Post Top Ad

giovedì 2 marzo 2017

Recensione in Anteprima "A Nudo" di Manuela Chiarottino

Titolo: A Nudo
Autrice: Manuela Chiarottino
Genere: Contemporaneo
Editore: Self Publishing
Data di uscita: 6 marzo 2017
Link per l'acquistoKobo e da lunedì 6 marzo 2017 su tutti gli store.

Sinossi: 
Recitare, sorridere, dimenticare. Queste sono tre parole che Alex Bohlen ha imparato bene e, all’alba del suo nuovo film, sembra non esserci altro che questo mantra. E l’alcool: la panacea per tutti i suoi mali. Un passato da cancellare, un futuro ancora troppo nebuloso e una sessualità da tenere nascosta, per non perdere la fama ottenuta, sono tutto ciò che caratterizza la sua vita. Almeno finché non gli viene messo alle calcagna il giovane Niyol, assistente dalle origini navajo, assunto dal suo agente per non permettere ad Alex di eccedere nel bere e portare a termine le riprese del nuovo film. Ma Niyol è troppo serio, troppo ligio al dovere: troppo bello. Una tentazione continua che rischia di far esplodere ogni sicurezza, ogni punto certo. Se un punto certo è mai esistito prima di lui… 

Recensione
È possibile mettersi a nudo di fronte alla persona che si ama? Liberarsi delle maschere, dei travestimenti che si utilizzano per proteggersi e farsi vedere da un altro essere umano per come si è realmente, rivelando i difetti, le debolezze, le imperfezioni che ci appartengono?
Questi sono gli interrogativi che Manuela Chiarottino solleva nel suo ultimo intenso lavoro "A Nudo", una storia difficile e complessa che racconta le vicende di due uomini diametralmente opposti ma complementari, che ci insegnano che l'amore, forse, è proprio questo: spogliarsi di tutto e donarsi all'altro senza aspettarsi nulla in cambio.
Dopo l'ironico e leggero "Una Notte da Ricordare", Manuela ci riporta alle atmosfere più intimistiche del suo primo romance M/M " Due Passi Avanti, un Passo Indietro", costruendo un romanzo molto complesso e dai molteplici volti: "A nudo", infatti, non è  solo il racconto di un amore romantico, ma è anche un'analisi sentita del rapporto genitori/figli, delle dinamiche che si instaurano tra fratelli, del tema sofferto dell'infanzia rubata. E l'autrice lo fa, a mio parere, magistralmente, sottolineando e mettendo in luce tutti questi aspetti in modo equilibrato e mai banale, in una storia che fa sorridere, pensare e commuovere.

Alex Bohlen è un giovane attore che sembra avere tutto dalla vita: una carriera in ascesa, una bellezza abbagliante, uno stuolo di fans che lo idolatra. Alex, quindi, dovrebbe essere felice perché ha raggiunto l'obiettivo che si era prefissato tanti anni prima: uscire dalla miseria che è stata la sua gioventù e riscattarsi, avere tutto quello che ha sempre desiderato. Ma, allora, perché si ritrova sempre solo, a bere e a ubriacarsi ogni notte?
L'autrice ha creato un bellissimo personaggio pieno di luci e di ombre: un adulto insoddisfatto della sua vita - solo apparentemente perfetta - che soffre per la sua infanzia negata, fatta di responsabilità non volute ma, purtroppo, subite; un uomo che ha scelto l'unico lavoro possibile, ovvero quello dell'attore, perché è quello che Alex ha sempre fatto, ha sempre indossato delle maschere, dei travestimenti per non farsi conoscere, per non rendere visibile la sua sofferenza e la sua fragilità.
Il suo mondo artefatto, però, comincia a incrinarsi davanti a due occhi meravigliosi, in cui Alex trova la luce della speranza e la profondità di una saggezza antica, occhi capaci di spogliarlo, di scorgere i suoi segreti e dinanzi ai quali si sente nudo.
Niylon irrompe nella vita di Alex con il ruolo di assistente personale imposto dalla produzione per arginare i suoi comportamenti distruttivi.
L'attore capisce subito che in quel ragazzo c'è qualcosa di diverso: non è solo la sua avvenenza ad attirarlo, ma anche quello che gli fa provare, come si sente quando è vicino a lui.
Niylon, un ragazzo ventiduenne che sogna di poter girare un giorno dei film, accetta di fare da assistente a un attore famoso per le sue intemperanze e per il suo brutto carattere, per vedere all'opera il suo regista preferito. Però, già al primo incontro, rimane colpito dagli occhi di Alex, velati da una tristezza malcelata dietro a un atteggiamento di strafottenza e di goliardia.
Da un certo punto di vista Niylon può essere considerato l'antitesi di Alex: sempre compito e calmo, non ha mai una reazione eccessiva, è affidabile e pronto ad aiutare. Ma anche lui ha avuto un'infanzia ed un'adolescenza difficile: la madre, una nativa americana, lo ha sempre spinto a seguire le tradizione del suo popolo, i Navajo, e questo lo ha portato ad essere oggetto di continue prese in giro, soprattutto perché non ha mai nascosto di essere gay.
L'autrice ha caratterizzato il suo personaggio in modo perfetto: se da un lato Alex ha sepolto il suo dolore, con l'intento di non lasciarlo affiorare per nessun motivo, Niylon ci convive, lo accetta in quanto parte integrante di se stesso.

I due uomini riusciranno ad avvicinarsi? Potranno spogliarsi delle proprie paure, mostrandosi nudi l'uno all'altro nella loro umanità e nel loro amore?
È una strada lunga e difficile quella che dovranno percorrere Alex e Niylon e noi lettori con loro: vivremo la timida nascita dei loro sentimenti, il loro conoscersi, capirsi, amarsi e soffriremo per le loro incomprensioni, per le crude verità, perché non riescono a fidarsi l'uno dell'altro.
"A Nudo" è un romanzo da cui emerge prepotentemente l'amore che l'autrice ha riversato nei suoi personaggi, la cura di ogni dettaglio, lo studio che si nasconde dietro ad ogni frase. Anche se l'evoluzione più importante appartiene al personaggio di Alex, ho apprezzato la scelta di Manuela Chiarottino di dare voce anche a Niyol, che ci racconta la nascita del suo amore per l'attore, perché credo che questo abbia reso ancora più completa la comprensione del libro. 
Ottime le scene d'amore: dolci e appassionate, mai volgari, sono da considerarsi come il coronamento di un amore puro tra due uomini che si scoprono e che, alla fine, capiscono di appartenersi.
Un libro che consiglio, assolutamente, di leggere per farsi trasportare dalle atmosfere piene di storia dei Navajo, dalle loro leggende e credenze, e per conoscere dei personaggi veramente speciali, che vi rimarranno nel cuore.


marzo 02, 2017 / by / 0 Comments

Nessun commento:

Posta un commento

Post Top Ad