; l'autrice ha disseminato tanti indizi nel corso della storia e ora tutti i nodi stanno per essere sciolti, tutte le domande che ci siamo posti stanno per trovare una o più risposte. 

Questo libro è scritto dal punto di vista di Asher, il "ragazzino" di Sean e fratello minore di Cameron che ha sempre vissuto le avventure delle Ombre da lontano, costantemente protetto dai componenti della band.


Ash, in questo caso però, è in prima linea: è lui a cercare e a trovare Cam, ed è sempre lui a innescare una serie di eventi, che faranno luce sulle intricate vicende dei Devil Black e del loro capo, Lucas.
L'amore e la fiducia di Ash e Sean saranno messi alla prova, come quella dei componenti delle Ombre, ma l'affetto fraterno che li lega li terrà uniti e li guiderà a sconfiggere il nemico.
Ed è questo il trait d'union di tutti i libri: la devozione, il senso di fratellanza e di appartenenza che anima questi ragazzi, cresciuti in un mondo pieno di violenza e di minacce, privi dell'affetto dei genitori uccisi senza pietà da uomini senza scrupoli, ma sempre pronti a tenere libero il cuore, aperto nella speranza di ricevere ancora amore e affetto.
Red Shadows è una serie che consiglio di non perdere per calarsi nella vita di giovani protagonisti, che riescono a emergere da un mondo cupo e senza luce, scritta in modo lineare e coerente dalla brava autrice italiana Gaby Crumb, che vi farà innamorare di tutti i suoi personaggi. 

5/30/2017

In uscita il 31 maggio "Hot Wednesday #3" di Taylor Kinney

by , in
Titolo: Hot Wednesday #3
 Autrice: Taylor Kinney 
Editore: Self-Publishing 
Genere: Bdsm 
Data di uscita: 31 maggio 2017 
Prezzo: € 0.99 
Disponibile su Kobo e Amazon 

Sinossi 
Ogni mercoledì è diverso dal precedente... ogni incontro una sorpresa... cosa avrà escogitato Julian questa settimana per mettere alla prova il povero Gabriel?
Una cena insieme potrebbe sconvolgere la loro routine, ma potrebbe dargli la spinta necessaria per cambiare le cose. Riusciranno a fare qualche passo avanti nel loro rapporto? Troveranno il modo di parlare senza nascondersi dietro le loro paure? 

Racconto erotico M/M di genere BDSM. Non adatto a chi non ama questo genere.

5/30/2017

In uscita il 5 giugno: "Polvere d'Oscurità" (Serie Legami di sangue #4) di Agnes Moon

by , in
Titolo: Polvere d’Oscurità 
Serie: Legami di sangue # 4 
Autrice: Agnes Moon 
Editore: Self-Publishing 
Genere: Paranormal/Fantasy
Pagg.: 214 
Data pubblicazione: 5 giugno 2017 
Prezzo ebook: 3,49 

Sinossi 
Da quando è stato testimone delle efferatezze compiute dai Cacciatori dell’Occulto, Daniel Whitmore non riesce più a darsi pace, specie dopo l’incontro con un prigioniero molto speciale, un giovane vampiro che sostiene di conoscerlo. 
Un “buco” di trenta giorni nella sua vita, un affascinante signore della notte di nome Bastien che sembra sapere tutto di lui e una missione suicida in cui venderà cara la pelle, stravolgeranno il suo mondo e la sua visione della vita. 
Mentre l’intero Clan è sulle sue tracce, Thomas scopre di essere al centro di un piano orribile e malvagio, qualcosa che potrebbe distruggere per sempre il suo spirito. 
A volte lo sguardo di un nemico nasconde un animo puro, a volte dietro una vita eterna può celarsi un tormento infinito. Aidan è un essere misterioso e pieno di segreti, ma Thomas è convinto di poter arrivare al suo cuore... 

Un mix di romance, avventura e mistero ci accompagna verso l’epilogo della serie Legami di sangue, e quando infine l’ultima battaglia infurierà, vecchi e nuovi amici si scontreranno all’ultimo sangue contro un’entità diabolica e sfuggente, finché non resterà altro che… polvere d’oscurità.
5/30/2017

In uscita il 5 giugno "Cinque volte in cui il mio migliore amico mi ha baciato e quella volta che l'ho baciato prima io" di Anna Martin

by , in
Titolo: Cinque volte in cui il mio migliore amico mi ha baciato, e quella volta che l’ho baciato prima io
Titolo originale: Five Times My Best Friend Kissed Me and One Time I Kissed Him First 
Autrice: Anna Martin 
Traduttrice: Stefania Trivelloni 
Editore: Triskell Edizioni 
Genere: Contemporaneo 
Pagg.: 216 
Data di uscita: 5 giugno 2017 
Link per l'acquistoTriskell - Amazon

Sinossi
Quando capisci che vuoi sposare il tuo migliore amico all’età di sei anni la tua vita dovrebbe prendere una direzione ben precisa, vero? Ma forse no. 
Da bambino, Evan King pensava che Scott Sparrow fosse la persona più incredibile che potesse esistere. A diciassette anni quella cotta si fa più intensa, e niente è più così semplice come prima. Scott sembra più interessato al football e alle ragazze che a giocare ai supereroi, e Evan concentra le sue energie per entrare alla scuola d’arte. Un bacio dato a tarda notte dopo qualche bicchiere di troppo è qualcosa che si dovrebbe dimenticare subito, non ossessionare per i dieci anni successivi. 
Quando la vita improvvisamente li fa incontrare di nuovo, la passione di Evan nei confronti di Scott si riaccende, dimostrandogli che a volte la vita fa un giro davvero strano per completare il suo corso. 

Contattri Triskell Edizioni
Facebook CLICCA QUI
Twitter CLICCA QUI
Instagram CLICCAQUI
Sito CLICCA QUI
5/29/2017

Recensione: "Il Canto di Oestend" (Serie Oestend #1) di Marie Sexton

by , in
Titolo: Il Canto di Oestend 
Titolo originale: Song of Oestend 
Serie: Oestend #1 
Autrice: Marie Sexton 
Traduzione: Rita Demaria 
Editore: Triskell Edizioni 
Genere: Fantasy/Paranormal/Bdsm 
Pagg.: 343 
Data di uscita: 31 maggio 2017 
Link per l'acquistoTriskell - Amazon

Sinossi 
I simboli hanno potere... 
Aren Montrell ha sentito parlare degli spettri di Oestend: misteriose creature che sbucano di notte e uccidono chiunque si trovi all’aperto. Non ha mai avuto ragione di credere alle storie, ma dopo aver accettato un posto come contabile al BarChi, un polveroso ranch nella remota prateria di Oestend, Aren impara presto quanto gli spettri siano reali. Di colpo, si ritrova a vivere in una presunta casa infestata, sigilli e generatori sono le sue uniche protezioni contro le creature invisibili della notte. Come se non bastasse, deve fare i conti con una burbera, vecchia signora cieca, “mucche” mai viste prima, oltre al fatto di essere apparentemente diventato lo scapolo più desiderato dei dintorni. 
Aren diventa anche l’unico confidente di Deacon, il nerboruto capomastro del BarChi. Deacon dirige il ranch con il pugno di ferro, ed è felice di avere finalmente qualcuno con cui parlare. Mentre la loro relazione si fa sempre più stretta, Aren scopre che c’è molto di più in Deacon e nel BarChi di quanto osasse sospettare. Deacon sembra determinato a negare sia le sue origini sia ogni diritto sul BarChi, ma se Aren vuole sopravvivere ai pericoli di Oestend, dovrà convincere il cowboy a smettere di fuggire dal suo passato e a reclamare finalmente ciò che gli spetta. 

Best Gay Fantasy ai Rainbow Awards 2011
Best Character Development ai Rainbow Awards 2011
Menzione d'onore per Best Gay Novel ai Rainbow Awards 2011
Finalista nella categoria Paranormal/Fantasy a CRW Award of Excellence 2012 

Recensione
Oestend è un’immensa prateria appartenuta, un tempo, ai nativi Ainuai, sterminati dai coloni, portatori di civiltà, che ora la abitano.
A Oestend si trasferisce Aren Montrell, abbandonando la sua città, Lanstead, e lasciandosi alle spalle una famiglia che lo ha rinnegato e cacciato per il suo orientamento sessuale; un collegio dove è stato oggetto di scherno da parte degli altri studenti, e un professore universitario con il quale ha avuto una relazione durata quattro anni e che lo ha sempre trattato come un oggetto sessuale da donare anche agli amici. La civiltà, appunto.
Aren accetta il lavoro di contabile presso il ranch BarChi, sperando così di iniziare anche una nuova vita.
Le leggende narrano di una terra infestata dagli spettri e, ben presto, le leggende diventano, anche per lui, realtà. Perché gli spettri escono di notte e uccidono gli esseri umani, rubando loro il respiro. 
Al calar delle tenebre, infatti, nessuno esce di casa, si è protetti dai simboli sugli edifici e dai generatori che, con il loro rumore, non permettono agli spettri di avvicinarsi.
In poco tempo, Aren si adatta alla sua nuova vita, al lavoro, alle difficoltà di vivere e, a volte, di sopravvivere in un mondo privo di comodità e, talvolta, anche ostile. Ci sono gli aiutanti dei quali deve guadagnarsi il rispetto e la fiducia; ci sono gli spettri dei quali farà subito conoscenza, e ci sono le figlie dei proprietari degli altri ranch, in età da marito, che si propongono e gli si gettano letteralmente addosso, pregandolo di sposarle, terrorizzandolo più degli spettri. E poi c’è Deacon.
Deacon, il capo degli aiutanti, l’uomo che ha in mano le redini del ranch più del proprietario. Deacon, ricercato dalle donne ma che, a poco a poco, entra nella vita di Aren, in cerca di un amico e di qualcuno con cui finalmente parlare. Deacon, che è la personificazione della forza e al tempo stesso un’anima pura. Deacon, che domina con il suo controllo la vita del ranch ma che, segretamente, ha bisogno di essere dominato per fuggire da tutte le responsabilità che la vita gli impone quotidianamente. 
Grazie alla loro relazione, che da amicizia si trasforma in un legame più profondo, Aren, lasciandosi il passato alle spalle, per la prima volta, avrà il controllo sulla sua vita e anche su quella di Deacon. 


Ancora una volta, Marie Sexton ci regala una storia incredibile e perfetta. Qualunque sia il genere nel quale si cimenta, riesce sempre a creare un gioiello che ci racconta qualcosa in più, travalicando i confini dell'ordinarietà con un'abilità e una capacità narrativa che non tutti possiedono.
Il rapporto tra Aren e Deacon è originale e riuscito, e le loro personalità si completano e si integrano, si donano e prendono, sfidando anche la morte e vincendo su di essa. E anche quando questo rapporto si arricchisce di un terzo elemento, il giovane Frances che sarà uno dei protagonisti del secondo libro, ci rendiamo conto di quanto questo episodio sia necessario per arrivare a comprendere la sintonia e l’amore che lega questi due uomini.
Tuttavia, "Il canto di Oestend" è anche il libro di un popolo che non esiste più, di cui Olsa, la cuoca, la guaritrice, la donna degli spiriti, è l’ultima discendente. Forse. Un popolo che, per vendicarsi, ritorna a tormentare chi gli ha sottratto la terra e la vita; spettri, appunto, che non hanno trovato la pace dopo la morte e che pretendono la vita di chi è rimasto, dei coloni arrivati per diffondere la civiltà.
Sarà Olsa a insegnare a Deacon, che non ha mai creduto ai canti e al loro potere, il modo di combatterli, ritrovando la fiducia e il posto che gli spetta in quella terra che gli appartiene e alla quale lui appartiene. Il posto che diventerà per Aren la casa che non ha mai avuto.
Consiglio vivamente di leggere questo libro ben tradotto che ci parla di lotta per la sopravvivenza e di magia, in un mondo ai confini della civiltà dove l’amore è in grado di vincere su tutto, anche sugli spettri che escono quando calano le tenebre e che albergano in noi. 

5/25/2017

Recensione: "Deliver me" (Serie The Music Whitin #1) di Faith Gibson

by , in
Titolo: Deliver Me 
Titolo originale: Deliver Me 
Serie: The Music Within Vol.1 
Autore: Faith Gibson 
Ambientazione: Nashville  
Cover design: Simply Defined Art by Jay Aheer 
Traduzione: Mary Durante 
Genere: Contemporaneo 
Formato: E-book  
Pagg.: 272 
Prezzo: 4,49 € 
Data di uscita: 18 Maggio 2017 
Link per l'acquistoAmazon

Sinossi 
Taggart Lee ha tutto. Fama. Denaro. Tutto, a parte l'amore. Tag è l'esausto cantante dei 7's Mistress, la più grande rock band del mondo. Dopo quindici anni nel giro, ci sta ormai affogando. Un’improvvisa tragedia, però, lo costringe a prendersi una pausa dalla tournée e dalla monotonia che è diventata la sua vita. Quando incontra uno splendido uomo sulla panchina di un parco, vede un'ancora di salvezza. Il dottor Erik Henrikson aveva pensato di aver incontrato l'uomo della sua vita. In realtà era l'uomo sbagliato. Un anno dopo la rottura, ha ancora un lucchetto che tiene chiuso suo cuore. Poi incontra Lee, qualcuno la cui vita è stata appena stravolta. Quando scopre la sua vera identità, Erik butta via la chiave, deciso a tenere ben chiuso il suo cuore. Tag ha due settimane per fare in modo che il dottore lo desideri. Ha tre mesi per provargli che non lo farà soffrire. Una tragedia li fa incontrare. Bugie e tradimenti li separano. Basterà l'amore per liberarli? 

Recensione 
Aspettavo con ansia l'uscita di "Deliver me", primo volume della serie The Music Within dell'autrice americana Faith Gibson, al debutto in Italia grazie a Quixote TranslationsDal momento in cui ho visto la copertina, molto magnetica, e dopo aver letto la sinossi, ho sentito che mi forniva le giuste vibrazioni per metterlo nelle liste di lettura. E il mio intuito non ha fallito.
Il libro è un godibilissimo romance che tocca tutti i punti caratteristici del genere: amore, passione, una buona dose di dolore e ansia, gelosie, tradimenti, amicizia e affetti, oltre che l'immancabile lieto fine, che dopo quasi 300 pagine ben concepite nel mettere a dura prova il cuoricino del lettore, ci meritiamo pienamente.
L'ambientazione musicale, a mio parere, dà anche quel tocco di fascino in più: Taggart Lee, la rockstar bella e dannata che miete conquiste, è in grado di evocare i gruppi musicali e i cantanti preferiti che ognuno di noi porta nel cuore. 

Tag, all'apice del successo con la sua band 7's Mistress, può avere tutto dalla vita: fama, denaro, successo, donne e uomini che gli si gettano addosso; in poche parole, il mondo è ai suoi piedi. Eppure qualcosa manca. Forse, quel genere di amore che non è solo bisogno di sesso, ma di qualcuno capace di andare oltre le apparenze e che veda in lui non soltanto il musicista che si esibisce sul palco. 
Ad aiutarlo, nell'opera, sarà inizialmente il fato avverso, che con un grave lutto gli porterà via la sua adorata sorellina Delilah, proprio mentre dà alla luce la bambina di cui Lee dovrà occuparsi.
E la piccola, chiamata Delilah come la mamma, sarà il fulcro di tutti gli accadimenti che, da quel momento in poi, si succederanno nel libro, il collante di affetti e amicizie, il cupido inconsapevole dello zio e del pediatra Erik, l'altro protagonista della vicenda. 
Sono entrambi due uomini che, a dispetto del successo professionale, non hanno ancora raccolto molto dal punto di vista sentimentale ed emotivo, scettici e dubbiosi nei confronti di un futuro più luminoso e migliore. Ma il destino ha molte sorprese in serbo per loro: toglierà, ma non mancherà anche di dare ed elargire nuove opportunità di riscatto e rinascita. 


La groupie che è in me ha saltellato e gioito in prima fila ai concerti dei 7's Mistress e ancora di più quando Tag/Lee indossa una t-shirt con la stampa di Jim Morrison, e quando canta tra i versi di una sua canzone le parole "ship of fools" (n.d.r. titolo contenuto nell'album Morrison Hotel), quasi sicuramente un omaggio ai Doors da parte dell'autrice.
Le atmosfere e le caratterizzazioni dei vari personaggi, anche secondari, sono molto vivide e ben descritte. Alcuni di essi li ho trovati un po' surreali (ad esempio Sarah, l'amica di Erik), ma su tutti mi sono piaciuti di più Echo (la manager del gruppo) e Cade (il batterista e amico di Tag/Lee nonché ex amante un po' troppo geloso e dispettoso). Quest'ultimo sarà anche il protagonista del volume successivo che aspetto sicuramente con grande curiosità.
Bellissimo ed emozionante è l'epilogo, un concentrato di sorprese e degno finale con fazzoletto in mano. 
Non sono una grande fan di libri m/m con bambini — a volte sono troppo scontati e stucchevoli, mentre penso che il tema sia molto più profondo e complesso di come viene affrontato in certi casi — ma in "Deliver me" ha funzionato e anche bene, perché Faith è stata molto brava, e la simpatica Delilah è la causa motrice dell'impianto narrativo.
Consiglio senza indugi la lettura e... rock on! 

5/24/2017

Recensione: "Blue Notes" (Serie Blue Notes #1) di Shira Anthony

by , in
Titolo: Blue Notes 
Titolo originale: Blue Notes 
Serie: Blue Notes #1 
Autore: Shira Anthony 
Traduzione: Fran Macciò 
Editore: Dreamspinner Press 
Genere: Contemporaneo 
Pagg.: 229 
Data di uscita: 30 maggio 2017 
Link per l'acquisto: Dreamspinner Press - Amazon 

Sinossi 
Forse è colpa del jet lag. Jason Greene pensava di avere tutto dalla vita: il lavoro dei suoi sogni in un rinomato studio legale di Filadelfia, una fidanzata bellissima, e tanti soldi da non sapere neppure come spenderli. Quando scopre la futura sposa a letto con un altro, è costretto a riconsiderare la sua vita e tutte le scelte fatte fino ad allora. Senza quasi riflettere, deciso a fuggire da tutto e da tutti, prende un aereo per Parigi, con la speranza di trovare lì un po’ di pace. 
Ma il periodo di riposo di Jason si tramuta in un viaggio del cuore quando incontra Jules, un violinista jazz in difficoltà e con un grosso peso sulle spalle. Nella città dell’amore, non ci vuole molto prima che i due si trovino a dividere il letto. Eppure, come entrambi capiranno presto, nessuno può sfuggire al proprio passato. Prima o poi, dovranno guardare in faccia la realtà. 

Recensione 
Romanticismo allo stato puro, sensualità e dolcezza. Ecco gli elementi che, mescolati con maestria e delicatezza, rendono "Blue Notes" di Shira Anthony, edito da Dreamspinner Press, un piccolo gioiellino nel panorama dei Romance M/M contemporanei. 

Jason è un uomo realizzato. Avvocato di successo e socio del suo studio a Filadelfia, sembra non poter desiderare di più dalla vita. Purtroppo, però, la realtà non è mai stata così diversa.  A seguito di un tradimento e dopo una relazione lunga e non esaltante, Jason decide di lasciare Diane, la sua fidanzata storica. È una decisione difficile, ma non è questo a far soffrire di più Jason, quanto la consapevolezza di non aver altro, nella vita, oltre al suo lavoro. Così, raccogliendo tutto il coraggio che riesce a trovare, decide di prendersi due mesi di stop dalla sua vita, dal suo lavoro e dalla sua soffocante città, per volare a Parigi, dove la casa di sua sorella Rosalie lo accoglie a braccia aperte.
Jules è un ragazzo di ventidue anni che, della vita, ha visto le sfumature più buie. Ha un passato difficile, che nasconde dietro alle meravigliose melodie che compone ed esprime, suonando il suo violino. È un ragazzo forte, simpatico e brillante e, nonostante tutto, riesce a vivere la sua vita con il sorriso sulle labbra e con un atteggiamento spavaldo e baldanzoso. E così, una sera, in un piccolo locale di Parigi dove si esibisce, di tanto in tanto, con i suoi due amici, Henri e David, Jules impugna il violino e inizia a suonare... e le sue note arrivano direttamente al cuore, affaticato e bisognoso di amore, di Jason. 

Il loro incontro è come un lampo in un cielo buio. Illumina le loro vite, portando con sé il rombo del tuono che scoppierà nei loro cuori e nelle loro anime ferite. Perché Jason e Jules sono due uomini che hanno bisogno di essere amati. E, insieme, scopriranno quanto può essere bello non sentirsi più soli, avere qualcuno accanto che prende le nostre mani e ci fa sentire protetti e al sicuro. 
I loro caratteri, così apparentemente diversi, si fonderanno in modo perfetto, rendendoli una coppia unica e completa. Jason, capirà che a volte è bello lasciarsi andare  e che, voler avere sempre il controllo di tutto, non è altro che un modo per proteggersi dal mondo esterno e dal dolore che esso potrebbe causargli. Capirà che è arrivato il momento di lasciar andare le proprie paure, soffocate per troppo tempo, e che solo quando lo farà, si sentirà un uomo libero di amare e di essere se stesso. 
Jules, invece, per la prima volta nella sua vita, imparerà a fidarsi di qualcuno e si lascerà cullare dalle braccia forti di un uomo, che non vuole altro se non renderlo felice. E sarà grazie a questi sentimenti così forti e sinceri, che riuscirà a buttarsi il suo passato alle spalle, sentendosi finalmente degno di essere amato.
Oh, come vorrei che questa recensione fosse accompagnata dal dolce suono di un violino! Come vorrei poter avere un proiettore, così che poteste vedere le immagini che ho nel cuore proiettate davanti a voi! Perché, credetemi, questo è un libro che non si legge, ma si vive. Per tutto il tempo, nella lettura, mi sono sentita cullata dal suono del violinino di Jules, o da quello del pianoforte di Jason. Mi sembrava di sentire le melodie di Brahms e di Chopin accompagnare le parole dei due protagonisti, i loro gesti, i loro momenti d’amore. 


Shira Antony, si è davvero superata. Ha saputo creare una storia ricca, originale e delicata. Ha caratterizzato perfettamente i suoi due personaggi, rendendoli veri e realistici, interpretando i loro pensieri con tatto e dolcezza, con uno stile narrativo originale, diretto ed evocativo. La storia, infatti, è narrata in terza persona, ma sono presenti moltissimi accenni ai loro pensieri più intimi, espressi in prima persona, in modo che il lettore possa gioire, piangere e sorridere con loro. Il continuo inserimento di vocaboli francesi, poi, l’ho trovato davvero un colpo di genio. In alcuni momenti, è come se si riuscisse a visualizzare le scene in modo quasi reale, come se fosse un film. La bravura dell’autrice, secondo me, è stata proprio questa, ovvero il saper mescolare questa molteplicità di sensazioni dovute alla musica, principalmente, ma anche all’atmosfera parigina, che permea le pagine del libro dall’inizio alla fine. E Parigi, si sa, è la città dell’amore. 
Ma, in "Blu Notes", Parigi è anche la città della scoperta, delle nuove opportunità, della voglia di essere se stessi e di lasciare cadere le barriere. Parigi, con tutti i suoi luoghi più belli e suggestivi, diventa teatro di una commedia romantica e sensuale, che vede come protagonisti due uomini che dalla vita non si aspettano più nulla, ma che dovranno fare i conti con i sentimenti che li investiranno, come un potente tsunami, sconvolgendo per sempre le loro vite. 

 

5/24/2017

In uscita il 31 maggio "Il Canto di Oestend" (Serie Oestend #1) di Marie Sexton

by , in
Titolo: Il Canto di Oestend 
Titolo originale: Song of Oestend 
Serie: Oestend #1 
Autrice: Marie Sexton 
Traduzione: Rita Demaria 
Editore: Triskell Edizioni 
Genere: Fantasy/Paranormal/Bdsm 
Pagg.: 343 
Data di uscita: 31 maggio 2017 
Link per l'acquistoAmazon

Sinossi 
I simboli hanno potere... 
Aren Montrell ha sentito parlare degli spettri di Oestend: misteriose creature che sbucano di notte e uccidono chiunque si trovi all’aperto. Non ha mai avuto ragione di credere alle storie, ma dopo aver accettato un posto come contabile al BarChi, un polveroso ranch nella remota prateria di Oestend, Aren impara presto quanto gli spettri siano reali. Di colpo, si ritrova a vivere in una presunta casa infestata, sigilli e generatori sono le sue uniche protezioni contro le creature invisibili della notte. Come se non bastasse, deve fare i conti con una burbera, vecchia signora cieca, “mucche” mai viste prima, oltre al fatto di essere apparentemente diventato lo scapolo più desiderato dei dintorni. 
Aren diventa anche l’unico confidente di Deacon, il nerboruto capomastro del BarChi. Deacon dirige il ranch con il pugno di ferro, ed è felice di avere finalmente qualcuno con cui parlare. Mentre la loro relazione si fa sempre più stretta, Aren scopre che c’è molto di più in Deacon e nel BarChi di quanto osasse sospettare. Deacon sembra determinato a negare sia le sue origini sia ogni diritto sul BarChi, ma se Aren vuole sopravvivere ai pericoli di Oestend, dovrà convincere il cowboy a smettere di fuggire dal suo passato e a reclamare finalmente ciò che gli spetta. 

Best Gay Fantasy ai Rainbow Awards 2011
Best Character Development ai Rainbow Awards 2011
Menzione d'onore per Best Gay Novel ai Rainbow Awards 2011
Finalista nella categoria Paranormal/Fantasy a CRW Award of Excellence 2012 

Contatti Triskell Edizioni:
Facebook CLICCA QUI
Twitter CLICCA QUI
Instagram CLICCA QUI
Sito CLICCA QUI
5/23/2017

In uscita il 20 giugno "Tra finzione e realtà" (Serie Wrench Wars - Gli Assi dei Motori #3) di L. A. Witt

by , in
Titolo: Tra finzione e realtà 
Titolo originale: Wrenches, Regrets, & Reality Checks
Serie: Gli assi dei motori #3 
Autrice: L. A. Witt 
Traduzione: Sara Benatti 
Editore: Dreamspinner Press 
Genere: Contemporaneo 
Pagg.: 68 
Data di uscita: 20 giugno 2017 
Link per l'acquistoDreamspinner Press 

Sinossi 
Grazie  alla partecipazione al popolare reality show Wrench Wars, l’officina di Reggie fa finalmente affari d’oro. Al proprietario il successo sembra un buon compromesso tra i conti correnti in attivo e i salti mortali imposti dal network. 
Wes, uno dei produttori di più basso livello dello show, ha l’incarico di proporre a Reggie un nuovo spin-off. Il bel meccanico lo tiene sulle spine già nei giorni normali, ma stavolta Wes ha in mano delle carte che non può scoprire. I dirigenti gli stanno con il fiato sul collo e pretendono che presenti a Reggie uno show che l’uomo non accetterà mai di fare, anche se un rifiuto metterebbe a rischio la sua partecipazione al programma già in corso. 
La rete è certa che Reggie rifiuterà di firmare. Ma nessuno si aspetta che il messaggero si innamori dell’uomo di cui i capi stanno cercando di sbarazzarsi. 

Volumi della serie Wrench Wars - Gli Assi dei Motori attualmente pubblicati in Italia
"Meccanici alla prova" (Gli Assi dei Motori #1): CLICCA QUI 
"Quasi normale" (Gli Assi dei Motori #2): CLICCA QUI 

Contatti Dreamspinner Press
Facebook CLICCA QUI
Twitter CLICCA QUI
Instagram CLICCA QUI
Sito CLICCA QUI

5/23/2017

Recensione: "Il prezzo del silenzio" di Sara Santinato

by , in
Titolo: Il Prezzo del Silenzio 
Autrice: Sara Santinato 
Editore: Triskell Edizioni 
Genere: Contemporaneo 
Pagg.: 414 
Data di uscita: 24 maggio 2017 
Link per l'acquistoTriskell - Amazon

Sinossi 
Samuel Brant conduce un’esistenza tranquilla. Frequenta l’ultimo anno di liceo e nasconde la sua omosessualità a tutti, dalla famiglia ai compagni di scuola, compreso il suo grande amico David Eliot, del quale è innamorato. 
Quando nella loro classe arrivano inaspettatamente due nuovi ragazzi, Jason e Marta, il loro equilibrio rischia però di spezzarsi. Marta diventa la ragazza di Davis, mentre Jason, gay dichiarato, fa di tutto per avvicinarsi a Samuel. 
E mentre i giorni passano e l’amicizia di Samuel e David subisce dei grossi cambiamenti... 

Recensione 
Brava, brava, brava.
Sono queste le parole che ho pronunciato, quando ho chiuso “Il prezzo del silenzio” di Sara Santinato, per Triskell Edizioni. Mi sono approcciata a questo libro in modo un po’ guardingo, lo ammetto. Ero curiosa e piena di aspettativa, dal momento che la sinossi mi aveva colpito molto e la cover ancora di più.
Così, una sera, ho iniziato questo libro e... bum! Sono stata risucchiata nella storia come una conchiglia dentro un  mulinello nel mare. Ho iniziato il mio viaggio insieme a Samuel, David e Jason e, credetemi, è stato un viaggio intenso e appassionante.
Ma andiamo per ordine. “Il prezzo del silenzio” è la storia di tre ragazzi di diciotto anni che frequentano l’ultimo anno del liceo in una cittadina del Wisconsin.
Samuel è un ragazzo dolce, pacato e altruista. Ha una famiglia solida e unita alle spalle, che lo ha sempre appoggiato in ogni sua scelta, è un ottimo studente e un amico fidato. Samuel, però, nasconde a tutto il mondo il suo segreto ovvero di essere gay. È tutta la vita che lo tiene per sé, troppo spaventato anche solo per dirlo a David, il suo migliore amico del quale è segretamente innamorato. No, meglio tenere tutto nascosto dentro al proprio cuore, e accontentarsi dei piccoli sguardi rubati, delle carezze fortuite e delle sensazioni, meravigliose, che la sola presenza di David al suo fianco riescono a dargli.
David è il classico sciupafemmine. È uno dei ragazzi più popolari della scuola, spigliato, sempre allegro e pronto ad una serata in compagnia... di una ragazza. Ama il divertimento senza pensieri e non ne fa un segreto, anche perché che male c’è? Ma David ha anche un punto debole... che si chiama Samuel. Sono amici da anni, soprattutto da quando David, alle scuole medie, ha preso Samuel sotto la sua ala, difendendolo da alcuni bulletti che avevano tentato di prenderlo in giro sul fatto che Samuel potesse essere gay... pazzesco! Niente di più falso, vero David?
David, purtroppo, non può certo dire di vivere nella famiglia perfetta: suo padre se n’è andato ancor prima che lui nascesse e sua madre si è messa in testa di vivere con Doug, buzzurro manesco e arrogante.
David e Samuel sono due personalità complementari. Ognuno di loro ha un carattere forte e determinato, ma entrambi nascondono piccole grandi debolezze che solo l’aiuto e la presenza dell’altro, riesce a colmare. Sono però inseparabili, uniti da un’amicizia profonda e radicata capace di affrontare qualsiasi cosa...
...qualsiasi cosa tranne Jason.
Sarà proprio l’arrivo di Jason a rompere la campana di vetro sotto la quale Samuel e David erano abituati a vivere. E sarà proprio lui, con il suo carattere spontaneo e sincero, a dare una scossa alla vita di Samuel, mettendolo di fronte a delle scelte difficili, è vero, ma necessarie. 

Il prezzo del silenzio” è il libro Young Adult più bello che abbia mai letto. E lo dico così, senza pensarci su neanche due secondi. Ma cosa mi ha convinto di più, di questa storia? Cosa mi ha appassionato, e tenuto incollata come una naufraga su una zattera ad ognuna delle sue 400 pagine?
Beh, per prima cosa l’amore. L’amore dolce, appassionato, ingenuo e un po’ pazzo che solo due adolescenti possono provare. L’amore quello vero, quello pulito, puro e genuino. Quello che ti fa venire la pelle d’oca e che ti fa sospirare insieme ai protagonisti, riga dopo riga, pagina dopo pagina.
Ma l’amore, si sa, a volte non basta. E allora, che ne dite se aggiungiamo anche un’amicizia fraterna e indissolubile? Una di quelle che ti fanno sentire al sicuro, che ti riempiono gli occhi di lacrime quando, nei momenti più bui della tua vita, senti di non essere solo e sai che non lo sarai mai. 
Non vi basta? Allora aggiungerei… la comprensione. Quando sai di poter contare su una famiglia che non è la tua, quando ti senti figlio abbandonato ma hai, dentro di te, la consapevolezza che, qualsiasi cosa ti accadrà, ci sarà sempre qualcuno che amerà accoglierti tra le sue quattro mura.
E, per finire... il perdono. Perché “Il prezzo del silenzio”, è un libro che parla di tante cose ma, secondo me, tutto gira intorno alla capacità di perdonare. Perdonare le scelte azzardate, perdonare l’incapacità di dire la verità solo per proteggere qualcuno, per evitare di fargli troppo male, perdonare la paura, quella che ti paralizza e non ti fa più muovere. 

Samuel e David sono due personaggi caratterizzati con maestria e consapevolezza.  Lo stile narrativo, in prima persona e con point of view alternati, è ritmato e incalzante. Non ci sono tempi morti, nessun momento calante, nessuna parte più lenta. Sara Santinato ha saputo tenere viva l’attenzione del lettore dalla prima all’ultima pagina, creando una storia ricca di movimento e mai banale. Se volessi tirare le somme, direi che in questa storia non manca proprio niente: c’è romance, al punto giusto, ci sono colpi di scena, ci sono momenti drammatici. In poche parole, se state per iniziarlo, sappiate che si ride, si piange, ci si arrabbia, ci si commuove e, infine, si sogna.
Sebbene i due protagonisti principali siano David e Samuel, però, mi sento di dover dire qualcosa anche su Jason. Senza sbottonarmi troppo, posso dire che ho ammirato moltissimo la dolcezza e la maturità di questo ragazzo. Un piccolo grande uomo che mi ha stupito facendomi innamorare del suo carattere brillante e del suo animo gentile.
In conclusione, cos’altro posso dire? Non vorrei ripetermi ma… brava, brava, brava. E grazie, Sara, per averci regalato una storia così commovente e ricca, che lascia dietro di sé una scia di lacrime e risate, insieme ad un bagaglio di emozioni così intense da aver voglia di leggerne ancora. 

5/22/2017

Recensione: "Segreti di provincia" (Serie Holly Creek #2) di Poppy Dennison

by , in

Titolo: Segreti di provincia 
Titolo originale: Spring fever 
Serie: Holly Creek #2 
Autrice: Poppy Dennison 
Traduzione: Valentina Andreose 
Editore: Dreamspinner Press 
Genere: Contemporaneo 
Pagg.: 66 
Data di uscita: 23 maggio 2017 
Link per l'acquistoDreamspinner Press - Amazon

Sinossi 
Jefferson Lee Davis, il nuovo responsabile alle pubbliche relazioni di Holly Creek, si sta preparando per il prossimo grande evento in città, la Fiera delle Rose. Il lavoro fila liscio, ma il cammino del vero amore si presenta irto di difficoltà. Il suo bel fidanzato, lo sceriffo Zane Yarbrough, riceve delle misteriose telefonate di cui non vuole discutere. E mentre Jefferson Lee viene colto dalla gelosia, un misterioso e affascinante straniero si intrufola nella piccola comunità. In cerca di risposte, Jefferson Lee coinvolge la sua migliore amica Clover Crofton, che lo aiuta a ideare un piano per svelare i segreti dello sceriffo. Ma i due amici finiscono nei guai, mettendo alla prova la relazione tra Jefferson e Zane, che dovranno affrontare i loro problemi di fiducia. E forse anche Clover si troverà a imparare una cosetta o due. 

Recensione
Ho un debole per Poppy Dennison. Per l'ironico, spassoso e melodrammatico Jefferson Lee. Per l'irreprensibile e giudizioso sceriffo Zane tutto-di-un-pezzo Yarbrough. Per l'impenitente e pestifera Clover lingua-lunga Crofton. E, naturalmente, per la piccola e ridente cittadina di Holly Creek. Che dispensa piccole gioie, sorrisi e felicità; primavere febbrili e roseti in fiore; caldi abbracci e confidenze in libertà.
Con "Segreti di provincia", edito da Dreamspinner Press, continuano, così, le avventure del reporter più sexy, nevrotico e carismatico del Sud degli Stati Uniti. 

Jefferson Lee è felicemente fidanzato con Zane da poco più di due mesi; è attivamente impegnato nell'organizzazione della Fiera delle Rose ed è assorbito dal suo lavoro per il blog cittadino Holly Jolly
Zane Yarbrough è felicemente fidanzato con Jefferson Lee; impiega la maggior parte del suo tempo per far rispettare la legge e aiutare i suoi colleghi della zona, e tiene segreta, contro ogni previsione, la ragione di alcune telefonate che riceve in momenti inaspettati e che scatenano l'incontenibile gelosia di Jefferson Lee. 

"Segreti di provincia" è un racconto ironico e felice. È un concentrato di dialoghi pungenti, divertenti ed emotivi, ed è la crescita tenera, goffa, e anche un po' ingenua, di un uomo che si ritrova, per la prima volta, di fronte alle diverse incognite dell'amore. Perché a dispetto della sua energica personalità, Jefferson Lee cela dentro di sé timori, debolezze e fragilità.
Così, tra equivoci, baruffe e sfide divertenti, assistiamo alla costruzione di un amore che sa intenerire e che passa attraverso le idee insolenti di una Clover sempre più combinaguai e le ambivalenze di due uomini profondamente diversi ma follemente innamorati. 
In buona sostanza, Poppy Dennison ha fatto centro. Di nuovo. Con uno stile frizzante e brioso ha creato un universo originale, eccentrico e godibile, in cui non mancano le sottili punture di personaggi difficili da dimenticare. Perché si gode, davvero, con la severità del Signor Hartman, il calore dello zio Sherman, la praticità di Gracie, la spontaneità di Mary e l'irriverenza di Clover; con un finale sconcertante, e con l'amore forte e irriducibile tra l'ironico, spassoso e melodrammatico Jefferson Lee e il suo irreprensibile e giudizioso sceriffo Zane tutto-di-un-pezzo Yarbrough. 
Leggere per credere. Per emozionarsi. E per sognare. 5 gelosi e morbidosi Holly Creek Hearts! 



5/19/2017

Recensione: "Due cuori e un detective" (Serie Chicago Summer #1) di Sarah Bernardinello

by , in
Titolo: Due cuori e un detective – Chicago Summer
Serie: Chicago Summer #1
Autrice: Sarah Bernardinello 
Editore: Triskell Edizioni
Genere: Poliziesco / Contemporaneo
Pagg.: 94 pagine 
Data di uscita: 19 maggio 2017
Link per l'acquisto: Triskell - Amazon

Sinossi
Angel Mallory è il titolare di un'agenzia investigativa a Chicago. In una calda sera di luglio, viene assunto da Adonais Malthus, un affascinante miliardario, per recuperare un oggetto prezioso. Seguendo i passi del ladro, Angel incappa prima in un'aggressione e poi in un attraente poliziotto.
Seth Rogers, detective della CPD, si ritrova suo malgrado a soccorrere quel giovane sconosciuto. L'attrazione e il senso di protezione che prova nei confronti di Angel lo sorprendono, ma non così tanto da riuscire a farlo restare lontano dal pericolo che percepisce intorno a lui.
Per niente scoraggiato dall'azione violenta nei propri confronti, il giovane investigatore continua a indagare, scoprendo l'esistenza, per lui sconcertante, di creature che credeva sepolte nella leggenda. 

Recensione 
Angel Mallory è un investigatore privato di Chicago, titolare di un'agenzia aperta con suo padre.
A due anni dalla sua morte, arranca tra i pochi casi e i debiti ancora da pagare per le sue cure mediche, fino a quando bussa alla sua porta Adonais Malthus, miliardario affascinante e bellissimo, che colpisce immediatamente la sua attenzione.
Adonais gli affida l’incarico di trovare un uomo che gli ha sottratto qualcosa di vitale importanza. Angel si mette subito alla ricerca di quest’uomo, un po’ avventatamente, tanto da subire un’aggressione, e trovandosi davanti il detective dagli occhi di ghiaccio Seth Rogers.
Questi due personaggi, dai quali Angel è subito attratto, gli faranno conoscere una realtà nascosta a tutta la razza umana e che da secoli vive nella notte e manovra parte della sua esistenza. Cosa ci riserverà il futuro?

L’autrice, con questo primo volume della serie, ci introduce nei misteri di una Chicago abitata da creature leggendarie — vampiri e lupi mannari — e ci lascia intravedere le possibili fazioni che si contrappongono per il dominio della propria razza e una possibile minaccia che potrebbe gravare su quella umana: buoni e cattivi bramosi di potere ma anche di mantenere le due realtà separate per non incrinare l’armonia esistente. 
Angel sarà testimone di tutto questo, attratto da entrambi gli uomini, che sconvolgeranno non poco la sua esistenza, scegliendo, alla fine, con il cuore l’uomo che diventerà il compagno della sua vita e che gli regalerà quel "per sempre" che ha sempre sognato.


Sono certa che nei prossimi volumi il nostro simpatico e intrepido protagonista ci condurrà in altre avventure e sono curiosa di scoprire, ancora di più, il mistero che avvolge Chicago, approfondendo magari la conoscenza delle sue affascinanti creature della notte.

My Instagram