Post Top Ad

lunedì 2 ottobre 2017

Recensione, Estratti & Giveaway: "Quello che non ami" (Serie Da Nemici ad Amanti #4) di Anyta Sunday

Buongiorno a tutt* :) 
Oggi è un giorno un po' speciale! In occasione dell'uscita del quarto e ultimo volume della serie Da nemici ad amanti, prevista per domani 3 ottobre, grazie alla generosità e alla disponibilità di Anyta Sunday, è possibile scoprire qualcosa di più su Quello che non ami. Oltre alla recensione in anteprima di Cinzia, vi attendono due estratti e un Giveawaygentilmente offerti da Anyta. Ma le sorprese non sono finite, perché dal 2 al 6 ottobre Quello che non sai, primo volume della serie, sarà disponibile gratuitamente su Amazon: CLICCA QUI.


Titolo: Quello che non ami 
Titolo originale: The F Words
Serie: Da nemici ad Amanti #4 
Autrice: Anyta Sunday 
Trad.: Eloriee per Triskell Translation Service 
Editore: Self-Published 
Genere: Contemporaneo 
Pagg.: 252 
Data di uscita: 3 ottobre 2017 
Prezzo: € 4.99 
Link per l'acquisto e il pre-order: Anyta Sunday web site 

Sinossi 
Rory A. Phillips è stanco di essere tormentato dai fantasmi del passato. Stanco di soffrire come un cane. Stanco di sentirsi sperduto. Ogni volta che “vede” William, il suo migliore amico, fa i bagagli e fugge via in sella alla sua moto. Esisterà un posto in cui scappare per essere libero da lui? Un posto in cui potrà imparare ad amare? Un posto da poter chiamare casa?

Dopo aver perso l’ultimo parente rimastogli, Eric Graham si trasferisce a Wellington per cominciare un nuovo lavoro e una nuova vita. È solo, se si escludono le ceneri di suo nonno che non si convince a disperdere in mare. L’unica persona che conosce in città è uno stronzo omofobo con cui preferirebbe non avere nulla a che fare, ma non fa altro che imbattersi in lui.

Rory ed Eric, entrambi soli e in lutto, cercano la maniera di andare avanti. 

Forse il modo migliore è farlo insieme. 

Gli altri volumi della serie Da nemici ad amanti
Quello che non sai (Da nemici ad amanti #1): Anyta Sunday web site 
Quello che non dici (Da nemici ad amanti #2): Anyta Sunday web site 
Quello che non vuoi (Da nemici ad amanti #3): Anyta Sunday web site 

Ricordo ancora che dal 2 al 6 ottobre Quello che non sai (Da nemici ad amanti #1) sarà disponibile gratuitamente su Amazon: CLICCA QUI


«Vieni,» lo invitò Eric.
Lui lo fece e si fermò ai piedi del letto. L’altro ragazzo era spaparanzato sopra le coperte, con Pigolo accoccolato nell’incavo del braccio. «Ti sta facendo le fusa contro l’ascella, eh?»
Lui ghignò. «Ha iniziato dall’ombelico.»
Rory gli lanciò il mazzo di chiavi. «Spero che non ti dispiaccia.»
«Dispiacermi?» Eric le esaminò fino a trovare la sua. La strinse così forte che gli sbiancarono le nocche. «Dev’esserci un errore. Non può essere come dicono.»
«Un errore? Con la chiave?»
«No. Lascia perdere. La chiave è… esattamente dove dovrebbe essere.» Fece per puntellarsi sui gomiti ma lui lo fermò.
«Non ti muovere. È così che voglio ritrarti.» Posò lo zaino sul pavimento, recuperò il suo regalo dal salotto e tornò in camera. Sbatté le palpebre alla vista che lo accolse. «Credevo di averti detto di non muoverti.»
«Mi sono ricordato che volevi disegnare i miei tatuaggi.»
Fece scorrere lo sguardo sul torso ben proporzionato, con l’inchiostro che luccicava sotto il riflesso della luce. Aveva una gran voglia di mollare l’album e salire a cavalcioni su di lui per godersi il calore del suo corpo. Resistette all’istinto e andò ad aprire le tende per far spiovere ancora più luce aranciata sul suo soggetto.
Seduto sul davanzale, con il blocco sistemato sopra alle ginocchia piegate, cominciò a lavorare. Ignorò il piano troppo stretto che gli si conficcava nel sedere, del tutto concentrato sull’immagine che aveva davanti. Un silenzio confortevole li avvolse, interrotto soltanto dal rumore della matita sul foglio.
Quando ebbe finito – o ne ebbe avuto abbastanza per il momento –, appoggiò la testa alla cornice della finestra e lo studiò. «Non ti rende per niente giustizia.» Spostò lo sguardo su Eric, gli sorrise e lo riportò sul disegno. Era di nuovo nervoso, ma fanculo: non avrebbe lasciato che i palmi sudati e la pelle d’oca lo tenessero lontano da ciò che voleva davvero.
Ripose l’album accanto allo zaino e si voltò verso il letto. Si sfilò la maglietta e i pantaloni. Eric, che non gli aveva scollato gli occhi di dosso, trattenne il fiato per un istante e subito dopo cominciò a respirare affannosamente. 
Rory si stese accanto a lui e spostò Pigolo sul cuscino. Chinò il capo, senza smettere di guardarlo, e baciò il solco che conduceva all’ascella. Eric inspirò forte dal naso. Lui gli catturò i peli con le labbra e tirò piano, poi tracciò una scia di baci giù lungo il fianco.
Esplorò ogni centimetro di pelle esposta, facendolo gemere e inarcare.
Dopo una buona dose di carezze strazianti, Eric non riuscì più a stare fermo. Si tolse a fatica il resto dei vestiti e si affrettò a sfilargli anche i boxer.
«Dio, sei bellissimo,» gli mormorò all’orecchio mentre si strusciavano uno sull’altro.
Il complimento lo colpì nel profondo e lo fece sospirare di piacere. Cazzo. Era meraviglioso sentirsi così vicino a lui. Così al sicuro. Così apprezzato.
Lo attirò sopra di sé, perché era stupendo avere il suo peso a schiacciarlo sul materasso, a proteggerlo. 
«Voglio che…» Non riuscì a finire la frase. «Voglio…» Chiuse una mano sull’erezione di Eric e lo baciò, augurandosi che capisse che lo voleva dentro.
«Lo voglio anch’io,» gli assicurò lui, labbra sulle labbra. 


Furono necessarie quattro serate in chat prima che Rory si ripresentasse in piscina. Eric si trattenne dall’esultare e si avvicinò alla quinta corsia, dove l’altro ragazzo era ancora fuori dall’acqua, con le dita dei piedi arricciate sul bordo della vasca. Stava studiando la piscina. O le persone presenti. 
Poteva essere che stesse cercando lui? 
Parve rinunciare e si calò gli occhialini sul viso. Eric si schiarì la voce e Rory si girò nella sua direzione, sollevandoseli di nuovo sulla fronte. 
«Bentornato,» lo salutò quando si fermò di fronte a lui. 
Rory incrociò le braccia sul petto, che era ampio quanto il suo ma forse un filo più snello. Aveva un fisico che sembrava fatto apposta per nuotare, pelle liscia e fasci di muscoli che lo facevano apparire… aerodinamico, in qualche modo. 
«Uhm, volevo fare qualche vasca,» replicò e spostò il peso da un piede all’altro. 
C’erano volute più di sei ore di chat per arrivare a quel punto, quindi l’ultima cosa che Eric voleva era spaventarlo. Aveva l’impressione che finalmente stessero entrando in confidenza e cominciando ad accettare la compagnia reciproca, almeno online. Adesso dovevano gettare un ponte anche nella vita reale e lui aveva intenzione di rendere le cose il più semplice possibile. Doveva fargli capire che tra loro andava tutto bene. 
«Vasche, eh? Perché invece non vediamo quanto sei veloce?» 
Rory si rilassò e abbassò le braccia. «Vuoi dire con una gara?» 
«Ottima idea. A stile libero.» Eric si spostò nella corsia accanto. «Andata e ritorno. E per renderla più interessante… chi perde paga da bere per entrambi.» 
Ricevette un mormorio di assenso. «D’accordo, affare fatto.» 
«Al tre, allora.» 
Rory si calò gli occhialini. 
«Uno… due… tre!» 
Eric lo lasciò tuffare un attimo prima. Il suo piano era di farlo vincere per metterlo di buon umore. Nuotò in maniera svogliata e controllò di tanto in tanto dov’era per accertarsi di non superarlo. Wow, era più lento di quanto avesse immaginato. In effetti, a nemmeno metà della distanza, era rallentato drasticamente. Provò a fare qualche bracciata indecisa nel tentativo di restargli dietro ma, a essere onesti, stava diventando difficile nuotare così male. 
Poi, a circa due terzi, Rory si fermò a fissarlo. Lui rimase a galleggiare e ricambiò lo sguardo. 
«Tutto bene?» gli chiese. 
«Non è possibile che tu faccia tanto schifo a nuotare,» commentò lui. 
«Detto da te fa un po’ ridere.» 
All’improvviso una risata riverberò sulla superficie dell’acqua. «Merda. Stavi cercando di lasciarmi vincere, vero?» 
«Credimi, non era per niente facile.» 
Ci fu una seconda risata, a cui Eric rispose con un ghigno. 
«Forza,» lo incitò Rory, e nuotò pigramente fino a bordo vasca. Una volta arrivato si aggrappò alla base della pedana. «Riproviamo. Stavolta per davvero.» Inarcò un sopracciglio. «Non trattenerti.» 
«Forse giusto un pochino? Non voglio metterti a disagio.» 
Rory rise ancora più forte. «Vedremo chi sarà a disagio. Andata e ritorno. Dacci dentro.» 
Fu lui a contare fino a tre e, come richiesto, Eric fendette l’acqua al suo normale passo da sprint. A quella velocità non riusciva a controllare quanto fosse indietro il suo avversario. 
Arrivato in fondo, virò e spinse con i piedi. Negli ultimi metri ci mise un pizzico di forza in più. 
Toccò il muro e si guardò alle spalle. 
«Non male,» commentò Rory alla sua destra. 
Lui si voltò di scatto. «Che diavolo…» Studiò la sua espressione divertita per qualche istante prima di capire. «Oh, merda, tu stavi lasciando vincere me.» Scoppiò a ridere. «Perché volevi che vincessi?» 
«Tu perché lo volevi?» 
Abbassò lo sguardo sulle corsie. «Di quanto hai vinto?» 
«Un paio di secondi buoni.» 
«Forse potresti darmi qualche consiglio.» 
«Certo che potrei.» 
Eric gli schizzò dell’acqua sul viso. «Che ne dici di fare qualche altra vasca e poi ti pago da bere come d’accordo?» 
Passarono l’ora successiva a nuotare. Rory gli rimase davanti per l’ottanta per cento del tempo. L’unico stile in cui non sembrava avere del vantaggio era il dorso. 
Alla fine uscirono dalla piscina, recuperarono le loro cose dagli appositi scomparti e si diressero verso gli spogliatoi. Erano curiosamente deserti, a esclusione di due ragazzi già vestiti in fondo alla stanza. 
Eric raggiunse le docce, dove si spogliò e si insaponò per lavare via il cloro. Sentì Rory entrare in una doccia un po’ più avanti, poi smozzicare un’imprecazione quando l’acqua gelata gli arrivò addosso. A quanto pareva la temperatura non era regolabile, per cui si spostò in quella accanto alla sua. 
«Se non funziona neppure quella, io ho quasi finito,» offrì lui. 
«No, questa va bene.» 
Eric rimase sotto il getto più a lungo del solito. Il calore dell’acqua era troppo piacevole per interromperlo, nonostante avesse dovuto premere sul pulsante varie volte perché continuasse a scendere. 
Finì insieme a Rory. Afferrò l’asciugamano e il resto delle sue cose, si spostò su una delle panche nell’area principale e iniziò a frizionarsi i capelli e il viso. Fu mentre appoggiava l’asciugamano sulla panca che si accorse che Rory era fermo in mezzo allo spogliatoio, inchiodato sul posto, e lo fissava sbattendo le ciglia. 
Non appena si rese conto che Eric se n’era accorto, arrossì e si affrettò a voltarsi. Si precipitò in uno dei cubicoli chiusi e fu impossibile non udirlo imprecare. «Fanculo!» 
Eric si irrigidì e strinse forte i jeans e la maglietta. Sapeva che, se non avesse sistemato in fretta le cose, Rory si sarebbe di nuovo chiuso a riccio. 
Per un istante si domandò se valesse sul serio la pena di aiutarlo – era evidente che fargli superare la marea di problemi che aveva gli sarebbe costato quintali di pazienza –, ma decise subito di sì. 
C’era qualcosa in lui che gli piaceva davvero, che risvegliava il suo interesse e gli faceva venire voglia di capirlo meglio. Ogni volta che chattavano imparava qualcosa di nuovo su di lui e spesso erano dettagli che lo incuriosivano ancora di più. 
Quindi sì, valeva la pena di avere pazienza. 
Dopo essersi vestito si avvicinò al cubicolo e si appoggiò contro la porta chiusa. «Mi serve un nome per il mio gattino. Ti va di aiutarmi?» 
I movimenti all’interno si interruppero. Per un istante ci fu solo silenzio e poi: «Sei un maestro a trovare nomi. Non hai bisogno di me.» 
«Sono un maestro a trovare nomi orribili. Forse dovresti farmi da supervisore?» 
Il sibilo di una cerniera che si chiudeva fu seguito dal fruscio di un sacchetto di plastica. Eric si allontanò dalla porta non appena sentì scattare la serratura. 
Rory uscì vestito di tutto punto e si mise il borsone a tracolla. Quando alzò gli occhi a incrociare i suoi, lui rimase immobile per qualche istante più del dovuto e non poté fare a meno di notare una certa ostinazione… come se Rory dovesse sfidarsi da solo per evitare di perdere il coraggio e distogliere lo sguardo. 
Lo lasciò vincere e lo abbassò per primo. «Allora, pensi di potermi aiutare?» 
«Cosa suggerisci di preciso?» 
«Devo offrirti da bere. Vieni a casa mia. Ti preparerò una tazza di tè o qualcosa del genere, così potrai aiutarmi a trovare un nome.» 
«Sai, a dire il vero preferisco i cuccioli ai micetti…» 
«Se era una scusa, te la stai cavando da cani.» 
«Ah ah. Divertente. E va bene, penso di poterti aiutare.» 
«Perfetto allora.» Indicò l’uscita. «Segui il pickup.» 


Rory e Eric sono due uomini in fuga. Fuggono da un passato che, come un peso enorme, grava sulle loro spalle, un passato che non vuole abbandonarli o che chiede di essere liberato per poter andare finalmente avanti. 

Un tubo portadisegni racchiude tutto ciò che Rory ha di più caro. Centinaia di ritratti del suo migliore amico William, morto tragicamente da quattro anni e che lui non riesce a dimenticare. L’amico con cui ha condiviso la sua infanzia, alleati di bravate e poi di bevute, di giorni e notti trascorsi sempre insieme. L’amico di cui è sempre stato segretamente innamorato, fin dal loro primo incontro. Un amore sbagliato, ripugnante, che Rory non ha mai confessato per colpa degli insegnamenti di un padre omofobo e intollerante, supportato da una madre che non si è mai opposta ai suoi pregiudizi. Essere omosessuali è una vergogna, una colpa, e Rory così impara a odiare, riversando il suo disgusto contro tutti i gay e soprattutto contro se stesso. È come una malattia che lo divora da quando ha perso William: non mai potuto confessargli i suoi sentimenti né amarlo come avrebbe voluto, e il rimorso per quanto ha perduto lo insegue, esattamente come il fantasma di William che vede in ogni città nello sguardo dei ragazzi che gli assomigliano, costringendolo a scappare ogni volta alla ricerca della libertà, con la speranza di poter andare avanti, per ritrovare se stesso e quella pace che continua a sfuggirgli. 

Un’urna racchiude tutto ciò che è rimasto a Eric: le ceneri di suo nonno, morto dopo tante sofferenze a causa di una malattia. Era tutta la sua famiglia, la persona che lo ha accudito e amato in seguito alla morte dei suoi genitori; l'uomo che lo ha cresciuto insegnandogli a godere della vita, ad avere fiducia, spronandolo fino alla fine a cercare veri amici, qualcosa di reale da poter chiamare futuro da costruire insieme. Gettare quelle ceneri nell’oceano, realizzando così l’ultimo desiderio di suo nonno, gli è impossibile. Senza quelle, ciò che è rimasto della sua famiglia lo abbandonerebbe definitivamente, lasciandolo solo, in una solitudine che gli spezza il cuore e gli toglie il respiro. 

Durante la loro fuga, i due s’incontrano sulla strada verso la meta che hanno in comune. O meglio, si incontrano nuovamente dopo una parentesi avvenuta due anni prima e che entrambi vorrebbero dimenticare — un bacio improvviso e inaspettato li ha scossi in modo diverso, suscitando parole di odio verso l’essere gay e il senso di umiliazione insito in quell’offesa. Il rancore, a lungo sedimentato, sgorga da un dialogo frammentato, poche battute che celano, però, il rimorso per quanto accaduto. Altre parole non dette che il destino troverà il modo di svelare, facendoli incontrare casualmente più volte e abbattendo, poco alla volta, la sfiducia e la paura di esporsi: Eric riconosce il dolore di Rory nel suo sguardo, il suo essersi perduto per strada e intravede anche la sua capacità di essere amorevole nei confronti di una bambina, ammira il suo talento artistico e comprende che c’è tanto in quel ragazzo da scoprire sotto quella facciata poco socievole, qualcosa che desidera emergere ma che ha bisogno di qualcuno che lo guidi verso la giusta direzione da prendere. E il vuoto che entrambi sentono viene riempito dai loro incontri causali, che presto diventano motivo di una sincera amicizia, tra nuotate in piscina, cene e conversazioni in chat. 
Il rancore verso se stesso e verso il mondo di Rory inizia a sgretolarsi grazie a suo zio Davy e a sua cugina Lily, due persone vicine e comprensive che gli mostrano la bellezza di avere quella famiglia che non ha mai avuto ma che ha continuamente desiderato e che lo avrebbe aiutato ad accettarsi, per vivere in modo diverso gli eventi del passato. Ma ancora di più, è Eric a fare la differenza, con la sua pazienza e il suo altruismo, pronto a perdonargli gli errori commessi, quell’amico speciale che lo consola nei suoi momenti peggiori, il confidente di ogni suo segreto, sempre al suo fianco per aiutarlo ad andare avanti. Una presenza che alla fine diventa necessaria per restare a galla, per conoscersi e accettarsi e che vuole, a sua volta, aiutare, attraverso piccoli gesti in una casa che cade a pezzi e con un micetto poco socievole, stravolgendo totalmente il suo assurdo elenco di aggettivi e parole dispregiative che iniziano con la lettera F, trasformandole in vocaboli che elencano tutte le sue qualità, che lo rendono una persona speciale, unica e di cui non può fare a meno di innamorarsi. 
Eric e Rory, insieme per costruire un nuovo futuro, con progetti all’orizzonte e quel calore che ormai riscalda le loro vite: un ultimo gesto per liberarsi del passato con dolore ma anche con gioia, ritornando a respirare per essere finalmente Felici ed essere finalmente una Famiglia

Quest’ultimo capitolo della serie Da nemici ad amanti non fa che confermare il grande talento di Anyta Sunday che avevo già apprezzato in altri suoi libri tradotti in italiano. Rory ed Eric sono due personaggi meravigliosamente delineati che entrano sotto pelle con la loro fragilità, il loro mondo interiore fatto di desideri inespressi e di sogni infranti e che i colpi crudeli della vita non hanno piegato definitivamente, lasciando viva quella scintilla che insieme riusciranno a far ritornare e risplendere in superficie. 
Amicizia e amore, dolore e speranza, un mix di emozioni che vi accompagnerà in questo libro che consiglio a tutti voi di leggere. Al cento per cento. 


È possibile seguire Anyta Sunday su: 
Web Site: CLICCA QUI 
Facebook: CLICCA QUI 
Twitter: CLICCA QUI

Anyta Sunday biografia 
Sono una grande, GRANDISSIMA fan dei romance a “cottura lenta”. Amo leggere storie dove i personaggi si innamorano pian piano.
Alcune delle situazioni di cui preferisco leggere e scrivere sono: da nemici ad amanti, da amici ad amanti, e ragazzi che proprio non vogliono saperne di cogliere i segnali.
Scrivo storie di vario genere: romance contemporanei con una buona cucchiaiata di angst, romance contemporanei spensierati e, a volte, persino storie con una spruzzata di fantasy. 




a Rafflecopter giveaway 

LINK DIRETTO: Rafflecopter clicca qui 

Blog partecipanti al Tour dal 2 al 10 ottobre per "Quello che non ami": 
M/M e dintorni l'altro lato del romance 
Queer as a Book 
Romance and Fantasy for Cosmopolitan Girls 
Emozioni fra le pagine 
Letture Sale & Pepe 
Testa e Piedi tra le Pagine dei Libri 
Tre Libri sopra il Cielo 
LoveLiveLifeBook 

Ringraziamo per la disponibilità e la gentile attenzione la preziosissima Judith di A Novel Take Pr clicca qui

ottobre 02, 2017 / by / 0 Comments

Nessun commento:

Posta un commento

Post Top Ad