Post Top Ad

martedì 24 ottobre 2017

Recensione: Il fante di cuori spezzati" (Serie Storie d'amore a Laguna #2) di Tara Lain

Titolo: Il Fante di cuori spezzati 
Titolo originale: Knave of Broken Hearts
Serie: Storie d'amore a Laguna #2 
Autrice: Tara Lain 
Trad.: Valentina Andreose 
Editore: Dreamspinner Press 
Genere: contemporaneo 
Cover Artist: Reese Dante 
Pagg.: 225 
Data di uscita: 24 ottobre 2017 
Link per l'acquistoDreamspinner Press - Amazon

Sinossi 
Jim Carney ha un lavoro a tempo pieno: fuggire da se stesso. Nato in una famiglia benestante, è scappato di casa a sedici anni dopo aver rovinato la vita del suo migliore amico per colpa di un fumetto yaoi. Da allora conduce una vita molto “virile”: lavora come operaio, si ubriaca e scansa ogni responsabilità. Ma quando il suo migliore amico, Billy Ballew, gli offre l’occasione di un avanzamento di carriera, Jim decide che per una volta nella vita vuole rendere qualcuno orgoglioso di lui. Purtroppo il nuovo lavoro comporta una visita medica preventiva, ed ecco che il suo sogno yaoi prende vita nelle sembianze del cardiologo Ken Tanaka. Jim scopre di avere ben due problemi di cuore: una valvola mitrale difettosa e una seria attrazione verso il suo dottore. Ma Ken Tanaka non è tipo da relazione stabile, e Jim potrebbe essere solo una delle sue tante conquiste. Ken trova Jim indimenticabile, ma quell’uomo è anche l’incubo della sua tradizionalissima famiglia giapponese. E com’è possibile che non appena Jim decide di diventare una persona responsabile si ritrova in mezzo a mille guai? Il suo fratellino ha bisogno di lui, una ricca donna d’affari gli fa una proposta che non può rifiutare, dovrà scendere a patti con il diavolo, e per di più si ritrova ricoverato all’ospedale… ma tutto ciò che Jim desidera è il Fante di cuori spezzati. 

Recensione 
Tara Lain con Il Fante di cuori spezzati, secondo volume della serie Storie d'amore a Laguna, edito da Dreamspinner Press, mi ha letteralmente conquistata. Ho amato profondamente il precedente libro della serie, Il Cavaliere di Ocean Avenue; la storia di Shaz e Billy è molto romantica e intensa, ma anche questo nuovo lavoro mi ha completamente ammaliata. È forse un po' meno spassoso del primo — si nota infatti l’assenza dell’esplosiva personalità di Shaz che rende trascinante il precedente volume —, e la parte romance è meno presente, ma soltanto perché sono portati all'attenzione del lettore alcuni argomenti molto più complessi e, alla fine, l'amore di questi due uomini non potrà fare altro che conquistarvi ed emozionarvi così tanto da provocare incessantemente vertigini e palpitazioni. 

Avevamo incontrato Jim Carney già nel precedente volume perché collega di Billy Ballew; è anche lui un colletto blu, un operaio, che ha deciso di andare via di casa a sedici anni e che da allora si mantiene lavorando. Non riesce ad avere una relazione seria e stabile con nessuna ragazza e alza un po' troppo spesso il gomito. Ma la luna di miele dell'amico gli dà l'opportunità di esprimere le sue potenzialità: la fiducia che Billy gli concede, quando gli affida la gestione della sua impresa edile appena avviata, lo incoraggia a essere un uomo migliore e a fare tutto quello che è in suo potere per non deludere l'amico.
L'altro protagonista di Il fante di cuori spezzati è il Dottore Ken Tanaka, cardiologo affermato, bellissimo, affascinante e ligio alle regole della tradizione familiare giapponese che cerca, però, in tutti i modi, di vivere ogni attimo la sua libertà, sfuggendo al volere della madre, che lo vorrebbe sposato al rampollo di una famiglia di origini nipponiche altrettanto importante.
Jim e Ken si incontrano la prima volta al matrimonio di Billy e Shaz, e i due avvertono un'attrazione immediata e fortissima, sebbene Jim non abbia mai ammesso la propria omosessualità. La strada dei due uomini tornerà a incrociarsi per lavoro poiché, durante una visita medica di controllo per motivi assicurativi, Jim scopre di avere un problema a una valvola cardiaca. Quella scintilla che entrambi sentono, però, non può essere mantenuta viva, perché nessuno dei due vuole cambiare il proprio modo di vivere: assecondarla, sarebbe un vero e proprio salto nel buio e un invito a mettere in discussione ogni cosa, e Ken e Jim sono troppo diversi e provengono da mondi troppo differenti per potere sognare una vita insieme. 

Tara Lain non ci parla solo di un conflitto fra classi — la classe operaia contro l'alta borghesia —, ma contrappone anche due culture agli antipodi. Ken non riesce a combattere la ferrea volontà della madre, perché gli è stato inculcato fin dalla tenera età che è così che si comporta un bravo figlio, e anche il matrimonio e il conseguente arrivo di un erede, secondo la tradizione, è solo un altro modo in cui si onorano i genitori. 
D’altra parte Jim è il classico americano medio, che si è fatto da solo, beve troppo, ha una vita sregolata e vive nel classico appartamento in disordine per single. 
Ma naturalmente questi due uomini sono molto di più di quello che sembrano: Jim è stato profondamente ferito durante l’adolescenza, e i suoi sensi di colpa, per avere fatto del male a una persona molto importante per lui, segnano ancora le sue azioni di uomo adulto e per questo motivo non riesce a perdonarsi. 
Ken e Jim, però, troveranno, l'uno nell'altro, la forza necessaria per contrastare regole e convenzioni sociali, vivendo in libertà la loro vita.
Ma a mio parere è la famiglia il centro di tutto il libro, famiglie nelle quali si nasce a da cui si scappa, quando non supportati e amati; famiglie che ci amano ma che non ci comprendono e non ci accettano per quello che siamo, e infine la famiglia alla quale scegliamo di appartenere, con cui crescere e vivere. Ken e Jim decidono di sacrificare i loro desideri al fine di accontentare le loro rispettive famiglie, nel rispetto di quell’ideale di figlio accondiscendente che è stato loro inculcato. 
Durante la lettura scopriamo di più sul passato di Jim, ciò che ha prepotentemente sepolto e che non vorrebbe più riesumare, ma alla fine quello che siamo viene allo scoperto e, anche se con tanta fatica e dolore, Jim riesce ad accettarsi e a capire che amare un altro uomo non preclude nulla e non è un motivo ragionevole per sentirsi inferiore agli altri. 

In questo libro non ci sono soltanto Ken e Jim: intorno ai due complessi protagonisti ruotano altri personaggi molto ben costruiti, fra cui spicca il fratello di Jim che si rifugia da lui nel momento in cui il padre lo caccia via di casa, e Constance, la donna che ha assegnato l'appalto della costruzione degli appartamenti alla ditta di Billy. Capita molto spesso che nei romance M/M le figure femminili vengano descritte come streghe cattive che tentano, in ogni modo possibile, di ostacolare l’amore tra i protagonisti, in questo libro invece Constance è meravigliosa, ed è una donna che non ha approfittato del padre per riuscire nel lavoro, è stata in grado di farsi spazio e di occupare il suo posto di prestigio in un mondo prettamente maschile e, soprattutto, è una donna che capisce, forse anche prima del diretto interessato, a chi appartiene il cuore di Jim. 

La storia che ci racconta Tara Lain è dunque complessa e Il fante di cuore spezzati è un libro che vi farà sorridere e divertire ma anche riflettere e commuovere: quello tra Ken e Jim non è di certo un amore facile, anzi, tante situazioni e tante persone cercheranno di ostacolare la loro relazione ma, alla fine, anche se con qualche colpo al cuore, riusciremo a ottenere il nostro meritato happy end.
ottobre 24, 2017 / by / 0 Comments

Nessun commento:

Posta un commento

Post Top Ad