Post Top Ad

giovedì 9 novembre 2017

Recensione in anteprima: "Cowboy di città" di Andrew Grey

Titolo: Cowboy di città 
Titolo originale: Eastern Cowboy 
Autore: Andrew Grey 
Traduzione: N.A.M.
Editore: Dreamspinner Press 
Genere: Western 
Pagg.: 167 
Data di uscita: 14 novembre 2017 
Link per l'acquisto: Dreamspinner Press - Amazon

Sinossi 
Brighton McKenzie ha ereditato l’ultimo appezzamento di terra adibito a fattoria alla periferia di Baltimora. Appartiene alla sua famiglia da quando il Maryland era una colonia, ed è rimasto inattivo per anni. Venderlo come area edificabile sarebbe facile, ma Brighton vuole onorare il desiderio di suo nonno e riprendere a farlo fruttare. Sfortunatamente, un incidente lo obbliga a usare un bastone per camminare e ha quindi bisogno di aiuto. Tanner Houghton ha lavorato in un ranch nel Montana fino a quando un ex vendicativo non lo ha fatto licenziare a causa della sua sessualità. Arriva nel Maryland invitato dal cugino ed è entusiasta di tornare a fare il lavoro che ama. 
Brighton è immediatamente attratto da Tanner che, alto e bello da togliere il fiato, rappresenta tutto ciò che lo affascina in un uomo. Non se la sente però di fare la prima mossa, innanzitutto perché è un suo dipendente, e poi perché non riesce a capire come un uomo così virile possa essere interessato a lui. Ma quello non è il più grave dei loro problemi. Devono affrontare le macchinazioni della zia di Brighton e dell’ex di Tanner, che all’improvviso lo rivuole con sé, e devono trovare il modo per rendere redditizia la fattoria prima che il patrimonio della famiglia di Brighton sia perduto per sempre.

Recensione 
Per me Andrew Grey è una certezza: leggere un suo libro è come iniziare una bella fiaba in cui i due protagonisti, dopo aver superato ostacoli e difficoltà, con la forza del loro amore riescono a raggiungere una meritata felicità. E Cowboy di città, in uscita il 14 novembre per Dreamspinner Press, non mi ha delusa, anzi, mi ha permesso di conoscere due personaggi meravigliosi che, lottando contro i tanti problemi della vita, riescono a risollevarsi e a ritrovare un loro speciale equilibrio. 

Brighton MacKenzie ha dovuto superare la morte prematura dei genitori; ha aiutato la sorella pagando i suoi studi all'università e ha dovuto ricominciare da capo dopo un grave incidente automobilistico in cui ha rischiato di perdere la gamba. Ormai la sua vita è fatta soltanto del suo lavoro di web designer, di sedute di terapia e delle visite da parte della sorella. 
La sua routine quotidiana, però, cambia quando alla morte dell'amato nonno scopre che la fattoria di cui l'anziano uomo era proprietario gli è stata lasciata in eredità. Brighton ricorda con tanto affetto e nostalgia sia l'anziano parente sia le giornate trascorse con lui e la nonna nella loro fattoria, e decide così che lotterà con tutte le sue forze per riuscire a trasformare la tenuta ereditata in un'azienda fiorente.
Ma molti problemi insidiano la realizzazione dei suoi progetti: non solo la zia, che crede di essere la destinataria del terreno ed è decisa a combattere contro il nipote pur di ottenerla, ma soprattutto i limiti fisici, imposti dalla sua gamba, che di certo non gli permettono di accudire gli animali e di arare la terra. Decide quindi di assumere qualcuno che lo aiuti, Tanner Houghton, un aitante cowboy che proviene dal Montana. 
Tanner è un uomo di poche parole, poiché una forte balbulzie e un passato non propriamente roseo gli hanno fatto perdere la fiducia negli altri e soprattutto in se stesso, ma il lavoro con Brighton cambierà molto anche lui. 

Andrew Grey ci racconta con la sua dolcezza e sensibilità la storia di due uomini profondamente feriti sia da un punto di vista fisico che morale. Brighton e Tanner si sentono entrambi inadatti, sbagliati, finiti e vivono la vita subendola, senza quasi più la forza di lottare per quello che vogliono e desiderano. 
Brighton pensa che un uomo bello e affascinante come Tanner non potrà mai amare uno storpio come lui, che riesce a malapena a camminare con l'aiuto di un bastone. Benché nella sua vita abbia sempre combattuto, Brigton ora è svuotato e non ha la determinazione né il coraggio di vedere per se stesso un futuro che sia diverso da un presente vissuto in completa solitudine.
Tanner invece è fuggito da un lavoro che lo ha sempre appassionato e da un uomo che credeva di amare, e ora si ritrova spogliato di ogni cosa, con la consapevolezza di essersi fidato del compagno sbagliato e di essere veramente lo stupido che tutti, fin da piccolo, sbeffeggiavano.
Ma due anime gemelle riescono a riconoscersi e i due uomini capiranno che le loro difficoltà saranno le fondamenta di una relazione solida su cui costruire una nuova vita.
Di Un Cowboy di città mi è anche piaciuto il modo in cui l'autore ha descritto la vita in una fattoria, del tutto diversa da quelle presente negli altri libri di genere western che ho letto: in questo caso si parla di un angolo di campagna in una città, tra centri commerciali e palazzi alveare. Andrew Grey ci racconta il senso di un'esistenza che oggi sembra davvero lontano da noi, il desiderio di salvare una tradizione quasi del tutto svanita, e ci ricorda anche l'amore per la natura, per gli animali, e la gratificazione che si ottiene quando un lavoro manuale è portato a compimento. 
Sono molto toccanti i ricordi che Brighton ha degli incontri con i nonni, di come abbiano vegliato su di lui e sulla sorella anche da lontano, e di come gli sia dispiaciuto non essergli stato vicino durante la morte. 
Tutti i personaggi sono tratteggiati alla perfezione, in special modo la sorella di Brighton è una forza della natura, sempre in prima linea ad aiutare il fratello, coraggiosa e altruista, e contrapposta alla figura della zia cattiva che incarna i valori dell'egoismo e dell'avidità. 

La storia di Brighton e Tanner mi ha commosso e mi ha fatto sognare, ho amato leggere della nascita del loro amore, di cui inizialmente non si sentono all'altezza, e la dolcezza e la timidezza insite nel loro primo approccio sono perfette. 
In definitiva, penso che Andrew Grey con questo libro abbia espresso al meglio il suo meraviglioso e coinvolgente romanticismo!
novembre 09, 2017 / by / 0 Comments

Nessun commento:

Posta un commento

Post Top Ad