Recensione: "Cuore di terra rossa 3" (Serie Terra Rossa #3) di N. R. Walker

Titolo: Cuore di Terra Rossa 3 
Titolo ogirinale: Red Dirt Heart 3 
Serie: Terra Rossa #3 
Autrice: N. R. Walker 
Traduzione: Emanuela Graziani 
Editore: Triskell Edizioni 
Genere: Cowboy / Contemporaneo 
Pagg.: 277 
Data di uscita: 26 giugno 2017 
Link per l'acquistoTriskell - Amazon

Sinossi 
La vita per Charlie Sutton non è mai andata meglio, né è mai stata così tanto piena. Ora che Travis è una presenza fissa alla Sutton Station e al suo fianco, Charlie si è convinto che non riuscirebbe a fare nulla di quello che c'è sulla sua lista di cose da fare, che continua sempre ad allungarsi, senza di lui.
Charlie può gestire un'attività che vale milioni di dollari, conseguire la sua laurea, cercare di portare avanti l'industria della carne bovina, occuparsi dei problemi dello staff, della salute cagionevole di Ma, e di un vombato che pretende attenzioni. Può anche fare i conti con una visitatrice inaspettata e delle notizie sconvolgenti.
Può occuparsi di tutto, finché ha Travis al suo fianco. 
Ma cosa succederebbe se lui non fosse più lì? 

Cuore di Terra Rossa 3 racconta di come Charlie Sutton si renda finalmente conto di poter essere l'uomo che Travis Craig merita, anche se non lo ha lì con sé. È una storia  che parla d'amore, del tenere duro, di lasciar andare e di tornare a casa. 

Recensione
Quando lo abbiamo incontrato per la prima volta, Charlie Sutton era esattamente come il deserto dove si erge la sua fattoria, la Sutton Station, una sconfinata terra rossa di 2.58 milioni di acri, sperduta nel bel mezzo nulla, una sfida quotidiana alla sopravvivenza, accettata e vinta dal protagonista della serie Terra Rossa, nonostante la sua giovane età. 
Come quel deserto, Charlie vive il suo tempo in silenzio e isolato dal resto del mondo, fino a quando un texano "tutto occhi blu e sorrisi disarmanti" non entra di prepotenza nella sua vita. Da quel momento in poi, ci si rende conto che né Charlie Sutton né il deserto, che lui tanto ama, sono mai stati come appaiono. La terra dell’Outback ha la sua voce, che va oltre le parole, udibili dalle persone che la vivono fino in fondo.
Dal primo al terzo libro udiamo la voce di entrambi, della terra e di Charlie, che finalmente riesce a sfondare quel muro fatto di silenzi e solitudine dietro al quale si è costretto e, poi, adeguato a vivere. 
Il vero Charlie emerge sempre più nel corso della serie: il suo coming out alla fattoria nel primo libro, il successivo dinanzi alla comunità di Alice Springs, la città più vicina che dista tre ore di macchina dalla sua proprietà, un ulteriore passo verso una maggiore consapevolezza di se stesso e dei suoi desideri.
In "Cuore di terra rossa 3" Charlie continua la sua bellissima ed emozionante evoluzione: si rivela non soltanto al mondo, ma soprattutto a se stesso. 
Se Travis è stato lo sprone iniziale, in questo libro, pieno di eventi, scoperte e rivelazioni, Charlie finalmente fa pace con se stesso fino in fondo, diventando l’uomo che ha sempre voluto essere. 
Il suo è un percorso lento che necessita di tanti passaggi in successione dove un’altra parte della sua personalità emerge e viene accettata: Charlie impara a vedere il gruppo di persone con le quali vive da anni non più come un insieme di collaboratori, ma come una famiglia vera e propria, ed estirpa i paletti che limitano il confine tra essere capo ed essere amico, quasi un fratello, quei paletti che da sempre lo hanno condizionato in quello che è giusto dire e in cosa è giusto fare. 
Un passato doloroso ritorna dopo l’abbandono in tenera età e viene accolto per quello che il presente può offrire, perché la vita è così, toglie e, successivamente, restituisce ciò che potrebbe rendere tutto migliore. Ma, soprattutto, Charlie fa pace, in modo definitivo, con il ricordo di un padre ancora fin troppo presente, nonostante siano passati alcuni anni dalla sua morte. Un padre che non aveva mai smesso di amarlo, incapace di manifestare i suoi sentimenti al figlio, ma così orgoglioso di lui da averlo detto pubblicamente in giro; un padre così simile a Charlie e di cui Charlie stava ricalcando le orme, fino a quando non sono arrivati l’amore e il desiderio di rappresentare il nuovo in quella parte di mondo così difficile da amare e da gestire, se non si possiede lo sguardo giusto per vederne le potenzialità e la sua estrema bellezza. Perché il viaggio che questa splendida autrice ci ha raccontato non è solo quello di Charlie verso la presa di coscienza di sé, ma è anche un viaggio in un mondo ancora troppo ancorato al passato e alle sua convenzioni, poco aperto alle innovazioni e soprattutto poco o per nulla tollerante verso le persone con diversi orientamenti sessuali. 
Charlie diventa l’emblema di un cambiamento che anche altri iniziano ad auspicare, perché amano quella terra rossa, la sua voce che va oltre le parole, una terra che non fa distinzioni così come non dovrebbero essercene nell’animo e nel cuore degli uomini che la vivono quotidianamente.
Scrivere una serie come questa e, soprattutto, in questo modo, non è affatto semplice. Nella sua nota biografica l’autrice dice di sognare ragazzi carini che si amano, ma è solo una piccola parte di quello che è il suo vero talento, uno di quelli radicati nel proprio DNA. Creare un personaggio e sezionarlo pezzo per pezzo, indagando nella sua mente, scavando in tutti i suoi desideri e paure, è estremamente difficile, perché si corre il rischio di cadere nel banale o in quei loop mentali che alla fine stonano e deconcentrano il lettore. N.R. Walker, invece, cattura, avvince e ci tiene stretti alla sua storia, con passione, sofferenza e un'ironia che ti fanno amare ogni pagina di questo libro, con i suoi Beatles, Sonny e Cher, Nugget e l’Orsetto Zuffa, gli imprevisti, il dolore, le separazioni che aiutano a diventare l’eroe di se stessi, le cadute e il risollevarsi per combattere nonostante tutto, con l’amore che ti fa fermare il cuore e ti fa guardare l’altro come se fosse in grado di appendere la luna in cielo. 
E per ultimo, ma non perché meno importante, parliamo di Travis Craig, che con la sua inesauribile energia e la sua solarità è riuscito a rendere tutto il mondo di Charlie perfetto, così come per tutti gli altri personaggi. Travis ha amato fin dal principio Charlie e la sua terra rossa, sentendo la loro voce e riuscendo a tirare fuori da entrambi la magia che era nascosta dentro di loro. Ha preteso e lottato per continuare a sentire quelle voci, vincendo tutti gli ostacoli e trovando alla fine la sua vera casa. Ha costretto Charlie a guardarsi dentro per scoprire il suo vero io, perché lui si potesse vedere con i suoi occhi. E sarà quello che accadrà nel prossimo libro, il libro di Travis, dove finalmente vedremo quella magia che lo ha fatto innamorare di Charlie e della sua terra. 

Commenti