Recensione "Vivi" di Susan Moretto

Titolo: Vivi 
Autore: Susan Moretto 
Editore: Self-Publishing 
Genere: Contemporaneo 
Link per l'acquistoAmazon
Formato: E-Book prossimamente cartaceo 
Prezzo: € 3.29 
Data di uscita: 26 marzo 2017

Sinossi 
La vita di Cam si è fermata quattro anni prima, quando gli è stata comunicata la morte di suo marito Jack durante una missione in Iraq. Rimasto solo con la loro figlia Cassie e ridotto a un guscio vuoto, Cam si limita a esistere.
La vita di Jamie, invece, è in pausa da quando suo fratello maggiore Jack si è innamorato di Cam, con cui ha costruito una famiglia. Deciso a metterci una pietra sopra, per dieci anni è stato il cognato e il fratellino perfetti.
Ma quando si rende conto che Cam si limita a sopravvivere, fa letteralmente di tutto per riportarlo alla vita. Anche se questo significa fare a pezzi il proprio cuore e ciò che resta della sua famiglia... 

Recensione 
"Vivi" di Susan Moretto non è un libro semplice. Anche se conta solamente un centinaio di pagine, queste sono dense di amore, di odio, di sofferenza e di speranza: l'amore di un uomo, Cameron, per il marito, Jack, che lo ha lasciato per raggiungere un sogno più grande di loro, l'amore per una bambina tanto desiderata, l'odio verso un destino avverso, la sofferenza per un'esistenza ormai vuota, che spinge Cam a trascinarsi giorno dopo giorno, e, infine, la speranza di riuscire a demolire quel muro di risentimento e di dolore dietro il quale si guarda la vita degli altri. 

Cam torna dalla suocera per la festività del 4 luglio alcuni anni dopo la morte del marito. La relazione fra lui e Cordelia non è mai stata delle migliori, poiché la donna non ha mai ritenuto l'uomo adatto al figlio tanto amato. Cam coglie l'occasione per rivedere anche il cognato, Jamie, ma dopo quattro anni lo trova trasformato da ragazzino del college in un uomo molto piacente.
Per il protagonista rivedere la famiglia del marito è doloroso ed equivale a ripercorrere, in un certo senso, il lungo viale dei ricordi, alcuni anche spiacevoli: l'impatto con una cruda realtà, infatti, costringe l'uomo a sostituire l'idea di un marito perfetto, quasi integerrimo salvatore della patria, con quella di uomo con molti difetti, che si sentiva, forse, imprigionato nella figura di marito e di padre.   

L'autrice ci regala una narrazione lucida e coinvolgente, sostenuta dal doppio punto di vista dei protagonisti, per cui riusciamo, più facilmente, a capire e a conoscere anche Jamie, dolce fratello minore, che è sempre stato innamorato del cognato e che fa di tutto affinché Cam torni  a vivere. 
I due uomini  non hanno quasi nulla in comune, sono profondamente diversi per scelte ed esperienze di vita: Cameron è serio, posato, e con un lavoro stabile, mentre Jamie è allegro ed estroverso, ancora in cerca del suo posto nel mondo, della strada da percorrere. Incontrarsi di nuovo, dopo tanti anni, però, porta in superficie e allo scoperto interrogativi a cui è arrivato, finalmente, il momento di rispondere. 

In "Vivi" Susan Moretto affronta, con il suo stile pulito ed essenziale, i temi del lutto, dell'amore e delle seconde possibilità. È un libro, questo, che consiglio di leggere perché ci ricorda che, per ottenere la felicità, bisogna lottare, prendere delle decisioni difficili e, soprattutto, mettersi in gioco.  
Mi piacerebbe leggere di più su Cam e Jamie e sull'evoluzione del loro rapporto, e scoprire qualche altro particolare sul matrimonio di Cam e Jack. Be' incrocio le dita e... vi auguro una buona lettura! 


Commenti