Post Top Ad

lunedì 4 dicembre 2017

Recensione "Mr Menù" di Thea Bricci

Titolo: Mr Menù 
Autrice: Thea Bricci 
Editore: Self-Publishing 
Genere: Contemporaneo 
Cover Artist: Erika Tamburini 
Data di uscita: 15 novembre 2017 
Prezzo: € 0,99 
Link per l'acquisto: Amazon 

Sinossi 
Cosa fareste se la persona che amate venisse licenziata per un bacio? Cosa significa essere normali? È giusto fare coming out o considerare il proprio orientamento sessuale una questione privata?
A queste domande è ispirato il romanzo breve Mr. Menù, che, giocando con gli stereotipi legati al mondo gay, utilizzando il linguaggio leggero della commedia, affronta temi delicati come la discriminazione e l’omofobia.
Manuel, che lavora come maître in un ristorante, è intenzionato a vendicarsi di Lucrezia, la titolare, colpevole del licenziamento del suo partner, Hari, lavapiatti del locale. Il licenziamento avviene a causa di uno scandaloso bacio che i due uomini si sono scambiati qualche tempo prima, davanti ai clienti del ristorante e in particolare davanti alla Presidentessa dell’associazione omofoba denominata Normale è bello. Manuel decide di mettere in atto la sua vendetta proprio la sera in cui, in seguito a una soffiata, si attende con trepidazione l’arrivo di due critici gastronomici. 

Recensione
La vendetta è un piatto che va servito freddo… o anche caldo, l'importante è che sia disgustoso per i palati dei critici gastronomici della rivista Mr Menù.
Manuel, direttore di sala del ristorante La Locanda del Grillo, non riesce a perdonare Lucrezia, che ha licenziato il suo fidanzato Hari a causa di un bacio. A peggiorare la situazione contribuisce il fatto che proprio Hari abbia deciso di trasferirsi a Londra, ponendo fine alla loro relazione. Approfittando del malcontento degli altri dipendenti, Manuel, conscio della visita dei critici gastronomici, decide di attuare la sua vendetta con un piano che sconvolgerà la vita di tutti i personaggi della storia. 

Thea Bricci ci propone un delizioso e divertente romanzo breve che richiama le caratteristiche della commedia dell’arte rivisitandola in chiave moderna.
Mr Menù è un romanzo corale che ci fa conoscere e mette in scena personaggi tipici e molto ben caratterizzati propri del nostro tempo: Lucrezia, proprietaria del ristorante e figlia di papà — da cui ha ereditato il locale senza alcuno sforzo —, che nutre verso i lavoratori meno abbienti gli stessi pregiudizi accentuati nella figura di sua madre Luisa; la Presidentessa dell’associazione Normale è bello, paladina dei diritti degli etero, con il suo atteggiamento e uno stile alla Doris Day, nella peggiore delle sue accezioni, che conduce un'esistenza da zitella acida; Leo, il maresciallo che si divide tra l’amore verso Lucrezia e il portare a termine il proprio lavoro nel tentativo di scoprire le irregolarità della sua gestione; le due cameriere, Consuelo e Samantha, sfruttate dalla titolare, che si approfitta della crisi del mercato lavorativo; Saverio, lo chef creativo che ama così tanto la sua cucina da parlare alle sue pietanze; Vlad, il lavapiatti venuto dalla Bulgaria che si dimostrerà un personaggio da non sottovalutare. E infine, i due critici gastronomici, Richi e  Amabel, che si troveranno a dover recensire la cena più disgustosa e pazza della loro carriera. 

Giocando sui personaggi e sull’alternanza dei punti di vista, la narrazione riesce a catturare il lettore con situazioni divertenti e talvolta paradossali, facendolo tuttavia riflettere su quanto le apparenze siano così effimere e false rispetto a quello che si cela dietro la maschera del perbenismo e della società arricchita. Thea Bricci crea una serata a dir poco disastrosa che porterà, però, a svolte incredibili e anche all’inizio di nuovi amori. Perché la vendetta può anche mutare nel momento in cui, cadute tutte le maschere, ognuno acquista il coraggio di essere se stesso e di cantarlo o professarlo ad alta voce davanti a tutti. E come in ogni bella commedia che si rispetti, l’happy end è il dessert, questa volta perfetto e gustosissimo, che tutti possiamo assaporare.
Consiglio vivamente di leggere questo divertentissimo romanzo e anche di seguire questa autrice, perché Thea Bricci è sicuramente una voce che spicca per l’originalità delle sue storie e della sua scrittura.
dicembre 04, 2017 / by / 0 Comments

Nessun commento:

Posta un commento

Post Top Ad