Recensione "Tutta Colpa di Buck" di Olivia Hessen


Sinossi:
Adam e Jordan sono nati e cresciuti a Eatonville, un pittoresco paese racchiuso fra le nevose montagne dello stato di Washington.
Hanno condiviso sempre tutto, lasciando che la loro amicizia diventasse qualcosa di più profondo, fino a quando Adam ha ferito Jordan spezzandogli il cuore.
Dopo diciotto anni di lontananza, Jordan decide di tornare nel suo paese natale, augurandosi di non trovare più Adam sulla sua strada.
Adam invece spera ogni giorno di rivedere Jordan, e di poterlo riconquistare.

Riuscirà un improbabile cupido a quattro zampe di nome Buck a far nascere di nuovo l’amore?




Recensione

Se c'è una cosa che mi piace moltissimo, è il Natale. Il Natale, i cani e gli amori che ritornano dopo anni di lontananza! 
Adam è un uomo che sembra avere tutto dalla vita: un figlio adolescente, che ama più di se stesso, un padre che adora, un lavoro che lo appassiona e naturalmente Buck, un golden retriever in sovrappeso trovato per caso in un bosco. Ma si sa, le apparenze ingannano e il nostro protagonista nasconde a tutti un grande vuoto che ha nel cuore: continua, infatti, ad essere innamorato del suo primo amore, Jordan, a cui ha spezzato il cuore, quando erano diciottenni. 

Il padre di Adam, consapevole del dolore che tormenta il figlio, con la complicità del padrino di Jordan, architetta un piano per far ritrovare i due ragazzi.  Jordan, infatti, sta per rientrare a Eatonville per prendere il posto di veterinario della città, credendo, erroneamente, che Adam sia ancora sposato e che non abiti più in paese. Quindi, cosa succederà quando i due si rivedranno?



Assisteremo a furiosi litigi, a cose non dette e a sfoghi frustranti, che alla fine, come in ogni buon romance che si rispetti, ci regaleranno il sospirato lieto fine, con un regalo di Natale, assolutamente,  perfetto.

Questo è il primo libro di Olivia Hessen che leggo e posso dire di essere rimasta soddisfatta: sia la qualità della scrittura, pulita ed essenziale, sia la caratterizzazione dei personaggi è perfettamente riuscita. L'unico elemento che ho trovato, forse, un po' eccessivo risiede nei tanti anni che i due amanti passano lontano l'uno dall'altro, ma nel complesso ogni cosa in questo romanzo ha la sua giusta collocazione, anche i personaggi minori, come il padre e il figlio di Adam, che cercano in tutti i modi di far capire al confuso protagonista che per avere ancora una possibilità con Jordan deve rischiare il tutto per tutto. A rassicurare e a consigliare il caparbio veterinario, invece, troveremo la sua amica del cuore, Julie. 
A fare da cornice a questo quadro variopinto avremo una bellissima atmosfera natalizia e festosa.


Consiglio la lettura di questo libro, secondo me perfetto per prolungare la dolce aria del Natale e per tenere gelosamente nel cuore quel pizzico di romanticismo, che non guasta mai.


Commenti